mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.03.2022 Guerra in Ucraina: la posizione di Israele
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 04 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Israele nel mezzo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 04/03/2022, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Israele nel mezzo'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

La grande battaglia ideologica in Medio Oriente è fra pragmatici ed  estremisti - Israele.net - Israele.net
Yossi Kuperwasser

Roma. "Israele vuole essere dalla parte giusta della storia, l'Ucraina, ma allo stesso tempo non vuole distruggere il suo rapporto e coordinamento con i russi e le loro forze in Siria, che aiutano molto Israele a non finire nei guai". Parlando con il Foglio da Kyiv, Ron Ben Yishai, il più importante giornalista del maggiore quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, da quarant'anni decano dei corrispondenti militari (immortalato nel film "Valzer con Bashir", è l'unico giornalista che abbia visitato il reattore nucleare vicino a Damasco dopo che era stato distrutto da Israele), sintetizza così la posizione di Gerusalemme sulla guerra in Europa. "Allo stesso tempo, moralmente, Israele sostiene l'Ucraina ed è contro l'attacco ingiustificato da parte della Russia su un paese indipendente. Israele non vende armi all'Ucraina, ma dispositivi protettivi. Ieri ho incontrato un soldato ucraino, che quando ha saputo che ero israeliano, mi ha mostrato il suo giubbotto antiproiettile prodotto da noi". Il giorno in cui la Russia ha invaso l'Ucraina, il primo ministro israeliano, Naftali Bennett, non ha citato la Russia nemmeno una volta. Ha pregato per la pace, ha chiesto il dialogo e promesso sostegno ai cittadini ucraini. Bennett ha lasciato al ministro degli Esteri, Yair Lapid, il compito di criticare Mosca in una dichiarazione separata. C'è poi stata una prima astensione su un voto di condanna all'Onu (Israele in seguito ha votato con le altre democrazie). Dopo le richieste del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Bennett si è offerto due volte di mediare fra Russia e Ucraina, e i funzionari israeliani hanno fatto la spola tra le controparti russe, ucraine e americane: "Una mediazione che potrebbe aver contribuito alla decisione dell'Ucraina di incontrare i funzionari russi al confine bielorusso-ucraino", come scrive Ronen Bergman sul New York Times. Domenica, Bennett è stato anche uno dei primi capi di stato a parlare con Putin. Benjamin Netanyahu ha detto al governo di stare "calmo" sulla Russia. C'è a chi non piace tanto equilibrismo. Zelensky ieri ha criticato l'attendismo del premier israeliano. Barak Ravid di Axios ha parlato con alcuni ufficiali dell'Amministrazione Biden, che gli hanno rivelato: "Abbiamo detto agli israeliani che questo è il momento di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato". Nathan Sharansky, che guidò il dissenso dei refusnik ebrei in Unione sovietica, ha invitato il suo governo ad assumere una "posizione morale chiara". Il rabbino capo dell'Ucraina, Moshe Azman, ha fatto appello al rabbino capo russo, Berel Lazar, vicino a Putin, perché condanni la guerra. Yossi Kuperwasser del Jerusalem Center for Public Affairs è uno dei più noti esperti israeliani di sicurezza, passato dall'esercito dove ha diretto la ricerca alla direzione del ministero degli Affari strategici. "A Israele il presidente ucraino ha chiesto di intervenire come mediatore", ci racconta Kuperwasser. "Se possiamo contribuire a mettere fine a questa tragedia, lo faremo. Questa invasione russa deve essere condannata, per questo abbiamo votato contro i russi all'Onu, ma allo stesso tempo non c'è soltanto la condanna, ma bisogna trovare un modo per fermarla, per motivi umanitari e perché non vogliamo un confronto con la Russia, che è presente in Siria, dove ci sono Hezbollah e l'Iran. E Israele ha bisogno della sua libertà di movimento. Dobbiamo mantenere il coordinamento con i russi in Siria. Facciamo parte dell'occidente, del mondo libero, ma siamo anche in una situazione complessa. Sia gli americani sia i russi capiscono la nostra posizione".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT