giovedi` 19 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.05.2022 La guerra di Putin contro i giornalisti non allineati
Il discorso di Zoja Svetova

Testata: Il Foglio
Data: 04 maggio 2022
Pagina: 8
Autore: Zoja Svetova
Titolo: «Il Cremlino ha un altro fronte di guerra: quello contro i giornalisti»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 04/05/2022, a pag. 8 il discorso di Zoja Svetova dal titolo "Il Cremlino ha un altro fronte di guerra: quello contro i giornalisti".

zoya svetova, la giornalista della 'novaja gazeta', costretta a chiudere:  continuo con i podcast... - Cronache
Zoja Svetova

Pubblichiamo il discorso che Zoja Svetova, giornalista di Novaja Gazeta, ha pronunciato ieri nel Giardino dei Giusti di Milano in occasione della cerimonia di Gariwo per la Giornata mondiale della libertà di stampa al fianco dei giornalisti russi indipendenti.

Il 3 maggio si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale della libertà di stampa. Una festa per giornalisti, corrispondenti, pubblicisti, editorialisti. Per tutti coloro che scrivono sulla stampa cartacea o su internet. Tutti coloro che si considerano giornalisti. Ci si potrebbe chiedere se una festa simile si celebri anche in Russia. Più no che sì. Certo i giornalisti amano festeggiare, bere, fare discorsi e brindisi. Ma in generale, preferiscono lavorare, ottenere informazioni, correre ad aiutare, descrivere le situazioni drammatiche più difficili in modo che ci sia risonanza. Loro, i giornalisti, preferiscono non festeggiare, ma cambiare le vite, cambiare il mondo.

Traduzione dell'articolo di Novaya Gazeta di Tetyana Maksymyuk e della  lettera aperta del caporedattore Dmitri Muratov al Mufti della Repubblica  cecena – Certi Diritti

Questo è quello che ha sempre fatto Novaja Gazeta, il giornale in cui ha lavorato Anna Politkovskaja, in onore della quale è stata eretta una lapide commemorativa in questo giardino. Per molti anni ho collaborato con Novaja Gazeta, uno dei giornali indipendenti russi più famosi, giornale in cui sono stati uccisi diversi giornalisti che scrivevano della guerra, della corruzione russa ai massimi livelli del potere russo. Ho scritto molti articoli per Novaja Gazeta, ho sempre scritto del sistema giudiziario russo, del sistema carcerario russo, della società russa, della violazione dei diritti umani in Russia. Sono diventato un membro della redazione il 1 marzo del 2022. Il 28 marzo i redattori di Novaja Gazeta hanno annunciato che avrebbero sospeso la pubblicazione del giornale fino al termine dell’operazione speciale in Ucraina, poiché le autorità russe ci esortano a chiamare così ciò che sta accadendo in Ucraina. Dopo il 24 febbraio, è stata sostanzialmente introdotta la censura militare in Russia. E in poche settimane tutti i media indipendenti sono stati chiusi. Ekho Mosky, Tv Rain e infine Novaja Gazeta hanno ricevuto un avvertimento da Roskomnadzor, l’agenzia statale, che ha avvertito il giornale che sarebbe stato bloccato, cioè sostanzialmente distrutto. […] Così il 28 marzo la redazione ha deciso di sospendere i lavori della versione cartacea e online, affinché il giornale non venisse del tutto smantellato. Ma i media indipendenti venivano intimiditi e fermati anche prima dell’operazione speciale, nel periodo 2021-2022. Più di quaranta organi di stampa stranieri e accreditati in Russia sono stati riconosciuti come agenti stranieri, più di cento giornalisti sono stati riconosciuti come agenti stranieri, diverse pubblicazioni indipendenti sono state riconosciute come organizzazioni indesiderabili (e la partecipazione a tali media comporta la reclusione) e bloccate.

I giornalisti riconosciuti come agenti stranieri hanno iniziato a lasciare la Russia anche prima dell’inizio dell’operazione speciale e il direttore della Novaja Gazeta, Dmitry Muratov, ha parlato dell’aereo dei giornalisti quando ha ricevuto il Premio Nobel per la pace. I giornalisti di Novaja Gazeta non possono pubblicare in Russia e sperano davvero che il giornale venga pubblicato di nuovo quando la situazione in Russia cambierà. Centinaia di giornalisti che hanno lasciato la Russia negli ultimi due mesi non sono rimasti inattivi, i giornalisti di Dozhd trasmettono quotidianamente su YouTube, che non è ancora bloccato in Russia, Ekho Moskvy trasmette su YouTube, i canali Live di Navalny (e lo stesso Navalny è in prigione a scontare la sua condanna a nove anni) hanno 6 milioni di visualizzazioni, equivalenti alle visualizzazioni del Primo canale, uno dei principali canali di propaganda russa. La guerra del governo russo contro i giornalisti è iniziata dopo il 2014, dopo l’annessione della Crimea. Prima di allora, il giornalismo in Russia era una professione pericolosa, i giornalisti venivano ammazzati: Dmitri Kholodov, Yuri Shchekochikhin, Paul Khlebnikov, Anna Politkovskaja, Alexei Domnikov, Natalya Estemirova. I giornalisti venivano picchiati, la Russia occupava un posto significativo nella classifica dei paesi pericolosi secondo la classifica di “Reporter senza frontiere”. Nel giugno 2019, un giornalista investigativo di Meduza, Ivan Golunov, è stato arrestato a Mosca con false accuse. E’ stato accusato di spaccio di droga, un’accusa completamente falsa. Era la vendetta dei funzionari per le sue inchieste. Le accuse e l’arresto di Golunov hanno avuto l’effetto di far esplodere una bomba. Grazie a un’azione di solidarietà senza precedenti di centinaia, migliaia di giornalisti e media russi, che esistevano ancora. Tre importanti giornali sono usciti contemporaneamente con la copertina “Siamo Ivanov Golunov”. Dopo cinque giorni il giornalista è stato rilasciato ed è riuscito a ottenere una condanna contro i poliziotti che hanno fabbricato il suo caso. Fu allora che il governo russo dichiarò guerra ai giornalisti. Sono passati tre anni e nel giugno del 2021 Ivan Safronov, noto giornalista militare del quotidiano Kommersant, il cui proprietario è l’oligarca russo Alisher Usmanov, è stato arrestato. Safronov è stato accusato di tradimento, e di aver passato informazioni a funzionari della Nato. Rischia fino a 20 anni di prigione.

E’ in corso a Mosca il processo contro di lui, a porte chiuse. Dalle informazioni pubblicate nelle lettere dalla prigione è evidente che Safronov è perseguitato per la sua attività di giornalista e per i suoi articoli sulla guerra. Il giornalista Vladimir Kara-Murza è stato arrestato il 22 aprile scorso in base alla legge sulle fake news. Questa legge è stata approvata all’inizio di marzo e diverse persone sono già state arrestate. Vladimir Kara-Murza rischia fino a 10 anni. E’ stato accusato di aver parlato in America della diffusione di informazioni deliberatamente false sulle azioni delle forze armate russe in Ucraina. Vladimir Kara-Murza ha due cittadinanze, una russa e una dell’Irlanda del nord. In questi due mesi di operazione speciale in Ucraina diversi giornalisti sono già morti, tra cui uno russo. Uno dei giornalisti morti sotto i bombardamenti a Kiev era Oksana Baulina, una mia collega e redattrice a Mbk Media. Aveva solo quarantadue anni. Molti giovani giornalisti, forti e professionali, giornalisti investigativi, militari, che scrivono oggi sul genocidio, sulle violazioni dei diritti umani, come prima di loro Anna Politkovskaja, oggi lottano per la verità e per un futuro migliore per il loro paese, la Russia, come ha fatto l’accademico Andrei Sakharov, e i loro nomi saranno scritti nella storia, come quello di Vasili Grossman. Oggi in questo Giardino dei Giusti ricordiamo tutti i morti e tutti i giornalisti coraggiosi in Russia, che lavorano sia in Russia sia in altri paesi.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT