mercoledi` 19 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
02.09.2021 Alessandro Barbero adesso riscrive anche la storia delle foibe
Andrea's Version di Andrea Marcenaro, commento di Maurizio Crippa

Testata: Il Foglio
Data: 02 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Andrea Marcenaro - Maurizio Crippa
Titolo: «Andrea's Version - Il fiasco di Barbero»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 02/09/2021, a pag.1 "Andrea's Version" di Andrea Marcenaro; con il titolo "Il fiasco di Barbero", il commento di Maurizio Crippa.

Ecco un breve video in cui lo storico Alessandro Barbero disinforma contro Israele: https://www.informazionecorretta.com/video/barbero.mp4

Ecco gli articoli:


Alessandro Barbero

Andrea Marcenaro: "Andrea's Version"

Immagine correlata
Andrea Marcenaro

E' diventato in breve un monumento mediatico. Giustamente. Perché Alessandro Barbero è uno storico spigliato, simpatico, fuori dal paludato, un tantino pragmatico, forse, ma comprensibile anche ai molti, perciò apprezzato, ricercato e venerato, adesso la diciamo grossa, quasi come Mario Draghi. Mostra qualche venatura anti israeliana, a dirla tutta, la perfezione non è d'altronde di questo mondo. Intervistato ieri dal Fatto, il professor Barbero ha prima vistosamente abbracciato le furbissime idee del suo collega Montanari sulle foibe (non dico del tutto "sbagliate", dico "furbissime"), aggiungendo poi di suo: "E' finita comunque la sinistra. Nei paesi occidentali non c'è più nessun partito che si presenti alle elezioni dicendo: `Noi rappresentiamo gli operai e vogliamo portarli al potere'. La sinistra era quello, nient'altro". E ci voleva. Perché siccome, dai No tav, ai No vax, ai No tap, ai No sex, ai No nuke e ai No pass, noi non ci facciamo mancare niente, adesso abbiamo pure il professore No prof.

Maurizio Crippa: "Il fiasco di Barbero"

Immagine correlata
Maurizio Crippa

Spiace sembrare ripetitivi, ma a me e al mio compagno di banco rubrichista, il mitico Andrea's, evidentemente ieri è cascato l'occhio sulla stessa intervista alcolica. Un'intervista al barolo, si sarebbe detto un tempo, oggi più banalmente un'intervista al Barbero. Nel senso del famoso storico di YouTube che tanto piace ai ragazzi. Alessandro si chiama. Forse tirato un po' per le orecchie da Daniela Ranieri del Fatto, che è brava, ma mettendoci molto del suo fiasco, Barbero si sdraia a difesa del rettore Montanari e ne infila di ogni, a sostegno della tesi per cui il Ricordo delle Foibe sarebbe una "falsificazione della storia da parte neofascista". A parte dire che quelli "dalla parte giusta" combattevano con le "Nazioni Unite", che però ancora non c'erano, il prof. sostiene questa teoria: che siccome "fatti del genere se ne sono verificati continuamente", scegliere una "specifica atrocità" da ricordare è "una scelta politica, e falsifica la realtà". Non vuol dire nulla, né in storia né in logica. Ma dice molto della falsificazione ideologica di Barbero: le Foibe furono una "pulizia etnica" come non se ne sono viste altre nel nostro paese. Affermarlo non è negare la Shoah, è solo la verità. Depurata dalle ubriacature ideologiche.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT