lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.03.2022 La crisi ucraina, gli Usa e l'accordo con l'Iran nucleare
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 16 marzo 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il deal iraniano è più vicino (per ora)»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/03/2022, a pag.3 l'editoriale "Il deal iraniano è più vicino (per ora)".

Nuove sanzioni per Russia e Iran: quali effetti in Italia? - FIRSTonline

L’accordo sul nucleare iraniano sembra essere di nuovo più vicino dopo che gli Stati Uniti hanno promesso per iscritto quello che i russi volevano: le sanzioni per la guerra in Ucraina non intaccheranno le ricche relazioni economiche fra Mosca e Teheran che ammontano a oltre un miliardo di dollari. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ieri è volato in Iran e ha annunciato che ora "la Russia non porrà alcun impedimento a un accordo". Un funzionario del dipartimento di stato americano ha confermato a Reuters che "forse ora Mosca capirà che le nuove sanzioni alla Russia non sono legate ai negoziati di Vienna sul nucleare iraniano". In realtà i due dossier erano legati fra loro. Il presidente americano Joe Biden vuole concludere in tempi brevi quella che sarebbe una vittoria diplomatica da spendere sia con il proprio elettorato -riportare in vita il deal sul nucleare iraniano era fra le sue promesse elettorali - sia sul fronte della politica estera. Subito dopo le parole di Lavrov, ieri i prezzi del petrolio sono scesi sotto i 100 dollari al barile per la prima volta da 15 giorni.

Russia and the Iran–Israel proxy conflict - Wikipedia

Nella bozza di accordo presentata a Vienna sono inclusi lo smantellamento delle sanzioni e la riapertura dei mercati al petrolio iraniano. Con i paesi produttori dell'Opec+ poco inclini ad aumentare la produzione, il greggio iraniano è di vitale importanza per stabilizzare al ribasso i prezzi. Ma come ha ricordato lo stesso Lavrov, l'accordo sul nucleare deve ancora essere raggiunto e gli ostacoli ora potrebbero arrivare da altre direzioni. Oltre ai malumori di Israele e delle monarchie sunnite del Golfo, che non si fidano della buona volontà degli iraniani, ci sono anche quelli che arrivano da Washington. Lunedì, i 49 senatori repubblicani hanno scritto una lettera a Biden avvertendolo che concedere alla Russia una deroga alle sanzioni in questo momento, "in cambio di mere limitazioni temporanee sul deal iraniano" potrebbe essere un errore grave. "Un accordo così importante senza un vasto sostegno bipartisan al Congresso non avrà vita lunga".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT