lunedi` 27 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.10.2021 La Cancel Culture contro la Beat Generation
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 21 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «'Cancellare la Beat'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 21/10/2021, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Cancellare la Beat'.

La "Cancel Culture" non si ferma di fronte a nulla: nuovo obiettivo preso di mira è adesso la Beat Generation e i suoi autori, da Burroughs a Ginsberg fino a Kerouac.

Ecco l'articolo:

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Roma. Nel 1978 lo spettacolo "La Beat Generation" - letture da Burroughs, Corso, Ferlinghetti, Ginsberg, Kerouac - fu vietato ai minori dal Centro universitario culturale di Santa Teresa dei Maschi a Bari. L'attore e drammaturgo Cosimo Cinieri rispose: "In una nazione dove qualunque bambino può comprare un giornaletto pornografico in edicola, dove le strade sono tappezzate di oscenità, dove la violenza è diventata `quotidiana', questi moralisti si arrogano il diritto di precludere ai ragazzi la conoscenza della poesia dei beat. E' come se dicessero: drogatevi, gettate molotov, usate la violenza, ma, per carità, tenetevi lontani dalla poesia, quella è pericolosa". Al tempo, la Beat Generation era considerata pornografica. Oggi non abbastanza progressista. "Nell'èra di MeToo, Black Lives Matter, la situazione degli immigrati al confine, le manifestazioni del suprematismo bianco, 'On the Road' può essere accusato di incarnare tutto ciò che è sbagliato sull'America", scriveva ieri un accademico sul Boston Globe. "I personaggi maschili di quel libro, mi hanno detto gli studenti, stanno godendo di una forma di privilegio bianco". E il bel magazine anticonformista Quillette ospita un lungo saggio dal titolo "Cancellare la Beat Generation" scritto da David Wills, il direttore del Beatdom LiteraryJournal e autore di "Allen Ginsberg as Traveller". Wills racconta dei problemi incontrati dagli accademici nel portare i testi della Beat nelle aule. "Dentro e intorno alla Columbia University, un gruppo disordinato di bohémien si è unito sulla base di una strana serie di interessi reciproci" scrive Wills. "Due di loro erano omosessuali, un bisessuale e tutti erano interessati alla droga e alla letteratura sovversiva".

Amazon.com: The Beats: A Teaching Companion (Beat Studies Series):  9781949979954: Grace, Nancy M.: Books
La copertina

Negli anni 50, la Beat Generation divenne famosa per il suo rifiuto del conformismo. "Per le casalinghe di periferia, i critici letterari azzimati e per gli agenti di polizia, i Beat erano più di una semplice curiosità: erano ripugnanti, antiamericani e pericolosi". Fin qui tutto noto e scontato. "Ciò che è straordinario è il modo in cui gli assalti all'eredità dei Beat sono ora passati da destra a sinistra". Oggi, scrive Wills, "è d'obbligo criticare gli scrittori Beat, non per il loro progressismo, ma per una percepita mancanza di esso". E' facile presentare un articolo o un saggio che si lamenti del "sessismo di Kerouac". Anche nelle esplorazioni o nelle celebrazioni del loro lavoro, il "privilegio bianco" e la "misoginia" vengono sempre denunciati.

Jukebox all'idrogeno. | 728
Il capolavoro di Allen Ginsberg (Mondadori ed.)

In "The Beats: A Teaching Companion" (Clemson University), appena uscito in libreria, ci sono diversi aneddoti deprimenti sulle difficoltà incontrate nell'insegnare la Letteratura Beat. "I professori che hanno insegnato 'On the Road' stanno lottando per giustificare la sua inclusione nei corsi di letteratura perché è stato scritto da un autore cisgender maschio bianco. Non sono più solo gli amministratori universitari a respingere i Beat sono anche gli studenti". Scrive una accademica nel libro: "Uno dei miei studenti ha chiesto alla nostra classe sui Beat di discutere se lui, in quanto maschio cisgender bianco, avesse il diritto di affrontare o rappresentare le vite dei neri, come fa 'On the Road', e se questo dovrebbe essere incluso in un curriculum". Qualche anno fa i titoli sui giornali erano: "La Turchia censura i Beat". L'editore turco Irfan Sanci è finito sotto processo per aver pubblicato il romanzo di William Burroughs "La macchina morbida". Domani, chissà, potremmo leggerne altri: "L'America censura i Beat".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT