venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
05.06.2021 Patriarcato islamico: la storia di Saman Abbas
Commento di Maurizio Crippa

Testata: Il Foglio
Data: 05 giugno 2021
Pagina: 1
Autore: Maurizio Crippa
Titolo: «Patriarcato islamico»
Riprendiamo dal FOGLIO del 04/06/2021, a pag.1, con il titolo "Patriarcato islamico", il commento a firma Maurizio Crippa.

A destra: Saman Abbas

Immagine correlata
Maurizio Crippa

Milano. C'è qualcosa di più violento, ingiusto, inumano della storia di Saman Abbas? C'è una violazione più inaccettabile della libertà e del corpo stesso di una donna di quelle subite da questa ragazza di origini pachistane di diciotto anni? Non ci sono. La sua storia è questa, ed è nota da qualche giorno. La notte tra il 30 aprile e il 1° maggio, in un paesino del reggiano, Novellara, Saman viene accompagnata dal padre e dalla madre, Nazia e Shabbar Abbas, lungo un viottolo e consegnata con una scusa a uno zio, Danish Hasnain di 33 anni. Sarà lo zio, secondo le indagini fin qui svolte e i riscontri accertati, a ucciderla. Il corpo di Saman fatto sparire, i tentativi di depistaggio, anche da parte dei genitori, di uno squallore raccapricciante. Il motivo? Saman non voleva sposare, per procura, un cugino in Pakistan. Per questo è stata uccisa, nell'omertà di un'intera famiglia. Il pensiero va a Hina Saleem, vent'anni, uccisa dal padre a Brescia nel 2006 per lo stesso motivo. C'è qualcosa di più violento e ingiusto contro una donna, contro i diritti di una donna? C'è solo una cosa - non diremo più violenta, evitiamo certe ridicolaggini morali - ma altrettanto disgustosa e inquietante: è il silenzio ovattato che circonda questa storia. O per meglio dire, il bassissimo tasso di indignazione con cui è stata (finora) seguita dai media così soliti all'indignazione di genere, persino per la Nazionale cantanti, così solerti nel sostenere campagne per qualsiasi diritto. E c'è il silenzio delle professioniste della denuncia contro il patriarcato.

Ma qui, nell'omicidio di Saman Abbas, dove il patriarcato c'è molto più che in altri casi, e più efferato che mai, silenzio e profilo basso. Nessuna prima pagina, distratti i social. Il perché è presto detto: perché è patriarcato islamico. E dunque vige, silenzioso e non scalfibile nemmeno dai fatti più gravi, il pregiudizio culturale favorevole: la "loro" cultura, i tempi (coranici) della "loro" emancipazione culturale da rispettare. Ieri il Corriere della Sera - che aveva animato la campagna per Luana D'Orazio, l'operaia morta sul lavoro a Prato persino con un tono, per dir così, da settimanale femminile - aveva un'imperdibile pagina tutta dedicata alla morte di una famosa oca del Pigneto ("il Pigneto piange il suo pennuto"). Ma niente su Saman. Il giorno prima, un pezzo in cronaca a pagina 23. Repubblica ieri si indignava, ma a pagina 15 nel taglio basso (poi recuperava con il blog dedicato al "gender gap". In attesa del blog sul gap del multiculturalismo). Nessuna prima pagina, nessun editoriale di denuncia di quelli che è tanto narcisistico scrivere quando la posta è più facile, quando non costa. Quando non si rischia di dover rompere un pregiudizio. Il pregiudizio che a una religione "diversa" possa essere concesso quello che a nessun cittadino occidentale (e figurarsi alla religione occidentale) verrebbe concesso. Marwa Mahmoud, consigliera comunale del Pd a Reggio Emilia, di origine egiziana, ha detto al Resto del Carlino, ripreso dall'HufPost, che "la sinistra ha timore di intervenire sui temi dei diritti negati alle donne islamiche". Perché si rischia sempre di "essere strumentalizzati e additati come razzisti". Quindi meglio abbandonare le ragazze pachistane al loro destino. Quindi meglio mettere fra parentesi il patriarcato, buono per lamentarsi degli spazi in televisione. Meno quando muore una ragazza pachistana. Il caso di Hina Saleem agitò l'opinione pubblica nazionale, forse perché si era a pochi anni dall'11 settembre. Oggi il clima per le giovani donne islamiche non è migliorato. Ma mentre per tutti gli altri diritti c'è sempre una pagina a disposizione, per loro no.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT