lunedi` 02 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.07.2021 L'offensiva hacker cinese
Analisi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 20 luglio 2021
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «La Cina paga criminali»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 20/07/2021, a pag.1, con il titolo "La Cina paga criminali", l'analisi di Daniele Raineri.

Immagine correlata
Daniele Raineri

NSO Group Pegasus Spyware Archives - PressWire18

Roma. La mappa degli attacchi informatici sponsorizzati in segreto dai governi e compiuti da quel settore anonimo in bilico fra i servizi di intelligence e i gruppi privati che aggrediscono per denaro non era mai stata così chiara come negli ultimi dieci giorni, grazie a informazioni uscite tra il 9 e il 19 luglio. Ieri l'Amministrazione Biden ha accusato per la prima volta la Cina di pagare organizzazioni criminali per compiere attacchi contro aziende e istituzioni nei paesi occidentali. Il governo cinese è accusato in particolare di essere responsabile della violazione del sistema di posta elettronica di Microsoft, usato da molte delle aziende più importanti del mondo, da governi e da forze armate. Secondo il dipartimento di Giustizia americano, il governo cinese si serve di un'azienda fittizia, la Hainan Xiandun Technology Development, come paravento per arruolare e creare squadre di hacker e di traduttori che da almeno dieci anni in collaborazione con i servizi segreti attaccano bersagli in occidente. Lo scopo è duplice: i servizi rubano informazioni in campi strategici - come segreti industriali e progetti ancora in fase di studio - e per il resto lasciano che gli hacker si arricchiscano con i ricatti contro le aziende colpite (ransomware: se non paghi non rientri in possesso della memoria dei tuoi computer) e anche questo fa parte delle intimidazioni e delle operazioni di disturbo contro l'occidente.

C'è un punto interessante: l'Amministrazione Biden accusa la Cina ma non minaccia sanzioni, perché ha coinvolto altri e il prezzo da pagare per un comunicato collettivo è rinunciare alle sanzioni. Assieme agli Stati Uniti ci sono Australia, Regno Unito, Canada, l'Unione europea, la Nato, il Giappone e la Nuova Zelanda. Alcuni tra questi, come la Germania, si sentono troppo deboli ed esposti nei confronti della Cina per arrischiarsi a parlare di sanzioni: temono rappresaglie. Invece il 9 luglio contro la Russia il presidente Biden aveva minacciato sanzioni o per meglio dire altre sanzioni, visto che arrivano a ondate: l'ultima venerdì contro sei aziende russe accusate di aiutare i servizi segreti russi nelle loro campagne di attacchi. In breve: contro la Cina niente sanzioni, contro la Russia sì. Martedì 13luglio, pochi giorni dopo le minacce di Biden, uno dei gruppi russi più forti e specializzati in ransomware, REvil, è sparito dal dark web, come se qualcuno l'avesse spento: il blog dove aggiornava le conquiste è scomparso e così anche le chat room dove negoziava i riscatti con le vittime. Non si capisce se siano stati gli americani o i russi messi sotto pressione. Domenica 18 luglio uno scoop internazionale frutto della collaborazione di molte testate ha accusato un'azienda israeliana, la NSO, di avere una lista di cinquantamila bersagli per il suo software Pegasus, che viola con discrezione gli Iphone e i sistemi Android. Ci sono giornalisti, dissidenti e attivisti politici. NSO ha come clienti decine di governi, inclusi Messico e Arabia Saudita, che hanno usato il software per operazioni sporche (vedi il caso Jamal Khashoggi, trucidato a Istanbul). Di fatto però i ricercatori che hanno la lista sono riusciti a esaminare soltanto 67 telefonini e hanno trovato tracce sicure di Pegasus su 24. La NSO risponde che la lista è falsa. C'è un punto interessante: l'azienda, che non agiva senza la licenza del governo, collabora da tempo con Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita: in pratica è più avanti dei rapporti ufficiali e diplomatici. E non prendeva di mira bersagli negli Stati Uniti, alleato strategico di Israele. Come si diceva all'inizio, la mappa di alleati e nemici nelle aggressioni informatiche è più allo scoperto del normale.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT