lunedi` 18 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.09.2021 La cancel culture contro la musica: 'Puccini razzista!'
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 21 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «'Puccini razzista'. Nel Regno Unito la cancel culture affonda i suoi artigli nella musica classica»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 21/09/2021, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo " 'Puccini razzista'. Nel Regno Unito la cancel culture affonda i suoi artigli nella musica classica".

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Giacomo Puccini - TÚlÚcharger et Úcouter les albums.
Giacomo Puccini

Roma. "Stiamo assistendo da alcuni mesi al dilagare di un fenomeno che pervade tutti i paesi occidentali e che si Ŕ prefissato l'obiettivo di riscrivere la storia passata", dirÓ oggi il medievista della Sorbona, RÚmi Brague, in una conferenza sulla cancel culture al centro culturale Rosetum di Milano. La musica classica non poteva superare indenne questa damnatio memoriae. Nel 2007, a poche ore dalla prima di "Madama Butterfly" al Covent Garden di Londra, Roger Parker, il celebre musicologo autore dell'edizione critica della "Tosca", scrisse che l'opera di Puccini era colonialista e razzista. "Dovremmo intervenire sull'originale tagliandone alcune parti". Ora "Madama Butterfly" sarÓ "riesaminata" davvero. L'Opera nazionale scozzese, una delle pi¨ famose del Regno Unito, terrÓ una serie di conferenze sull'opera di Puccini del 1900 alla luce del suo "razzismo".

Lo storico Zareer Masani ha detto che Ŕ "sorprendente come persino l'opera sia diventata una scusa per colpire l'Impero britannico". Prima la storia del "musicologo che si Ŕ dimesso per protesta contro la cancel culture", come sintetizza il Telegraph. Paul Harper-Scott, che ha insegnato per quindici anni Storia della musica all'UniversitÓ di Londra, si Ŕ dimesso con questa lettera: "I dipartimenti musicali potrebbero smettere di insegnare la musica di Beethoven, Wagner e altri nella convinzione (francamente folle) che cosý facendo miglioreranno in qualche modo le attuali condizioni delle persone economicamente, socialmente, sessualmente, religiosamente o razzialmente svantaggiate". Non Ŕ una ipotesi. Basta pensare alla recente produzione della Canadian Opera Company del "Ratto dal serraglio" di Mozart, in cui il regista ha pesantemente riscritto il testo del 1782 per combatterne il "razzismo". Siamo nel paese dove le scuole ora bruciano i libri "razzisti", come Asterix e Tintin. Poi il caso della English Touring Opera, che lascerÓ a casa quattordici musicisti colpevoli di avere la pelle bianca - inclusi molti che suonano con la compagnia da vent'anni - nel tentativo di "aumentare la diversitÓ". Il direttore, James Conway, ha scritto ai musicisti, dicendo loro che la compagnia "attraversa cambiamenti significativi" che includono "l'aumento di tutti i tipi di diversitÓ nella squadra".

Zhang Zhang
Zhang Zhang

La celebre violinista Zhang Zhang al Figaro dice: "In nome del progresso giustifichiamo le ingiustizie. A causa dell'etnia, agli artisti della Touring Opera, alcuni dei quali fanno parte dell'ensemble da vent'anni, Ŕ stato detto che non avranno pi¨ un lavoro. Questa decisione non ha nulla a che fare con la musica, Ŕ pura ideologia". Il grande storico inglese Robert Tombs sul Telegraph scrive: "Se riteniamo Locke, Hume e Mozart dei razzisti, civiltÓ indifferenti ai nostri valori come la Cina e l'islam ci sconfiggeranno". Fare della cancel culture durante un clash di civiltÓ non porta molto bene.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT