lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.06.2021 Ungheria omofoba, l'intervento dei Paesi europei
Niente arcobaleno allo stadio di Monaco di Baviera, sì in Israele

Testata: Il Foglio
Data: 23 giugno 2021
Pagina: 3
Autore: Redazione IC
Titolo: «Non stiamo con Orbán»
Riprendiamo oggi, 23/06/2021, dal FOGLIO, a pag. 3, l'editoriale "Non stiamo con Orbán".

Mentre in Ungheria il governo Orbán è responsabile di una politica omofoba che avvicina gli "orientamenti sessuali devianti" addirittura alla pedofilia e i Paesi europei giustamente intervengono con una dichiarazione, a Monaco di Baviera la Uefa ha vietato che lo stadio che ospiterà la partita di calcio Germania-Ungheria si presenti con i colori arcobaleno. Invece in Israele la bandiera arcobaleno ieri è stata issata sul Ministero degli Esteri, accanto ai simboli ufficiali del paese,come mostra la fotografia a destra.

Ecco l'articolo:

Ieri quattordici paesi hanno firmato una dichiarazione congiunta contro la legge ungherese anti Lgbtqi. Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Lettonia hanno condannato la norma come "una flagrante forma di discriminazione" e hanno chiesto alla Commissione di agire. All'appello, inizialmente, mancava l'Italia che, secondo quanto aveva dichiarato il sottosegretario Vincenzo Amendola, preferiva "attendere la posizione ungherese in Consiglio". I chiarimenti da parte dell'Ungheria sono arrivati, non sono stati "soddisfacenti" e l'Italia ha deciso di aggiungersi ai tredici. La scorsa settimana, Budapest ha approvato una serie di emendamenti che rende illegale "promuovere" o rappresentare l'omosessualità tra persone con meno di 18 anni. Le misure riguardano non soltanto programmi educativi, ma anche le pubblicità e i programmi televisivi. Nel 2019 Coca-Cola proprio in Ungheria realizzò una pubblicità per la campagna "Love is Love" con una coppia omosessuale. Allora il partito di Viktor Orbán lanciò il boicottaggio, oggi la pubblicità sarebbe illegale. Nel testo si legge: "La pornografia e i contenuti che rappresentano la sessualità o promuovono la deviazione dell'identità di genere, la riassegnazione del sesso e l'omosessualità non devono essere accessibili ai minori di 18 anni". L'obiettivo dichiarato è "tutelare i diritti dei bambini" e uno degli elementi più pericolosi non è tanto che il governo non voglia che si parli di comunità Lgbtqi nelle scuole o che abbia istituito un registro di organizzazioni titolate a parlare di educazione sessuale ai minori, ma che di fatto questi emendamenti indichino l'orientamento sessuale come una deviazione e un crimine e puntino a paragonarlo alla pedofilia. Questa legge non risponde ai criteri dello stato di diritto ai quali l'Ungheria dovrebbe aderire, è discriminatoria, e l'Italia ha fatto bene a unirsi alle buone ragioni dei paesi europei che hanno firmato la dichiarazione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT