giovedi` 09 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.10.2021 Bds, Ben-Dror Yemini: 'Israele non ha intenzione di suicidarsi'
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 16 ottobre 2021
Pagina: 2
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «'Cari scrittori, noi israeliani non ci suicideremo per farvi contenti'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/10/2021, a pag. 2, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Cari scrittori, noi israeliani non ci suicideremo per farvi contenti'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Ben Dror Yemini | ISPI
Ben-Dror Yemini

Roma. "Hanno mai boicottato la Cina? Perché boicottano solo un paese, l'unico stato ebraico al mondo?". Ben-Dror Yemini, giornalista di punta del principale quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, è orripilato dall'ipocrisia del ceto letterario che decide di non farsi tradurre in Israele. Il primo caso di una lunga serie è quello di Sally Rooney, romanziera irlandese best seller nel mondo anglosassone, che ha chiesto che il suo ultimo libro, "Beautiful World. Where are you", non uscisse nello stato ebraico. "Ma anche se Israele avesse commesso delle violazioni e la Cina ne avesse commesse di più gravi, non è questo il punto", dice al Foglio Ben-Dror Yemini, che è anche scrittore e commentatore di origine yemenita. "Il punto è che dicono che Israele è uno stato apartheid. Ma non lo è. Ha giudici della Corte suprema che sono musulmani, il 40 per cento dei suoi medici non è composto da ebrei, ma da arabi e musulmani. Non puoi chiamarlo così quando il presidente della più grande banca israeliana è un arabo. Dire che Israele è uno stato di apartheid significa ignorare completamente la storia. Mi auguro che in Irlanda, in Francia, in Inghilterra gli arabi abbiano gli stessi diritti che hanno da noi in Israele. Negli anni Trenta c'erano molte menzogne contro gli ebrei e oggi ce ne sono molte contro lo stato ebraico. Troppi cosiddetti `illuminati' preferiscono credere alle proprie menzogne contro lo stato ebraico. E sta diventando pericoloso.

Sally Rooney Declines to Release Her Book in Israel - Saty Obchod News
Sally Rooney

I fatti sono solo uno scomodo fastidio per gli opinionisti politicamente corretti, e in occidentale i manifestanti rivolgono la loro rabbia contro Israele". Rooney e gli altri risponderebbero che loro boicottano la presenza israeliana nei Territori conquistati da Israele nella Guerra dei Sei giorni. Ma anche questo argomento è orrendo secondo Ben-Dror Yemini. "Non possiamo dimenticare che, a seguito delle trattative, noi israeliani abbiamo offerto molto ai palestinesi, da Bill Clinton a John Kerry e Barack Obama tutti hanno sempre detto di no. Quindi, Israele non può ritirarsi dai Territori perché nel momento stesso in cui lo farà l'unico risultato sarà uno stato jihadista, come a Gaza o in Afghanistan dopo il ritiro degli americani. Quando lasci un territorio ai talebani nasce sempre uno stato jihadista. Quindi questi scrittori cosa vogliono? Un altro stato iraniano davanti a Tel Aviv? L'occupazione è un fatto positivo? No, ma l'alternativa è peggiore. Qui parliamo sempre del nostro paese, ma non ci suicideremo perché alcuni `illuminati' dicono che dovremmo farlo. Noi sosteniamo la pace, questi scrittori no. Sono i nemici della Palestina, vogliono solo sterminare gli ebrei". Ben-Dror Yemini dice che il Boycott, Divestment and Sanctions (Bds), il movimento per il boicottaggio di Israele, ha un obiettivo poco nobile: "Lo sterminio di Israele. Fateci un favore, non servite il jihad, ma i diritti umani. Io vorrei che i palestinesi vivessero in pace e prosperità, ma ogni volta che i jihadisti prendono il controllo il risultato è la distruzione e la morte. Questi scrittori occidentali sono gli utili idioti del jihad. Non vedono la realtà? Preferiscono essere ciechi, come negli anni Trenta. Allora si chiamavano nazisti, oggi woke".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT