mercoledi` 08 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.10.2021 Libano: la legge della violenza di Hezbollah
Analisi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 15 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Hezbollah tenta raid contro un giudice, finisce in guerriglia»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 15/10/2021, a pag.1, con il titolo "Hezbollah tenta raid contro un giudice, finisce in guerriglia", l'analisi di Daniele Raineri.

Immagine correlata
Daniele Raineri

the Dry Bones Blog: the Beirut Blast
La vignetta di Dry Bones: il Libano ha lasciato a Hezbollah la gestione della sicurezza al porto di Beirut: ecco i risultati

Roma. Ieri a Beirut, capitale del Libano, una spedizione punitiva del gruppo Hezbollah che in teoria avrebbe dovuto devastare un quartiere cristiano per mandare un messaggio di intimidazione ai rivali politici Ŕ finita sotto il fuoco di uomini armati che difendevano le strade dai tetti degli edifici. Nello scontro a fuoco sono morte sei persone, i miliziani di Hezbollah hanno avuto la peggio e si sono ritirati, poche ore dopo molti veicoli con la bandiera gialla del partito e mitragliatrici montate sui cassoni sono stati visti entrare nella capitale libanese - erano i rinforzi che arrivavano in caso di altre violenze. La spedizione di Hezbollah (in italiano: il partito di Dio) era un tentativo di fermare l'inchiesta di un giudice istruttore efficiente, Tarek Bitar, che da sei mesi indaga sull'esplosione che il 4 agosto 2020 ha devastato la capitale del Libano.

Hassan Nasrallah: We will not be neutral in any war against Iran | Iran  International
Hassan Nasrallah

Lunedý l'avvertimento era arrivato dallo stesso Hassan Nasrallah, capo del movimento, che durante un discorso di un'ora trasmesso in televisione aveva detto: "Vogliamo un giudice sincero e trasparente. Quello che sta succedendo Ŕ un grande, grande, grande, grande errore che non porterÓ alla veritÓ e alla giustizia". Nasrallah Ŕ nervoso, l'inchiesta sta arrivando troppo vicino a Hezbollah e del resto era difficile che fosse altrimenti: da molti anni il partito di Dio esercita un controllo forte su tutto quello che succede nel paese, fa parte con una quota importante di ogni governo ed Ŕ perlomeno corresponsabile nelle decisioni pi¨ importanti. E' implicato nella storia delle migliaia di tonnellate di nitrato d'ammonio abbandonate in un hangar del porto che, a causa di un incendio, esplosero con effetti devastanti sui quartieri pi¨ vicini al mare. C'Ŕ il sospetto che quel nitrato d'ammonio arrivato a bordo di una nave in avaria fosse stato conservato nel caso servisse anche come esplosivo e quindi sarebbe stato un peccato gettarlo via. Era inevitabile che Bitar cominciasse a guardare in direzione di Hezbollah ed era altrettanto inevitabile che la milizia avrebbe provato a rispondere con la forza. Martedý, il giorno dopo l'avvertimento di Nasrallah, il giudice aveva ordinato l'arresto di un ex ministro delle Finanze, Ali Hassan Khalil, che appartiene al movimento sciita Amal, alleato stretto di Hezbollah. Khalil per ora non Ŕ stato arrestato e ha chiesto a un tribunale di rimpiazzare il magistrato, ma lo spettacolo Ŕ sorprendente per i partiti e per i leader libanesi: c'Ŕ un giudice che ha preso davvero a cuore l'inchiesta e firma veri ordini di arresto, dopo che per un anno e mezzo l'inchiesta era rimasta nelle mani di un altro giudice senza fare progressi decisivi. E arriviamo a ieri, due giorni dopo il mandato d'arresto. Hezbollah ha tentato una protesta violenta in una strada del quartiere cristiano di Mn al Remmaneh, proprio davanti a Chiya, il quartiere del movimento Amal - quello del ministro che il giudice Bitar vuole arrestare. Tra i due quartieri passa una strada che un tempo segnava la cosiddetta Linea verde, che negli anni della guerra civile faceva da demarcazione tra la Beirut occidentale a maggioranza musulmana e la Beirut orientale a maggioranza cristiana. I miliziani hanno sfasciato quello che trovavano a tiro e hanno cantato slogan, fino a quando non Ŕ cominciato il fuoco dai tetti. Come spesso succede in Libano, le fazioni annate dei partiti hanno cominciato ad agire al posto della politica.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT