mercoledi` 07 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
05.05.2022 Così Moni Ovadia rilancia la propagandista antisemita contro Zelensky
Commento di Luciano Capone

Testata: Il Foglio
Data: 05 maggio 2022
Pagina: 2
Autore: Luciano Capone
Titolo: «Così Moni Ovadia rilancia la propagandista antisemita contro Zelensky»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 05/05/2022, a pag. 2 l'analisi di Luciano Capone dal titolo "Così Moni Ovadia rilancia la propagandista antisemita contro Zelensky".

Intervento per il cancro
Vladimir Putin

L’uso dell’antisemitismo per accusare gli ucraini di essere nazisti, attraverso quello che la coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo Milena Santerini proprio sul Foglio ha definito “il capovolgimento dei fatti”, è preoccupante e sempre più paradossale. Dopo il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che per giustificare la “denazificazione” in Ucraina è arrivato a sostenere che come Zelensky “anche Hitler aveva origini ebraiche”, argomentazioni analoghe per addossare la colpa alle vittime sono state usate anche nella serata “Pace proibita”, organizzata da Michele Santoro. Con il paradosso che a farlo è stato un ebreo come Moni Ovadia. “Trafficando in rete ho scoperto – dice Ovadia aprendo il suo intervento – una giornalista statunitense, si chiama Lara Logan. Ha fatto interviste e dichiarazioni definite ‘bombe di verità cadute sulla Casa Bianca’”. La tesi rilanciata da Ovadia è che l’Ucraina sia piena di nazisti, quelli del famigerato Battaglione Azov, autori di efferati crimini nel Donbas: “Questo è il motivo per cui la Crimea ha voluto stare con la Russia”. Prosegue dicendo che questi sono “ i discendenti dei nazisti ucraini che collaborarono con le SS” e svela che dietro c’è una lunga storia di finanziamenti degli Stati Uniti e della Cia. Ovadia sminuisce le parole di Lavrov su Hitler ebreo e dice che oggi il vero problema in Europa è il nazismo dilagante in Ucraina: “Questa non è una giornalista della Pravda. Lara Logan – dice Ovadia – è un esempio di quello che è il giornalismo anglosassone mentre i nostri non sono più giornalisti: sono velinari su ordine del governo degli Usa”.

Moni Ovadia: «Ricordare serve al futuro»
Moni Ovadia

Cosa c’è di paradossale? Moni Ovadia usa come fonte autorevole una cospirazionista autrice di diverse uscite antisemite, tanto gravi da costringere persino Fox News, la tv della destra trumpiana a metterla alla porta. La Logan, che è una No vax, ha detto che “Tony Fauci non rappresenta la scienza ma Josef Mengele, il medico nazista che faceva esperimenti sugli ebrei nei campi di concentramento”. Una frase che ha provocato la sdegnata reazione dell’Auschwitz Memorial: “Sfruttare la tragedia delle persone che sono diventate vittime di esperimenti criminali pseudomedici ad Auschwitz in un dibattito sui vaccini è vergognoso”. Logan ha detto anche che Charles Darwin sarebbe stato assunto dai Rothschild, un altro grande classico dell’antisemitismo, per inventarsi la teoria dell’evoluzione. Ma, soprattutto, ha diffuso sulla guerra in Ucraina le tesi cospirazioniste del Cremlino e per questo è stata spesso rilanciata dai canali ufficiali russi come esempio di corretta informazione. La giornalista che piace a Ovadia di Zelensky dice è un pupazzo della Cia che si dedica a pratiche “sataniche e occulte”. Difende l’“operazione speciale” russa, elogia il Cremlino per aver scoperto “biolaboratori” segreti del figlio di Biden (un’altra teoria complottista) e descrive Putin come “l’uomo che si frappone tra noi e il Nuovo Ordine Mondiale”. E così Ovadia chez Santoro arriva ad accusare l’ebreo Zelensky di essere filonazista sulla base delle tesi di un’antisemita e definisce i giornalisti italiani “velinari del governo degli Usa” mentre lui si beve le follie di una giornalista che rilancia la propaganda del Cremlino. Il capovolgimento dei fatti e delle parole: come colpevolizzare gli ucraini vittime di un massacro durante una manifestazione per la “pace”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT