giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.09.2021 Il Libano implode ostaggio dei terroristi di Hezbollah
Analisi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 23 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Collasso libanese»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/09/2021, a pag.1, con il titolo "Collasso libanese", l'analisi di Daniele Raineri.

Immagine correlata
Daniele Raineri

the Dry Bones Blog: the Beirut Blast
La vignetta di Dry Bones: il Libano ha lasciato a Hezbollah la gestione della sicurezza al porto di Beirut: ecco i risultati

Roma. Ieri il governo del Libano ha alzato il prezzo del carburante per la seconda volta nel giro di una settimana. Ed è soltanto una tappa di mezzo che porta verso altri aumenti disastrosi che arriveranno a settembre. Un pieno di benzina già adesso costa quanto lo stipendio minimo legale in Libano e tra poco diventerà ancora più caro, con conseguenze molto pesanti sulle vite delle persone. Ma è un aggiustamento inevitabile perché per molti anni il governo aveva sussidiato il prezzo del carburante per farlo pagare di meno ai libanesi. Lo schema funzionava così: il Libano importava dall'estero e metteva sul mercato a un prezzo inferiore, la differenza era pagata grazie alle casse dello stato.

Ora lo schema non regge più per colpa della crisi economica cominciata diciannove mesi fa che ha svuotato le casse e tutti i prezzi dei beni importati dall'estero - quindi l'ottanta per cento di quelli consumati, perché il Libano produce pochissimo in casa - subiscono un generale riaggiustamento. E' anche un ritorno alla verità per uno stato che fino all'anno scorso manteneva a un livello artificiosamente alto e poco realistico il tasso di cambio con il dollaro. Il governo del neo primo ministro Najib Mikati, che ha giurato lunedì dopo tredici mesi di paralisi politica e di rimpalli tra i partiti, ha questo ruolo sacrificale: prendere le decisioni realistiche che i governi precedenti non hanno mai voluto nemmeno discutere. La verità è però orribile. Il carburante adesso è così costoso da rendere molti spostamenti, che prima erano normali, fuori portata per i libanesi normali. La produzione di elettricità va a singhiozzo perché si basa sul carburante e di sera le città sono buie. Inclusa la capitale Beirut, che un tempo era chiamata la Parigi del medio oriente per le sue luci e la sua vita notturna. Chi può si arrangia con i generatori elettrici, che però consumano carburante e quindi sono diventati anch'essi troppo costosi da far funzionare. Chi vuole acquistare carburante e può affrontare il prezzo proibitivo in ogni caso ha difficoltà a trovarlo perché scarseggia e ci sono code lunghissime ai distributori - quelli rimasti ancora aperti, perché molti hanno chiuso. Il governo ha accusato alcuni grossisti di avere fatto incetta di carburante e di averlo nascosto perché tutti sanno che il prezzo non farà altro che aumentare e quindi chi sa aspettare avrà un guadagno ulteriore assicurato.

Per riuscire a gestire la crisi, che non riguarda soltanto il carburante ma anche cibo e medicinali, il governo del Libano ha annunciato la distribuzione ai cinquecentomila libanesi più poveri di tessere del valore di 125 dollari ciascuna per acquistare quello che vogliono. E' una manovra per decretare la fine ufficiale del regime dei sussidi, che era molto più dispendioso e però aiutava in modo sproporzionato i ricchi invece che i poveri. Erano loro grazie alla maggior capacità di acquisto a comprare i beni sussidiati in misura maggiore. Chi è più ricco compra più carburante per la sua automobile e quindi per paradosso riceveva più soldi dallo stato rispetto ai poveri. Le tessere invece dovrebbero andare soltanto alla fascia di popolazione che ne ha più bisogno, il budget per l'operazione è di 556 milioni di dollari. La questione economica è soltanto un aspetto della crisi, perché il Libano si regge su un intreccio complicato e pericoloso di alleanze. Tra i partiti il più potente è Hezbollah, che è anche una milizia armata con migliaia di uomini capace di combattere una guerra e prende ordini dall'Iran. Hezbollah sta importando carichi di carburante dall'Iran in violazione delle sanzioni internazionali. L'ambasciatore americano in Libano, Dorothy Shea, ha annunciato un piano che prevede l'arrivo di gas e di carburante a buon prezzo da Egitto e Giordania, anche passando per la Siria - l'Amministrazione Biden farà un'eccezione alle sanzioni contro la Siria che in teoria renderebbero impossibile il transito e quindi il piano di soccorso. La Siria ci guadagna una prima, vistosa crepa nell'isolamento causato dalla guerra civile . C'è competizione fra blocchi internazionali, perché il Libano, che già era molto condizionato dall'esterno, non è mai stato così vulnerabile alle interferenze da fuori.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT