giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.11.2021 Al bando politicamente corretto 'Il signore delle mosche'
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 03 novembre 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Il rogo politicamente corretto»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/10/2021, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Il rogo politicamente corretto'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Amazon.it: Il signore delle mosche. Oscar moderni - Golding, William, De  Palma, Laura - Libri

Roma. A William Golding, premio Nobel per la Letteratura nel 1983, l'idea del titolo, "Il signore delle mosche", fu suggerita da T. S. Eliot. Ne "Il signore delle mosche", Golding immaginò un gruppo di ragazzi anglosassoni, educati e benestanti dispersi per un incidente aereo su un'isola deserta e li trasformò a poco a poco in una tribù selvaggia. Il gruppo tenta di darsi un embrione di organizzazione sociale, ma va sempre più a fondo verso la barbarie, come travolto da un automatismo dei comportamenti, da un'antropologia negativa. Nella tradizione occidentale, Golding immaginò l'esatto rovescio di Robinson Crusoe. Oggi "Il signore delle mosche" non si porta più e le scuole del Canada lo stanno mettendo al bando dai curriculum dopo le proteste degli studenti secondo cui il romanzo di Golding rappresenterebbe soltanto le "strutture di potere dell'uomo bianco". L'Ontario sta esaminando ogni libro di ogni biblioteca per eliminare quelli "dannosi" per gli studenti. "Faremo una revisione di ciascuna delle nostre raccolte in ciascuna delle nostre scuole e rimuoveremo tutti quei testi che possono essere dannosi per il personale o gli studenti", ha detto al National Post il responsabile del repulisti, Graham Shantz. E così, "Il racconto dell'ancella" di Margaret Atwood è stato bandito dal Toronto District School Board per gli under 17. Il consiglio scolastico di Peel, a ovest di Toronto, ha messo in guardia gli insegnanti da "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee. Sul Wall Street Journal, Michael Taube, già speechwriter dell'ex premier canadese Stephen Harper, scrive: "Se si parla di libri bruciati, la gente pensa alla Germania nazista, eppure la pratica è tornata in Canada". Il consiglio scolastico dell'Ontario sudoccidentale ha lanciato un "programma educativo" chiamato Giving Back to Mother Earth. L'obiettivo è sostituire i libri delle biblioteche "che hanno contenuti obsoleti e stereotipi negativi" e ridarli a madre natura. Bruciandoli e spargendo le ceneri. Sono stati presi di mira più di 4.700 libri per bambini provenienti da trenta scuole. L'elenco include enciclopedie, biografie degli esploratori francesi come Jacques Cartier e persino fumetti tra cui "Tintin" o "Asterix e Obelix". Tutti distrutti in una cerimonia di "purificazione". Un video per gli studenti ha spiegato il rituale: "Seppelliamo le ceneri del razzismo, della discriminazione e degli stereotipi nella speranza di crescere in un paese inclusivo in cui tutti possano vivere in prosperità e sicurezza". Il premier canadese Justin Trudeau, che non ha trovato le parole per condannare con fermezza le decine di roghi delle chiese questa estate, ha detto che "a livello personale non accetterei mai di bruciare libri". A livello personale... Adesso abbiamo i roghi dei libri in nome della "tolleranza" e dell"`antirazzismo", prima virtuali (con la censura), ora anche materiali. Ha ragione lo storico olandese Christophe de Voogd quando dice sul Figaro che il politicamente corretto non è altro che una forma di "suicidio". Golding lo aveva previsto e ai piccoli fanatici del suo romanzo la carcassa di uno dei piloti morti appare come una divinità da placarsi con il sacrificio di maiali le cui teste sono coperte di mosche. Ed esplode l'odio contro la civiltà.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT