lunedi` 27 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
29.09.2021 Bennett all'Onu: 'Iran pericolo per tutti'
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 29 settembre 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «'Odiare Israele non rende woke'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 29/09/2021, a pag. 3, l'editoriale 'Odiare Israele non rende woke'.

A destra: la vignetta di Dry Bones. Naftali Bennett denuncia il pericolo di un Iran con la bomba nucleare

"Israele è un faro di luce e libertà e sostenerlo è una scelta morale. Attaccare Israele non rende moralmente superiori. Combattere l'unica democrazia in medio oriente non fa diventare woke". Lo ha detto il primo ministro israeliano Naftali Bennett all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, tre giorni dopo la conclusione della conferenza di Durban boicottata dalle democrazie. Perché in democrazia oggi fa "woke" aggredire moralmente e politicamente lo stato ebraico. Parlando proprio di Durban, Bennett ha detto: "Quella conferenza era originariamente pensata contro il razzismo, ma si è trasformata negli anni in una conferenza razzista contro Israele e il popolo ebraico. E il mondo ne ha avuto abbastanza. Ringrazio i 38 paesi che hanno preferito la verità alle bugie e hanno evitato la conferenza". Bennett ha ringraziato specificatamente gli Stati Uniti come "un amico fidato di lunga data". Il premier israeliano ha parlato poi di Iran: "Sta violando gli accordi di salvaguardia dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica e la fa franca". Arricchisce l'uranio al 60 per cento, cioè a un passo dall'uso militare. "Le parole non impediscono alle centrifughe di girare. Alcuni leader mondiali considerano ormai inevitabile l'acquisizione di armi nucleari da parte dell'Iran, ma Israele non può permettersi questo privilegio". Poi Bennett ha citato tutti i paesi dove Teheran ha messo piede: Iraq, Siria, Libano, Yemen, Gaza... "Come il tocco di re Mida della mitologia greca - ha ironizzato - il regime iraniano ha il `tocco dei mullah': ogni luogo toccato dall'Iran va in rovina". Ha detto molto, il premier israeliano. Che il "woke", da cui promana la "cancel culture", è una minaccia culturale per Israele, ma in generale per la cultura occidentale. E che l'Iran, che minaccia Gerusalemme direttamente, è fonte di caos per tutti.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT