venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.06.2021 Affonda la più grande nave iraniana
Analisi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 03 giugno 2021
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Che roghi in Iran»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/06/2021, a pag.1, con il titolo "Che roghi in Iran", l'analisi di Daniele Raineri.

Immagine correlata
Daniele Raineri

Iran, fuoco a bordo: affonda la nave Kharg. Era la più grande della Marina
La nave Kharg

Roma. La nave più grande della flotta iraniana, la Kharg, è affondata ieri dopo che un incendio potente scoppiato nella notte tra martedì e mercoledì aveva costretto i quattrocento uomini di equipaggio ad abbandonarla poco lontano dalla costa, vicino all'imboccatura dello Stretto di Hormuz. La Kharg era usata per rifornire di carburante le altre navi militari dell'Iran, come unità di addestramento e anche per scortare le petroliere iraniane quando transitano nel Golfo. La notizia ha due possibili spiegazioni che in questo momento valgono l'una quanto l'altra. La prima è che la nave è stata l'ennesima vittima dell'obsolescenza delle forze militari dell'Iran, che da anni tentano di proiettare un'immagine aggressiva ma scarseggiano di fondi e devono arrangiarsi con il rimaneggiamento permanente di quello che hanno a disposizione. La Kharg aveva 45 anni, risaliva all'epoca dello Scià e aveva superato il suo ciclo di vita naturale. Nel 2016 alcuni suoi impianti erano stati sostituiti ed è probabile che la qualità dei nuovi fosse inferiore a quella degli originali prodotti nei cantieri inglesi. L'incendio a bordo della nave potrebbe essere l'ultimo di una serie recente di errori e disastri militari. Martedì due piloti di caccia iraniani sono morti perché i sedili eiettabili del loro F-5 si sono azionati per un malfunzionamento quando ancora l'aereo era dentro l'hangar. Nel maggio 2020 la fregata Jamaran lanciò un missile per errore contro la nave Konarak e uccise 19 marinai. Nel 2018 un'altra nave da guerra, la Damavand, affondò nel mar Caspio dopo essere andata alla deriva contro gli scogli. Ad aprile la nave iraniana Saviz, un'unità spia che finge di essere una nave da carico (il suo vero ruolo è stata rivelato dagli americani nel novembre 2020) e sorveglia il passaggio davanti alle coste dello Yemen, è stata danneggiata da una bomba. A fine febbraio un cargo israeliano in navigazione davanti all'Oman è stato costretto a tornare in porto dopo che quattro esplosioni ne avevano perforato lo scafo. Fino ad aprile questi attacchi reciproci rispettavano una regola non scritta: non causare vittime, per non dare il via a una escalation.

Ma l'esplosione contro la Saviz - che era sotto la linea di galleggiamento, quindi poteva essere letale - e ora questo affondamento della Kharg, se di sabotaggio si tratta, potrebbero segnalare un salto di livello nella guerra silenziosa. E' un grosso "se", perché non ci sono elementi che provino in modo decisivo l'una o l'altra tesi. Ieri vicino alla capitale Teheran la principale raffineria è andata a fuoco e la colonna di fumo nero e denso era visibile da decine di chilometri. Anche in questo caso vale la doppia spiegazione. Viene in mente la campagna di sabotaggi dell'estate scorsa, quando tra molti bersagli raggiunti in Iran anche il sito nucleare di Natanz fu colpito da una bomba piazzata al suo interno. Tuttavia c'è anche da considerare che con l'arrivo del caldo gli impianti obsoleti dell'Iran sono più vulnerabili agli incidenti. Due giorni fa il nuovo capo del Mossad israeliano, David Barnea, nel suo primo discorso ripreso dai giornali ha parlato di una campagna di operazioni contro l'Iran, ma ad associare ogni incidente al Mossad si finisce per diventare come alcuni tassisti nei paesi arabi che evocano un complotto internazionale a ogni foratura di gomma. Ieri, mentre l'incendio nella raffineria illuminava i quartieri sud della capitale, il governo iraniano ha fatto poche dichiarazioni sulla giornata perché la posizione di default durante le crisi è ridurre al minimo le spiegazioni ufficiali. Sia la campagna di sabotaggi sia gli incidenti causati da equipaggiamento vetusto non sono argomenti che il regime vuole pubblicizzare. Mancano due settimane al "voto controllato" per scegliere un leader da una lista di nomi approvati dalla Guida Suprema.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT