domenica 14 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.05.2022 La Russia è uno stato terrorista
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 11 maggio 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La Russia è uno stato terrorista»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/05/2022, a pag. 3, l'editoriale "La Russia è uno stato terrorista".

Quanto costa la cravatta indossata da Putin alla parata
Vladimir Putin

Il Parlamento della Lituania ha approvato ieri all’unanimità una risoluzione in cui vengono definiti crimini di guerra quelli compiuti dalla Russia in Ucraina. Ma nella risoluzione si legge anche che “la Federazione russa, le cui forze militari prendono di mira deliberatamente e sistematicamente obiettivi civili, è uno Stato che sostiene e perpetra il terrorismo”. Con il provvedimento, il Parlamento lituano chiede inoltre l’istituzione di un Tribunale penale internazionale speciale per indagare sul crimine di aggressione della Russia contro l’Ucraina che abbia il potere di emettere mandati d’arresto internazionali. E’ la prima volta che un paese europeo definisce “stato terrorista” quello guidato da Vladimir Putin, e non è un caso che il segnale arrivi dalla Lituania, il piccolo paese baltico che finora ha dato lezioni sull’atteggiamento da tenere contro l’aggressività russa e in generale contro i paesi autoritari. Qualche giorno fa anche la speaker della Camera americana, Nancy Pelosi, aveva detto che “se la Russia non dovesse essere inserita nella lista dei paesi sponsor del terrorismo, allora cancellate la lista”.

Il 15 aprile scorso era stato il presidente ucraino Zelensky a chiedere al suo omologo Joe Biden di inserire la Russia nella lista del governo americano – che attualmente comprende Cuba, la Corea del nord, l’Iran e la Siria – ma fino a oggi non è stato fatto alcun passo avanti in questo senso. E forse la Lituania può aprire a un’accelerazione. Dichiarare la Russia uno stato terrorista per molti paesi è un’azione puramente formale, ma nel caso della lista del dipartimento di stato americano il significato è completamente diverso. La Russia soddisfa già i criteri per rientrare nell’elenco di quei paesi, e il suo inserimento nella lista autorizzerebbe Washington a sanzioni economiche ancora più ampie. Inoltre, la sua rimozione potrebbe essere oggetto di negoziazioni, dicono gli esperti. Al di là della strategia, dichiarare la Russia uno stato terrorista avrebbe un significato anche più importante: dire la verità senza paura, come fa la Lituania.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT