venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.12.2021 MeToo e censura
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 07 dicembre 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «'Il MeToo Ŕ sacro'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/12/2021, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Il MeToo Ŕ sacro'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

MeToo, l'eros passa su un confine sottile - La Nuova Sardegna

Roma. Un dibattito organizzato attorno al libro della filosofa Sabine Prokhoris, critica del MeToo, Ŕ stato cancellato all'ultimo minuto dalla facoltÓ Descartes Necker. "#MeToo: irragionevolezza collettiva, panico sessuale". Questo il titolo del dibattito attorno al libro di Prokhoris, "Le Mirage #MeToo". CÚdric Lemogne della facoltÓ di Medicina giustifica cosý la censura: "Il nostro istituto, come tutte le universitÓ, ha avviato da diversi anni una politica di prevenzione della violenza sessuale. Il dibattito era incompatibile. Non si tratta di censurare, ma permettere che si tenesse questa conferenza avrebbe mandato un messaggio ambiguo". Sabine Prokhoris, parlando con il settimanale Marianne, dice che avrebbe voluto dibattere sulle conseguenze della "rivoluzione purificatrice del MeToo". Paul Bensussan, psichiatra della Corte di cassazione, intervistato sempre da Marianne, spiega che doveva parlare alla conferenza per difendere l'idea "che un esperto non dovrebbe mai essere un attivista. C'Ŕ una regressione del pensiero che significa che ogni critica Ŕ squalificata". Erano state segnalate proteste contro il dibattito e accademici avevano preso posizione perla censura. "Su MeToo, ma non solo, in nome della libertÓ di parola, su pressione di gruppi militanti, ogni voce di dissenso Ŕ considerata illegittima, addirittura complice delle violenze sulle donne" dice Prokhoris. E cita il caso nel Regno Unito di Kathleen Stock, accademica e attivista femminista che ha dovuto dimettersi dall'UniversitÓ del Sussex per la critica al gender. "Oggi siamo di fronte a un programma metapolitico, per usare un termine derivato da Gramsci: una minoranza si sta diffondendo nell'opinione pubblica, prima conquistando le Úlite intellettuali e poi prendendo il potere nelle istituzioni", conclude Prokhoris. Il woke, egemone in quelle americane, sta conquistando anche le universitÓ francesi. Un allestimento delle "Supplici" di Eschilo Ŕ stato cancellato alla Sorbona in seguito alle accuse di razzismo. "Charb", StÚphane Charbonnier, il direttore di Charlie Hebdo, prima che i terroristi lo uccidessero stava lavorando a un libro che sarebbe uscito postumo, una Lettera ai truffatori della islamofobia. Non si rivolgeva ai terroristi che avrebbero decimato la sua redazione, ma agli "escrocs", i benpensanti imbroglioni. E i truffatori si sarebbero presi la rivincita anche da morto. In una intervista all'Express, il regista che ha portato in scena quel testo macchiato di sangue, GÚrald Dumont, rivela che le universitÓ lo boicottano tutte. "Le volte che abbiamo fatto richiesta non abbiamo ricevuto risposta". Le universitÓ stanno diventando dei soviet.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT