domenica 26 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'Ŕ Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
31.07.2021 Green pass: quello che Massimo Cacciari e Giorgio Agamben non capiscono
Analisi di Yoram Gutgeld

Testata: Il Foglio
Data: 31 luglio 2021
Pagina: 4
Autore: Yoram Gutgeld
Titolo: «Il green pass spiegato filosoficamente a Cacciari e Agamben»
Riprendiamo oggi, 31/07/2021, dal FOGLIO, a pag. IV, con il titolo "Il green pass spiegato filosoficamente a Cacciari e Agamben", l'analisi di Yoram Gutgeld.

Yoram Gutgeld (@YoramGutgeld) | Twitter
Yoram Gutgeld

Agamben e Cacciari sul green pass. Tu chiamale se vuoi "argomentazioni" |  Scienza in rete
Massimo Cacciari, Giorgio Agamben

I professori Cacciari e Agamben sono impegnati da diversi giorni in una piccola crociata contro il green pass che costituisce a loro avviso una grave limitazione di diritti e di libertÓ personali. L'ardente battaglia Ŕ animata dalla convinzione dei filosofi che questa intrusione nelle nostre vite non Ŕ altro che l'ennesima manifestazione di un continuo sgretolamento di diritti e di libertÓ personali in atto da un ventennio. Ammetto colpevolmente che questa erosione mi sia sfuggita, ma non Ŕ questo il luogo per parlarne. Qual Ŕ la base di questa contrarietÓ? L'incertezza, soprattutto sugli effetti di lungo termine dei vaccini. Siccome non siamo certi che i vaccini non producano effetti avversi nel tempo, non Ŕ accettabile obbligare di fatto le persone a vaccinarsi. Dovrebbe rimanere una scelta personale. Con questa argomentazione Cacciaci e Agamben confondono a mio avviso una questione di scelte individuali con una questione di scelte di politica sanitaria collettiva. Se il green pass fosse un obbligo vaccinale universale, l'opposizione avrebbe un fondato, seppur non definitivo, motivo. Ma il green pass non Ŕ un obbligo vaccinale. Lascia a ogni individuo la possibilitÓ di confrontare la sua percezione del rischio con quella dei benefici, e tenendo conto del proprio stile di vita, decidere come comportarsi. La sanitÓ pubblica dovrebbe invece pesare i fatti oggettivi noti al momento. 6-8 mesi fa in una situazione di gravissima emergenza si Ŕ deciso di approvare l'utilizzo di diversi vaccini con poche informazioni disponibili.

Oggi, oltre 4 miliardi di dosi somministrate dopo, sappiamo molto di pi¨. Primo. I vaccini sono sicuri con rari casi di gravi effetti collaterali. Secondo. I vaccini forniscono una fortissima protezione dall'infezione, ma non eliminano del tutto la possibilitÓ di morire. Cacciaci cita questo ultimo fatto, come fa la destra, per giustificare la libertÓ di non vaccinarsi. Ignora che invece Ŕ una forte motivazione per il green pass. I dati israeliani ci dicono che rispetto al suo coetaneo vaccinato, un giovane non vaccinato ha cinquanta volte pi¨ probabilitÓ di infettare un'ottantenne seduto accanto a lui al ristorante, e malauguratamente di provocarne la morte. Due ore accanto a un fumatore in un ristorante rappresentano un rischio perla salute infinitamente minore rispetto allo stesso tempo trascorso accanto a un non vaccinato. Se nessuno grida allo scandalo per il divieto di fumare in luoghi pubblici, come si fa a sostenere che il green pass sia un intollerabile attacco alle nostre libertÓ? Stupisce che due rispettabili filosofi, non so se i pi¨ importanti d’Italia come umilmente si autolodano, invochino Stalin, Mussolini, leggi razziali e altre iperbole farneticanti, "il bisogno di instaurare un implacabile terrore sanitario, in cui la vita senza pi¨ giustificazioni ideali Ŕ minacciata e punita a ogni istante da malattie e morte". Basterebbe un ripasso di logica e un piccolo approfondimento dei fatti disponibili per sincerarsi che il green non Ŕ solo una misura giustificabile, ma Ŕ indispensabile per evitare la morte umana, il deserto culturale (vedi Dad) e la devastazione economica.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT