martedi` 28 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.07.2021 Michela Murgia, parole shock: 'Sto con Hamas'
Editoriale del Foglio, intervento di Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma

Testata: Il Foglio
Data: 01 luglio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Murgia in divisa di Hamas»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/07/2021, a pag.3, l'editoriale "Murgia in divisa di Hamas".

A destra l'immagine con le parole di Michela Murgia.

Ecco il commento di Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma:

Pensarla come Hamas significa sostenere il terrorismo islamista, volere lo sterminio degli ebrei, la sottomissione delle donne e la lapidazione degli omosessuali. È gravissimo ed incomprensibile che Michela Murgia possa sostenere queste tesi inaccettabili e intrise di odio.

Ecco l'editoriale del Foglio:

Male non fare, paura non avere. Di sicuro paura di Michela Murgia, nonostante i suoi sguaiati toni prevaricatori, non ne abbiamo. Ma un poco di apprensione dovrebbe sorgere, nei difensori della democrazia, di fronte a certe uscite della notoria agit-prop. Alzate d'ingegno che, questa volta, raggiungono le vette dell'islamo-fascismo. Perché Michela Murgia, che ha tanta paura del generale Figliuolo perché indossa la divisa (essendo un militare) è invece entusiasta quando vede le divise degli squadroni di Hamas. La sconcertante (ma neanche poi tanto: semel estremista, semper estremista) scoperta l'ha fatta Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma, e ne ha dato notizia in un tweet. Succede che Murgia ha pubblicato una storia su Instagram, rubricata "pulire le cartelle delle immagini e trovare vecchi screenshot di cui andare ancora fieri". Lo screenshot di cui la raffinata intellò che vuole usare lo "schwa" per non offendere manco le desinenze dei fili d'erba va "fiera" è agghiacciante. Qualcuno le aveva scritto: "Ciao! Senti... Ho visto un po' di cose che hai scritto in giro sulla questione dell'atleta egiziano che non ha stretto la mano all'israeliano. Ma tu come la pensi sulla questione israelo-palestinese? Scusa, so che la domanda è complicata, che è difficile capire dove stanno i torti e le ragioni, ma puoi anche non rispondere subito...". Invece, la sventurata rispose: "Non è affatto complicato. La penso come Hamas". E il (la?) malcapitat*: "Stai scherzando?". La kapò: "Non scherzo mai su Gaza". Con la granitica, paurosa certezza di un'islamofascista, appunto.

Ruth Dureghello: “Bisogna lottare per i diritti. È questo l'unico antidoto  contro l'odio e il razzismo” - La Stampa
Ruth Dureghello

Ruth Dureghello, che certo non ha paura, ha commentato a dovere: "Pensarla come Hamas significa sostenere il terrorismo islamista, volere lo sterminio degli ebrei, la sottomissione delle donne e la lapidazione degli omosessuali. E' gravissimo e incomprensibile che Michela Murgia possa sostenere queste tesi inaccettabili e intrise di odio". E' gravissimo, ma non è per nulla strano.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT