mercoledi` 19 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.09.2021 Profughi afghani: nessuno li vuole
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 01 settembre 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L'Ue non vuole i rifugiati afghani»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/09/2021, a pag.3, l'editoriale "L'Ue non vuole i rifugiati afghani".

Africa and Latin America become stopovers for Afghan refugees | Financial  Times

Sei anni dopo la crisi dei rifugiati siriani l'Unione europea non è pronta a una potenziale emergenza migratoria dall'Afghanistan a causa delle divisioni politiche tra i 27 e dell'illusione di potersi trasformare in una fortezza. I ministri dell'Interno dell'Ue ieri hanno tenuto una riunione di emergenza per discutere delle ripercussioni della disfatta afghana. Il problema non sono le poche migliaia di collaboratori afghani evacuati o lasciati indietro, ma la mancanza di un piano per far fronte a un'ondata di rifugiati analoga a quella proveniente dalla Siria del 2015. L'Unhcr stima che 500 mila afghani potrebbero lasciare il paese entro la fine dell'anno. In una riunione a porte chiuse al Parlamento europeo, l'Alto rappresentante Josep Borrell ha indicato una cifra molto più alta: fino a un terzo dei 38 milioni di abitanti potrebbe voler scappare dai talebani. Nell'Ue "sei anni dopo siamo meno preparati per affrontare questo problema rispetto al 2015", ha ammesso il ministro dell'Interno del Lussemburgo, Jean Asselborn. I suoi colleghi non sono riusciti a mettersi d'accordo nemmeno sui corridoi umanitari per chi non è stato evacuato.

Bennett weighs offering help to transport Afghan refugees to third  countries | The Times of Israel

I negoziati del nuovo Patto su migrazione e asilo, malgrado non sia la panacea, sono in stallo. Per Asselborn, "è terribile da dire" ma la realtà è che nell'Ue "non vogliamo più saperne di dare protezione ai bambini, alle donne, ai giudici, ai giornalisti, ai difensori dei diritti umani che devono fuggire dall'Afghanistan perché rischiano la loro vita". L'unico punto su cui c'è consenso tra i 27 è tenere i rifugiati afghani "il più vicino possibile al problema", secondo lo slogan del vicepresidente della Commissione, Margaritis Schinas. Tradotto: il più lontano possibile, con aiuti finanziari a Pakistan e Iran e la costruzione di muri attorno all'Ue, dimenticando gli obblighi della Convenzione di Ginevra. La lezione del 2015 non è stata imparata: se l'ondata supera i muri, è tutta l'Ue che rischia di venire giù.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT