lunedi` 27 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.04.2022 Anpi: se il nemico non è Putin ma l'Occidente
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 16 aprile 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il nemico dell'Anpi non è Putin, è la Nato»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/04/2022, a pag.3 l'editoriale "Il nemico dell'Anpi non è Putin, è la Nato".

ANPI | Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

L’Anpi, l'Associazione nazionale partigiani d'Italia, ha passato gran parte della sua esistenza a denunciare il rischio fascismo e a invitare a resistere contro le varie derive fasciste, più presunte che vere. E ora che sulla scena europea il fascismo appare in tutta la sua drammaticità, nelle fattezze di un autocrate che vuole ridisegnare le cartine geografiche, riscrive la storia, invade un paese, bombarda i civili e rade al suolo le città sotto le insegne di un'inquietante "Z", fa fatica a riconoscerlo. Il principale problema pare essere la Nato, ovvero gli Stati Uniti. Due giorni prima dell'annunciata invasione dell'Ucraina, l'Anpi non aveva alcuna parola di condanna per Putin ma se la prendeva con l'America: "Biden cessi immediatamente sia le clamorose ingerenze nella vita interna dell'Ucraina sia le dichiarazioni belliciste e le ininterrotte minacce nei confronti della Russia". Un comunicato che sembrava scritto dal Cremlino.

NATO - Wikipedia

Durante la guerra, l'Anpi si è premurata non solo di avere una posizione contraria all'invio di armi alla resistenza ucraina ma attraverso il suo presidente, il cossuttiano Pagliarulo, ha addirittura chiesto la dismissione della Nato (ovvero di quell'alleanza in cui vogliono entrare i paesi invasi o minacciati dal fascistone di cui sopra) in quanto strumento degli Usa. Ieri, infine, il solito Pagliarulo parlando del 25 aprile ha detto che in piazza sono vietate le bandiere della Nato (non quelle con la "Z" di Putin). Non si capisce da dove salti fuori questo ridicolo dress code antifascista, soprattutto perché nessuno s'è mai sognato di andare in giro sventolando la bandiera della Nato (almeno prima del niet del compagno Pagliarulo). Sarebbe stato più in linea con il suo palese spirito antiamericano se l'Anpi avesse chiesto di non presentarsi a festeggiare il 25 aprile con la bandiera degli Stati Uniti. Certo, sarebbe stata una posizione chiaramente stridente rispetto alla storia della Liberazione italiana, ma di certo più onesta e meno ridicola del no alle bandiere della Nato.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT