giovedi` 29 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
29.07.2021 Iran: rivolte per l'acqua
Ma la repressione è brutale

Testata: Il Foglio
Data: 29 luglio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Gli iraniani hanno sete»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 29/07/2021, a pag. 3, l'editoriale "Gli iraniani hanno sete".

200 plains in Iran are in critical thirsty: official - Tehran Times

In Iran sono scoppiate delle rivolte per l'acqua, e la repressione è brutale In Iran manca anche l'acqua e due giorni fa le "proteste degli assetati", cominciate a sud-ovest, sono arrivate fino alla capitale. La Guida suprema Ali Khamenei e il presidente (ancora per un mese) Hassan Rohani pubblicamente sostengono che i manifestanti "vanno rispettati". Ma è solo propaganda per chi abita lontano dalla provincia del Khuzestan, dove tutto è cominciato. Li i video girati durante i cortei raccontano una repressione brutale: oltre ai lacrimogeni e ai manganelli la polizia spara ad altezza d'uomo con proiettili veri, e ci sono già stati almeno otto morti. I post accompagnati dagli hashtag #KhuzestanThirsy si susseguono su Twitter, ed è allora che il nervosismo del regime, come al solito, impone il rallentamento di internet da telefono in tutto il paese. Una forma di repressione che, questa volta, non è servita a molto. Le proteste in solidarietà ai cittadini di quella regione sono sbarcate a Teheran. Le persone hanno bloccato le strade e tra gli slogan che hanno gridato ce n'è uno che non si sentiva dalle rivolte del pane nel 2019 e da quelle seguite all'abbattimento per errore di un aereo di linea pieno di civili iraniani all'inizio del 2020: "Morte a Khamenei!". Quello che oggi fa infuriare gli iraniani è la mancanza di acqua potabile in alcune aree del paese. Soprattutto a ridosso del confine sudoccidentale, dove i venti del deserto che arrivano dall'Iraq hanno reso arida una terra un tempo fertile e dove quest'anno c'è stata la peggiore siccità dell'ultima metà di secolo. Ma il problema è anche e soprattutto la gestione tutta sbagliata delle risorse idriche portata avanti dai vertici della Repubblica islamica. Le dighe sono decuplicate in nemmeno quarant'anni, una follia in un paese arido perché l'acqua evapora soprattutto quando resta ferma nei serbatoi. Hanno anche deviato il corso dei fiumi penalizzando proprio la regione già più a rischio, quel Khuzestan dove si estrae l'80 per cento del petrolio iraniano, abitato dalla minoranza araba che il regime non ha per niente a cuore e che adesso rischia di morire di sete.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT