giovedi` 09 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.11.2021 Yana Grinshpun: 'Cancel culture erede del lavaggio del cervello in stile sovietico'
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 23 novembre 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «I nuovi conformisti»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/11/2021, a pag. I, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'I nuovi conformisti'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Yana Grinshpun: Antisemitism in France and the Media | IIBSA
Yana Grinshpun

Quando eravamo bambini, nella Russia sovietica, avevamo i nostri classici. Tra le opere che hanno segnato la mia infanzia e che continuano a interrogare i miei figli oggi, c'era una bella poesia, intitolata `Un grosso scarafaggio', scritta da un grande poeta russo, Kornej Chukovski. Uno scarafaggio arriva nella giungla. Terrorizza tutti gli animali: leoni, tigri, coccodrilli, orsi, canguri. Esercita su di loro un fascino e un potere inspiegabili. Li minaccia ed essi gli obbediscono. Non sanno perché, ma obbediscono tutti, timorosi che se dicono qualcosa lo scarafaggio porti via i loro figli. Perché animali così grandi si sottomettono a una creatura lurida? La poesia ha però un lieto fine: arriva un passero che ingoia lo scarafaggio senza porsi troppe domande filosofiche. Gli animali escono dal loro nascondiglio e festeggiano congratulandosi con il passero". Parte da questo aneddoto il lungo saggio di Yana Grinshpun, linguista di origine russa che insegna all'Università Sorbonne Nouvelle di Parigi, sulla Revue des deux mondes. Grinshpun lo rievoca per stabilire un parallelo fra l'ideologia sovietica e certi meccanismi oggi in vigore in occidente. "La situazione nel mondo accademico oggi è stranamente simile a quella di questa poesia. Sono stupita dalla rapidità con cui i miei colleghi accademici si schierano con i nuovi tiranni di genere e razza che stanno spiegando alle persone chi sono, come dovrebbero sentirsi e comportarsi, come dovrebbero parlare e scrivere. Mi sembra di essere tornata a quarant'anni fa, in una specie di infinito giorno della marmotta comunista. Tranne che la marmotta assomiglia molto a quello scarafaggio. Ho avuto la storica fortuna di assistere alla fine del regime sovietico che è crollato sotto i nostri occhi. La scomparsa del sistema comunista, che ha distrutto la vita di milioni di persone, compresi i miei parenti, ha deliziato gran parte degli ex cittadini sovietici. Oggi ho la storica possibilità di rivivere alcune manifestazioni di questo regime nel paese di cui oggi sono cittadina. Non tutti i miei contemporanei possono vantarsi di aver visto avverarsi la predizione di Karl Marx secondo cui la storia si ripete sotto forma di farsa, e una farsa molto sinistra".

Il progressismo ormai "è come la bandiera rossa sulle fabbriche sovietiche. Parlando di studenti che si convertono all'islam e che si velano, ho citato Soumission di Michel Houellebecq ad alcuni colleghi nella sala insegnanti. Uno di loro era indignato per la mia lettura, chiedendosi come potevo leggere `quelli di destra'. E' così che ho imparato che ci sono insegnanti per i quali l'unica letteratura legittima dovrebbe essere di sinistra. E mi è venuta in mente un'esperienza nella scuola sovietica. In Unione sovietica ho dovuto frequentare il corso di storia del marxismo-leninismo al liceo. All'epoca, la lingua del nostro insegnante e dei libri di testo del Partito non mi interessava ancora come lo è oggi - preferivo concentrarmi sulla lettura di Thomas Mann, come Mario e il mago che non era proprio uno dei libri acclamati dal canone sovietico. L'insegnante afferrò il libro e mi disse che leggere gli scrittori imperialisti, rappresentanti del `marciume' borghese e imperialista, perverte le menti dei giovani". "Nel campo accademico, dove regnano gli `intellettuali', vediamo "Sono in tanti a non crederci, ma temono di non conformarsi e di passare per furfanti di estrema destra" molti tentativi di creare ancora un Uomo Nuovo", dice Grinshpun al Foglio. "Questo Uomo Nuovo doveva incarnare l'ideale sociale di relazioni politiche, sociali e soprattutto umane profondamente nuove. Tutti uguali e tutti felici in una società egualitaria, senza discriminazioni di classe, sesso e razza. Ogni ex cittadino sovietico riconosce il ritornello utopico che ci è stato ripetuto dalla mattina alla sera. Solo che la realtà di questa utopia, dietro la facciata di bei discorsi egualitari, era orribile e intollerante. Una battuta illustra l'ideologia dei sovietici (e gli autoproclamati `progressisti' di ogni tipo). Nel 1917, una vecchia aristocratica udì degli spari per strada. Manda il suo maggiordomo. Lui torna e dice: `Questa è la rivoluzione, signora'. Lei continua a interrogarlo: `E cosa vogliono queste persone?'. Il maggiordomo risponde: `vogliono che non ci siano più ricchi'. Allora la vecchia rispose: `Che strano, pensavo che la rivoluzione sia quando vuoi che non ci siano più poveri"'. L'Unione sovietica non esiste più, "ma la sua sedicesima Repubblica sovietica francese (come il kgb chiamava scherzosamente la Francia) sta per adottare un'ideologia pericolosa, coercitiva, moralizzante e punitiva come quella da cui siamo fuggiti circa trent'anni fa".

Ultimo esempio la lingua neutra al genere inserita nel Robert, il famoso dizionario. Emmanuel Macron si sta opponendo molto a questa ideologia. "C'era lo slang marxista-leninista, il discorso di slogan moralizzatori, l'egualitarismo sfrenato, che creava generazioni di ignari della storia e del loro passato, poiché i sovietici volevano spazzarlo via. Lo riconosciamo oggi nei cliché della prosa militante delle decolo-femministe-antirazziste-antisioniste che pretendono di salvare l'umanità dalla débacle della disuguaglianza. Con gli stessi slogan e gli stessi metodi. E le stesse pretese di `scientificità'. Se prendiamo una definizione dalla Grande enciclopedia sovietica: `Il marxismo-leninismo è un sistema scientifico di visioni filosofiche, economiche e socio-politiche che costituiscono la visione del mondo della classe operaia; scienza sulla conoscenza e sulla trasformazione rivoluzionaria del mondo, sulle leggi dello sviluppo della società, della natura e del pensiero umano, sulle leggi della lotta rivoluzionaria della classe operaia per il rovesciamento del capitalismo, sull'attività creativa operaia nella costruzione di un socialismo e società comunista'... e oggi il marxismo-leninismo è sostituito da parole che designano ideologie postmoderne come `genere', `razza', `antirazzismo', 'neofemminismo', `razzismo sistemico', 'antisionismo', `diritti umani' che sono ovviamente `scientifici"'. In Urss, la gente fingeva di credere a questi slogan, perché sfidandoli poteva rischiare la vita. "Tuttavia, la rischiano anche qui, criticando l'islam, quella buona religione di pace tanto difesa dai `progressisti'. Samuel Paty non è tanto vittima degli islamisti quanto della simpatia dei `progressisti' che spesso presentano gli assassini islamisti come una nuova figura del proletario. Stiamo ancora una volta vivendo i vecchi cliché del mondo che abbiamo conosciuto così bene: anticapitalismo, antimperialismo, post-marxismo (che alimentava i postmodernisti), antisionismo, egualitarismo, antielitarismo. La denigrazione delle élite è molto di moda nel mondo accademico in Francia e soprattutto quando emana da queste stesse élite: da persone che hanno lavorato molto per raggiungere il livello di conoscenze e competenze che ha permesso loro di svolgere un ruolo nella società. Questa eredità delle utopie egualitarie del maggio '68 è una vera caricatura del comunismo sovietico. In Unione sovietica si chiamava `Likbez' (corso di liquidazione dell'analfabetismo). E in questo, l'università francese ha di gran lunga superato l'Unione sovietica. L'odio per le élite era uno dei tratti distintivi dell'ideologia sovietica".

Poi c'è il controllo della coscienza. "Assistiamo, con lo stupore di un déjà-vu, al desiderio di cambiare le coscienze peccaminose dei soggetti cattivi. I sovietici liberarono la lingua russa dai `resti della decadenza borghese'. Gli `inclusivisti' europei sono solo una caricatura, una versione soft, dei loro predecessori. L'opera di parità lessicale e di purificazione del linguaggio dai termini sessisti, razzisti, maschilisti, preferenzialisti va di pari passo con la purificazione delle abitudini alimentari, il culto del veganismo, la lotta allo specismo, l'obbligo del `avere pensieri tolleranti e benevoli, per coltivare l'amore per il prossimo, per combattere la `discriminazione'. Coloro che non acconsentono a questi sproloqui ideologici vengono rapidamente relegati nel campo dei reazionari, dei fascisti, dell'estrema destra, considerati insomma `i nemici del popolo"'. Si torna all'ideale di uomo nuovo. "Sento il profumo molto familiare della costruzione di un uomo nuovo, o meglio, di un mondo nuovo (senza uomini, o uomini ridotti alla loro originale colpa di essere uomini); l'amicizia tra i popoli, la riscrittura della storia e della letteratura, le cause contro i colpevoli dei secoli passati e poi l'espulsione di elementi indesiderati con il pretesto della loro intolleranza. Proprio come un noto racconto di Mikhail Bulgakov, in cui il personaggio principale, Sharikov, è un cane trovato dal chirurgo, che sostituisce i suoi testicoli di cane con testicoli umani per studiare gli effetti del ringiovanimento sugli organi. Sharikov si trasforma in uomo, per un curioso effetto collaterale, e si comporta come un vero proletario comunista senza cultura, senza conoscenza, senza rispetto per nessuno, maledicendo tutti coloro che non corrispondono alle sue visioni ideologiche e soprattutto sogna di ottenere liberarsi del chirurgo che lo ha creato, perché quest'ultimo gli sembra un elemento borghese individualista indesiderabile per il buon funzionamento della morale comunista. La storia si conclude con un'operazione inversa in cui Sharikov torna a essere un cane, ma le sue idee sono già penetrate in milioni di altri cuori, proprio come i nostri egualitari impegnati nella difesa delle cause immaginarie. Ma questa è una notizia ottimistica, poiché la realtà sul campo mostra l'incredibile fioritura di Sharikov in occidente. Uno dei grandi dissidenti russi del XX secolo, Vladimir Bukowsky, ha messo in guardia, dagli anni 90, contro ciò che l'occidente sarebbe diventato: `Non commettete errori: stiamo vivendo una seconda Guerra fredda, con una nuova generazione di utopie coercitive che si sforzano di cambiare la nostra cultura'. Sono gli stessi metodi, lo stesso stile, anche le stesse facce. Oggi solo il loro gergo è nuovo: `diversità culturale', `diritto di riproduzione', `conformità politica'. Tuttavia, l'essenza totalitaria della nuova ideologia è abbastanza evidente, così come i suoi strumenti indispensabili: repressione, propaganda, censura".

Qual è la minaccia del conformismo? "La risposta a questa domanda la dà Bertolucci, nel suo `Il Conformista'. E' difficile aggiungervi pensieri originali. Il problema è che il conformismo può rivelarsi liberticida, può portare all'emergere del peggior totalitarismo. Quando ho chiesto ai miei genitori dell'avvento del terrore stalinista, del potere esorbitante che il Partito comunista aveva in Russia, che milioni di cittadini odiavano sinceramente, mi hanno detto che era per conformismo e poi per paura. Paradossalmente, ho scoperto il conformismo come forma di esistenza all'università francese dove molti intellettuali brandiscono incessantemente le parole delle nuove ideologie totalitarie: 'parità', `inclusivismo', `convivenza', `minoranze oppresse', liberazione delle donne', e tutto questo bric-à-brac esibizionista di falso progressismo. In fondo sono in tanti a non crederci, ma temono di non conformarsi all'epoca dei tempi, di passare per furfanti di estrema destra: gli uomini sono schiacciati davanti alle neofemministe aggressive e castranti che sognano un mondo purificato dagli uomini, i Bianchi si battono per terra per i `crimini' della `colonizzazione' dei secoli passati. Il silenzio dei conformisti porterà a nuove ovvie forme di totalitarismo. Tuttavia, mi sembra che la forma peggiore di conformismo oggi sia la pretesa di non conformismo. L'appello alla disobbedienza civile, l'appello a uscire dall"eterosessualità', a distruggere le centrali nucleari, a mangiare cibo biologico, a rispettare la Madre Terra, a negare la differenza tra i sessi, a liberare la Palestina dagli ebrei, ecc. è solo una forma invertita del peggior conformismo sociale. Un grande filosofo francese, Vladimir Jankélévitch, lo riassumeva bene: `Di tutti i conformismi, il conformismo dell'anticonformismo è oggi il più ipocrita e il più diffuso"'.

Quale società rischiamo se questo radicalismo ha successo? "Tutto dipende da quale radicalismo può fiorire. Scrittori e pensatori hanno già risposto mille volte a questa domanda. Non ho niente di originale da aggiungere. Il romanzo Soumission di Michel Houellebecq è stato profetico. L'entrismo degli islamisti radicali, ampiamente favorito dalla sinistra terzomondista, decoloniale, filocomunista, antisionista, è già un fatto compiuto in Francia". Questo radicalismo porterà alla fine della cultura occidentale come la conosciamo. "La dittatura delle minoranze sessuali, che si presentano come oppresse, sta prendendo piede nel mondo della cultura e dell'istruzione. Uno studente mi ha detto che durante la lezione di teoria del genere l'insegnante ha detto che la peggiore violenza che l'umanità ha inflitto agli omosessuali sono i matrimoni eterosessuali. Ignoro come questo insegnante sarebbe potuto esistere senza l'eterosessualità. Ma penso che questo sia il radicalismo che aspira alla distruzione della società. Prendi Netflix, un potente strumento per l'intrattenimento di massa. Non c'è quasi una serie senza un personaggio gay, transgender, nero o disabile. L'Oscar Academy ha preso la decisione di impiegare `talenti della diversità'. Mi ricorda inesorabilmente l'obbligo di privilegiare i figli del 'popolo' rispetto ai figli dei `borghesi' o sospettati di essere tali in Unione sovietica, le quote degli ebrei e di altre minoranze nazionali. Questo radicalismo porterà alla negazione della creazione, alla noia, alla mancanza di immaginazione e all'uniformità. Back to the Urss".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT