domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.05.2022 I putiniani tra noi e il Cretino collettivo
Analisi di Giuliano Ferrara

Testata: Il Foglio
Data: 07 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Giuliano Ferrara
Titolo: «E’ solo il Cretino Collettivo nella sua fase senile che non capisce la differenza tra Saddam e Zelensky»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi 07/05/2022, a pag.1 con il titolo "E’ solo il Cretino Collettivo nella sua fase senile che non capisce la differenza tra Saddam e Zelensky" l'analisi di Giuliano Ferrara.

Chi è Giuliano Ferrara, malattia, figli, moglie, dove vive: perchè è  dimagrito - Il Giornale d'Italia
Giuliano Ferrara

Putin, la minaccia della terza guerra mondiale, l'Europa e la Nato -  Formiche.net
Vladimir Putin

Fare storia e fare verità sono due impossibili diversi tra loro. Per questo alla fine c’è la fede, che però è diversa dalla credenza, e c’è la liturgia della fede e del mistero che è diversa dalla propaganda e dall’ovvio santificato. Il mondo è ricco di studiosi accademici intellettuali che importano (Pankaj Mishra, Peter Frankopan, forse anche Noam Chomsky), gente che fa seriamente storiografia dei poteri o sociologia storica dei sistemi, tra oriente e occidente, tra colonialismo, imperialismo e dominazione culturale. Sono in genere critici radicali della via percorsa dalla storia dei vincitori e dal loro modo di concepire e organizzare il dominio politico, l’obbligo, la forza con i suoi apparati. Colonialismo e imperialismo dell’Ottocento sono per loro la radice di mali che si prolungano nel tempo moderno e che parlano di egemonismo, unilateralità, dittatura di tecnologia, finanza e complesso militare. Mishra è un castigatore dei miti del liberalismo come ideologia eguagliatrice nelle possibilità e di tutela della libertà. Frankopan riscrive integralmente la storia dal punto di incrocio della Via della seta, ricentra i fatti e li legge con altri occhi, spesso persuasivamente, dai mongoli al commercio delle pelli e delle perle al colpo di stato contro Mossadeq per il petrolio. Chomsky ha nel sistema di sicurezza degli Stati Uniti il suo spauracchio, la giustificazione secondo lui di ogni male inferto alla giustizia e alla pace per ogni dove. Sono persone serie, scrivono e pensano con raziocinio, documentano: credo che sbaglino ottica, ma fa niente, fare storia è una letteratura e fare verità, come dicevo, una leggenda con basi più o meno solide. Chi siamo noi per giudicare? Diverso è il caso delle turpitudini bolse e delle banalità che ci sono inferte dal penoso, grossolano dibattito pubblico mediato dalla tv o da qualche giornale, puntualmente ripreso in occasione della guerra in Europa e in Ucraina.

Luciano Capone ha sistemato la cosa inchiodando la credula farneticazione su una guerra che sarebbe voluta dagli americani e dalla Nato, di cui gli ucraini sarebbero infidi strumenti, per non parlare dei negazionisti delle stragi di Bucha e altre. Ma la pseudoideuzza più in voga è quella che paragona la guerra in Ucraina alle guerre in Afghanistan e in Iraq, non puoi condannare quella se non condanni queste o non le hai condannate. Sfugge allo stolto che in Afghanistan se ne stava accucciato con la sua organizzazione terroristica fondamentalista internazionale l’uomo dell’11 settembre, tremila morti a Manhattan, e che intorno a lui il regime talebano tagliava mani e segregava le ragazze, cosa che è tornato a fare dopo la sconfitta dell’imperialismo a Kabul, tomba degli imperi. Quella a Kyiv e a Mariupol è un’invasione da parte di un regime autoritario contro un paese indipendente e libero, seguita a molte guerre per procura che da molti anni qualificano il Cremlino e il suo revanscismo come il principale destabilizzatore del mondo. Quelle contro i coraggiosi e sanguinari talebani e contro il losco dittatore laico, Saddam Hussein, furono, in reazione al più grande attentato della storia dell’umanità, e nel perseguimento di una strategia di riequilibrio e stabilizzazione, due guerre fatte nel nome della libertà dalle democrazie occidentali e dagli americani, per eliminare tagliagole pericolosi e un regime di sangue che minacciava costitutivamente la pace (Kuwait, Osirak). Torturatori e stragisti di Bucha e dintorni sono promossi e decorati, Seymour Hersh sul New Yorker fece strame dei perpetratori della strage vietnamita di Mi Lai, castigati duramente, ed Edward Kennedy al Congresso di Washington diede voce alla vergogna nazionale americana per le torture di Abu Ghraib, vendicata in giudizio. In Russia il destino delle Politkovskaja e degli altri che provano a essere persone non è grato, e non esiste un Parlamento libero. Per quanto cerchino di rivestirsi dei panni della precauzione e della dialettica, e si provino a imitare i seri critici dell’occidente, quelli che non capiscono la differenza tra Saddam e Zelensky o la differenza tra Putin e Bush sono solo il Cretino Collettivo nella sua fase senile.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT