mercoledi` 27 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.10.2021 'L'islamismo corrode la Francia dall'interno'
Boualem Sansal intervistato dall'Express

Testata: Il Foglio
Data: 11 ottobre 2021
Pagina: 2
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «'La Francia ha appena scoperto che l'islamismo sta corrodendo la sua casa'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/10/2021, a pag.II, con il titolo 'La Francia ha appena scoperto che l'islamismo sta corrodendo la sua casa' l'intervista a Boualem Sansal tratta dall'Express.

Boualem Sansal au Monde Festival : « J'écris pour la liberté »
Boualem Sansal

La Francia ha appena scoperto che l'islamismo sta corrodendo la sua casa” |  Il Foglio

Lei, nel suo libro, distingue quattro "Distruttori" che a suo avviso sono all'origine delle nostre più grandi sventure: "I soldi, la religione, il fast food e i Giochi d'arena"... Quando le cose non vanno per il verso giusto, si cercano sempre dei responsabili. E' una reazione umana, molto naturale. Si tende anzitutto a cercare attorno a se stessi. Se ci sono problemi a casa, si guarda verso i propri vicini o il comune. Se non si trova il colpevole, si volge lo sguardo in direzione dei rappresentanti dello stato. Ma ci si rende conto molto rapidamente che gli individui non sono poi così responsabili. Ci sono condizioni che li conducono a fare ciò che fanno. Siamo predeterminati, in maniera incosciente, ad agire in un certo modo o in un altro. Se andiamo indietro nel tempo, si arriva a delle entità molto misteriose, che non sappiamo ancora definire. Ho distinto quattro "Distruttori" responsabili di una parte importante delle nostre sventure. I soldi sono quella convenzione attraverso cui gli uomini fanno degli scambi. La religione è la logica del "credo dunque so, la verità è mia". Il cibo spazzatura è la deregolamentazione generale, non solo alimentare e sanitaria, ma anche culturale e politica. E i giochi d'arena sono le guerre o la delinquenza.

Leggendovi, l'islamismo sarebbe tanto più nefasto perché assocerebbe una religione, l'islam, alla politica... L'islamismo è una pena molto pesante. E' una dittatura estrema, che ha un'influenza sul corpo. Controlla fisicamente le persone. Ma entra anche nella loro testa. Questa ideologia inietta un virus che cambia il modo di vedere il mondo. Tuttavia, l'islamismo va anche più lontano di una dittatura, attaccando tutto ciò che costituisce la nostra umanità, come se desse fastidio a Dio. E' la visione di un'umanità peccatrice spinta all'estremo. Agli occhi degli islamisti, affinché il loro Dio possa riposare profondamente, bisognerebbe uccidere l'umanità. Mentre qualsiasi dittatore ha bisogno del suo popolo e spesso finisce anche per esaltarlo ("il genio ariano", "il genio arabo"), l'islamismo vuole sradicare tutto.

Lei scrive che l'islamismo è "la cosa più pericolosa del mondo almeno peri prossimi due secoli"... L'islamismo si basa sull'islam, una dottrina che ha un potere favoloso. Possiamo vedere individui apostati che sono usciti dall'islam, ma non abbiamo mai visto un popolo apostata. Lì dove l'islam mette radice, è per sempre. L'islam si impadronisce dell'individuo in tutti i suoi aspetti: il modo di vestire, di mangiare, ma anche di pensare. Nei paesi musulmani vengono cancellati ebrei, cristiani e tutti coloro che non sono considerati musulmani, come gli omosessuali. Funziona come una purificazione. L'islamismo ha uno strumento favoloso nelle sue mani. Gli islamisti, tra l'altro, non sono gli unici ad aver compreso la forza dell'islam. Anche i dittatori nei nostri paesi musulmani se ne sono resi conto e si sono serviti di esso, ma limitandosi a livello dello stato. L'islamismo, invece, non ha freni. Non gli interessano i confini, pensa su scala planetaria. Finora, non abbiamo mai trovato i mezzi per arginare questo fenomeno. Come le dicevo, l'islamismo si basa sull'islam, che nessuno ha il diritto di criticare. Ma nei vostri paesi, approfitta anche della democrazia e dello stato di diritto. L'islamismo strumentalizza questi valori per giustificare la sua esistenza. (...). E' necessario combattere l'islamismo fin dall'inizio. Perché è come l'umidità in una casa. Inizialmente la minaccia è invisibile, penetra nei muri che, a poco a poco, si sgretolano. E quando te ne rendi conto è troppo tardi, devi distruggere tutto per ripulire. Diventa una missione impossibile (...). La Francia è nella fase in cui ha appena scoperto che l'islamismo sta corrodendo la sua casa. Ma per combattere questo fenomeno, non c'è soluzione.
(Traduzione di Mauro Zanon)

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT