domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.11.2021 Miss Universo nel mirino del movimento antisemita Bds
Ogni pretesto è buono per demonizzare Israele

Testata: Il Foglio
Data: 19 novembre 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Miss Universo tranne Israele»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 19/11/2021, a pag.3, l'editoriale "Miss Universo tranne Israele".

BDS calls for boycott of Miss Universe competition - Quds News Network

Ancora una volta la politica s'infila in un concorso di bellezza. Dopo i massicci appelli al boicottaggio nel 2019 dell'Eurovision a Tel Aviv, ora è Miss Universo il campo sul quale si combatte l'ennesima battaglia contro Israele. Il settantesimo concorso si terrà il 12 dicembre di quest'anno nel sud di Israele, a Eilat, città scelta "per la sua ricca storia, i bellissimi paesaggi, la miriade di culture e il fascino di destinazione turistica globale", ha detto Paula M. Shugart, presidente della Miss Universe Organization. Nonostante Andrea Meza, la Miss messicana in carica che consegnerà la prossima corona, abbia già dichiarato che il concorso non deve essere politicizzato il boicottaggio è già in corso. Se Marocco ed Emirati Arabi Uniti grazie agli accordi di Abramo stipulati con Israele saranno a Eilat, ci sono pressioni sugli altri concorrenti affinché si ritirino "per solidarietà con i palestinesi".

Il vero volto del BDS | Focus On Israel

Pacbi, un gruppo di attivisti palestinesi e membro fondatore del movimento per il boicottaggio, ha invitato i concorrenti a ritirarsi dal concorso per non "danneggiare la lotta". La Malesia e il Sudafrica (sostenitori dichiarati della causa palestinese) si sono già mossi: la reginetta malesiana non ci sarà e il governo sudafricano invece ha ritirato il suo sostegno alla Miss Lalela Mswane, che si è opposta al boicottaggio, citando le "atrocità di Israele contro i palestinesi. Il governo, in quanto legittimo rappresentante del popolo sudafricano, non può in buona coscienza associarsi a esse". "Ognuno con credenze diverse, con background diversi, con culture diverse, si unisce agli altri e quando sei lì ti dimentichi della politica, della tua religione", ha detto Meza prima di un tour della Città Vecchia di Gerusalemme. "Si tratta solo di abbracciare altre donne". Ad alcuni stati sembra che questo abbraccio non interessi, anzi: ogni pretesto è buono per andare contro Israele.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT