mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
05.03.2022 La storia di Shamil
Commento di Franco Debenedetti

Testata: Il Foglio
Data: 05 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Franco Debenedetti
Titolo: «Shamil»

Riprendiamo dal FOGLIO online con il titolo "Shamil", il commento di Franco Debenedetti.

Risultati immagini per franco debenedetti
Franco Debenedetti

Guerra Russia Ucraina, Torino si stringe intorno al popolo ucraino,  Piemonte accoglierà profughi - La Stampa

L’avevano chiamato Shamil il loro primo figlio (che sarebbe poi stato mio nonno materno). Shamil, come il leggendario capo della resistenza antirussa nella guerra del Caucaso dal 1834 al 1859, che era morto l'anno prima, nel 1870. Stabilito uno stato indipendente nel Daghestan, Shamil organizzò e rafforzò le forze cecene e daghestane e le guidò in imponenti incursioni contro le posizioni russe. La spedizione organizzata dai russi nel 1838 non riuscì a catturarlo, e così neppure quelle successive: si impadronivano di fortezze e città, ma Shamil riusciva sempre a sfuggirgli. Tra la sua gente era diventato una leggenda, e anche in occidente era visto come un romantico combattente per la libertà, una sorta di alleato di Francia e Inghilterra, e quindi dei nostri bersaglieri, nella guerra di Crimea. Per i miei bisnonni, che dovevano aver avuto buone ragioni per lasciare la nativa Nuova Aquitania, il Piemonte era patria di adozione: motivo in più per auspicare per il neonato un futuro di indipendenza delle nazioni e di libertà dei popoli. E dunque Shamil, nomen omen: diventerà ufficiale e morirà accidentalmente nelle grandi manovre prima della guerra del 1914-’18, lasciando mia madre orfana a 8 anni. La sofferta partecipazione agli orrori a cui sono sottoposti gli ucraini e l’ammirazione per il coraggio di cui danno prova sono sentimenti che dovrebbero indurci ad apprezzare le libertà di cui godiamo, e a fare giustizia di posizioni che oggi ci appaiono in tutto il loro cinismo e opportunismo. Prendere posizione è ciò che dobbiamo fare noi, ma è anche qualcosa che possiamo pretendere da altri. Certo, direttori d’orchestra, cantanti, giocatori di calcio non sono loro i “volonterosi carnefici”, che ha ogni dittatore: ma forse è stato il loro successo a far sì che ci facessimo meno caso. Vale per loro come per noi: alcuni dovranno pagare per gli sbagli, ma non è che chi non ha fatto quel che poteva per evitarlo non abbia anche lui motivo di riflettere. Zelensky sarebbe un nome po’ ingombrante per un neonato, ma qualche coraggioso Shamil verrà certo fuori in questa tragedia.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT