venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
02.06.2021 L'Iran verso il nucleare e le operazioni del Mossad
Analisi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 02 giugno 2021
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Mossad e Iran»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 02/06/2021, a pag.1, con il titolo "Mossad e Iran", l'analisi di Daniele Raineri.

Immagine correlata
Daniele Raineri

Roma. Lunedì l'Aiea, l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dell'energia atomica e delle ispezioni sul campo, ha firmato il rapporto trimestrale sul nucleare in Iran. E' confidenziale ma alcuni media, come l'agenzia Afp e il Wall Street Journal, lo hanno potuto vedere. Il rapporto rivela molte cose a proposito dell'arricchimento dell'uranio, che è la procedura tecnica che porta l'Iran sempre più vicino ad avere la bomba atomica e quindi funziona come un conto alla rovescia. Il sabotaggio di domenica 13 aprile, quando un'esplosione sotterranea attribuita a Israele (che non conferma) distrusse una parte del sito iraniano di Natanz, ha avuto un impatto molto pesante sulla velocità dell'arricchimento. In tre mesi l'Iran ha arricchito 273 chilogrammi di uranio, che sono meno della metà dei 525 arricchiti nei tre mesi precedenti. Questo vuol dire che le fonti di intelligence che ad aprile dicevano al New York Times che l'esplosione aveva devastato l'impianto iraniano avevano ragione.

Tutti fuorilegge, tranne il Mossad – Area Esteri e pace PRC – SE

Il governo di Teheran in quei giorni aveva minimizzato l'accaduto perché non voleva ammettere l'incredibile violazione di un sito protetto per la seconda volta in otto mesi ma a questo punto è chiaro che la sua era una versione di comodo. Il rapporto dell'Aiea chiarisce che la progressione dell'Iran verso le armi atomiche è soltanto un po' più lenta e ha perso qualche mese, ma non si è fermata. Stima che adesso la scorta totale di uranio arricchito sia arrivata a 3.241 chilogrammi, equivalente a sedici volte la quantità massima permessa dall'accordo firmato nel 2015 - che Teheran non considera più valido perché l'Amministrazione Trump si è ritirata. Dopo il sabotaggio, l'Iran ha deciso di cominciare ad arricchire una parte dell'uranio al sessanta per cento. Una settimana fa il direttore dell'Aiea, l'argentino Rafael Grossi, ha detto al Financial Times che è un punto di non ritorno perché "soltanto i paesi che producono armi atomiche arricchiscono a quel livello l'uranio, quello che si usa per scopi commerciali è arricchito al due, tre per cento". Il rapporto Aiea dice che per ora la quantità di uranio arricchito al sessanta per cento è 2,4 chilogrammi. Secondo gli esperti, se fosse ancora purificato basterebbe per almeno tre bombe. Per fare un'arma atomica ci vuole uranio arricchito al novanta per cento. L'Aiea scrive anche di avere trovato tracce di uranio in siti dove non ci dovrebbe essere nulla e questo fa sospettare che il governo iraniano nasconda qualcosa. L'ipotesi più probabile è che l'Iran non abbia dismesso del tutto le strutture del programma militare, come garantisce di avere fatto. Ieri il nuovo capo del Mossad israeliano, David Barnea, ha parlato per la prima volta: "Dobbiamo dirlo forte e chiaro. Mentre parliamo, l'Iran lavora al suo progetto nucleare protetto da uno scudo internazionale. Dentro a un accordo o fuori dall'accordo, con inganni e bugie, l'Iran procede verso la bomba atomica". Poi ha fatto una minaccia esplicita, secondo il testo raccolto dal giornale Yedioth Ahronoth: "Il braccio lungo del Mossad continuerà a rispondere al programma iraniano. Conosciamo bene i diversi settori del programma nucleare e molto bene le persone che ci lavorano e che lo dirigono". E infine ha citato l'indifferenza della comunità internazionale per dire che Israele deciderà cosa fare in autonomia: "Non ci regoleremo secondo l'idea che la maggioranza decide, perché quella maggioranza non pagherà le conseguenze degli errori di valutazione".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT