giovedi` 09 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
24.11.2021 Le menzogne dei social
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 24 novembre 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Quante balle palestinesi»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 24/11/2021, a pag. 3, l'editoriale 'Quante balle palestinesi'.

A destra: Eli David Kay

Sheikh Fadi Abu Shkhaydam è un predicatore palestinese legato al gruppo terrorista Hamas che domenica si è messo a sparare fra i vicoli di Gerusalemme con l'intento di ammazzare quanti più civili possibili. Ha ucciso una guida turistica, Eliyahu Kay di 27 anni, e ha ferito altre quattro persone prima di essere abbattuto dalla polizia. Mohammed el Kurd è un attivista palestinese che ha vissuto negli Stati Uniti ed è salito alla ribalta internazionale la scorsa primavera perché era la voce delle proteste a Sheikh Jarrah, un quartiere di Gerusalemme al centro di una contesa giuridica con Israele. Hamas sfruttò la contesa come casus belli per dieci giorni di guerra contro gli israeliani, ma torniamo a El Kurd. Su Twitter l'attivista ha scritto che l'uomo "ha sparato a un settler del Sudafrica in un scambio a fuoco (foto qui sotto)" e "ha ferito tre soldati dell'occupazione". Nella foto, presa al tempo della leva, Kay è in uniforme. Ora, l'uomo ucciso era un civile. Non era un settler. Non è stato ucciso in uno scambio a fuoco, ma a sangue freddo, a sorpresa, durante un attentato contro civili. El Kurd, che è ascoltato come un profeta o una star della causa, non riesce a scrivere una sola cosa giusta. Un attentato contro i civili (celebrato da Hamas con la solita distribuzione di dolciumi) diventa uno scontro militare. Il che dimostra ancora una volta che i social sono molto più menzogneri dei media ufficiali, anche se l'opinione pubblica è convinta che sia il contrario e che siano portatori di verità. E' un abbaglio, chissà in quanti se ne renderanno conto.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT