martedi` 28 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.05.2022 Il cinismo 'pacifista' di Salvini
Attacca Biden anziché Putin e spera nella resa ucraina

Testata: Il Foglio
Data: 10 maggio 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il cinismo pacifista di Salvini»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/05/2022, a pag.3 l'editoriale "Il cinismo pacifista di Salvini".

Report, Salvini e Putin: imbarazzante - Politica Insieme
Matteo Salvini con Vladimir Putin

La strategia comunicativa di Matteo Salvini è cambiata. Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, il leader della Lega ha sempre evitato di fare nomi. In due interventi al Senato, è stato in grado di non nominare mai la Russia né il suo presidente Vladimir Putin come responsabili dell’invasione. Salvini ha detto di stare dalla parte degli “aggrediti” e contro gli “aggressori”, senza specificazioni. Anche sui social network, arena della Bestia salviniana, non compare un solo tweet contro Putin. Mai una critica, mai una condanna citando il nome del responsabile di questa guerra. Probabilmente nel tentativo goffo di nascondere l’uomo politico a cui si ispirava come modello e di cui, quasi come un modello, sfoggiava le magliette con il faccione stampato sopra. Ma, dicevamo, ora qualcosa è cambiato. E’ venuto il tempo di fare i nomi dei responsabili. Dopo due mesi e mezzo di guerra Salvini ha preso coraggio e ha fatto un tweet: contro Joe Biden. “Sono d’accordo con Delrio (Pd). Biden abbassi i toni, basta guerra, Italia ed Europa siano mediatori e portatori di pace”. La questione non è rilevante perché mostra l’ambiguità della Lega, cosa evidente a tutti, ma perché indica come si sta muovendo il paese. Se due mesi fa Salvini era imbarazzato in pubblico per la sua vicinanza a Putin, ora invece si sente a suo agio. Cos’è cambiato? Da un lato Salvini ha iniziato a camminare su strade già battute da chi a sinistra e nel mondo cattolico indica gli Stati Uniti e la Nato come i principali ostacoli alla pace. Dall’altro nella società italiana, oltre ai pacifisti e agli antiamericani, c’è una larga fetta di popolazione sempre più insofferente perché semplicemente non vuole pagare le conseguenze dell’invasione russa. E vede la resistenza ucraina come un problema: se si fossero arresi e se Putin avesse vinto, non ci sarebbero state ricadute economiche sul gas e sul petrolio. Nel 1939 in Europa c’era chi non voleva morire per Danzica, oggi molti non vogliono pagare bollette più alte per Mariupol. Salvini è l’interprete di questo cinismo pacifista.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT