giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
30.03.2021 La scrittrice turca Claire Koç finisce sotto scorta
Lo intervista Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 30 marzo 2021
Pagina: 2
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «'Amo la Francia'. E la scrittrice turca Claire Koç finisce sotto scorta»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 30/03/2021, a pag.2, con il titolo " 'Amo la Francia'. E la scrittrice turca Claire Koç finisce sotto scorta", l'analisi di Giulio Meotti.

Immagine correlata
Giulio Meotti

Claire Koc: I had to defy my family to be truly French | World | The Times
Claire Koç

Roma. Per finire la propria formazione universitaria e sposarsi aveva dovuto rompere con la famiglia. Per diventare cittadina francese ha dovuto soffrire l'ostilità dei fratelli. Adesso che difende l'assimilazione e proclama il suo "amore per la Francia che mi ha permesso di essere libera", Claire Koç è finita sotto protezione della polizia francese. Figlia di immigrati turchi, Koç è l'autrice del libro "Claire, le prénom de la honte" (Albin Michel). Le sue interviste, soprattutto al Figaro Magazine, non sono piaciute a tanti: "Dai primi articoli ho iniziato a ricevere molti insulti sui social, soprattutto su Twitter", dice la giornalista. Poi le minacce. Ora è soggetta a protezione del ministero dell'Interno. I sostenitori di Emmanuel Macron hanno elogiato il libro di Koç, sostenendo che questo dimostra il perché sia necessario che il governo incoraggi l'assimilazione e impedisca alle minoranze e alle comunità di immigrati di isolarsi e di vivere separate dalla Repubblica.

Comment on a assassiné la démocratie
Valérie Boyer

Claire aveva un anno quando i suoi genitori sono immigrati in Francia, nel 1984, ed è cresciuta in Bretagna e a Strasburgo, nei tipici progetti di edilizia popolare. Nel libro spiega che da bambina la mandarono a lezioni di turco, dove la mattina si univa ai compagni di classe nel cantare il mantra: "Che la mia esistenza sia un regalo alla Turchia". Alla fine di febbraio, France Télévisions - il suo datore di lavoro - ha scoperto quel che si scriveva di lei sui social. "Questo è il vero volto di Cigdem Claire Koç. Se avessi le coordinate, non esiterei". La giornalista cancella il proprio account Twitter, ma continua a essere insultata. "Neghi il tuo paese", ha scritto su Instagram un individuo che ha aggiunto al suo profilo una bandiera turca e la testa di un lupo grigio, l'organizzazione ultranazionalista turca. "Sporca puttana, prima o poi verrai abbattuta", la ha detto un altro, mentre un altro account le prometteva "proiettili veri". Ha contato più di 1.500 messaggi di odio, provenienti dai turchi in Francia ma anche da comunità nordafricane. Il suo avvocato, Gilles-William Goldnadel, è lo stesso che difese Oriana Fallaci quando in Francia fu trascinata in giudizio per il libro "La rabbia e l'orgoglio". Koç è dura nelle critiche, prendendo di mira non solo l'oscurantismo religioso e culturale ma anche alcuni politici e gruppi antirazzisti che nutrono, dice, "un atteggiamento secondo cui gli immigrati sono sempre vittime del razzismo". E critica le moschee francesi, finanziate dal governo del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, e incoraggia gli immigrati turchi a mantenersi separati dalla società francese tradizionale. La senatrice Valérie Boyer, dei Repubblicani, ha twittato che è "intollerabile che sia perseguitata perché ama troppo la Francia. Per quanto tempo continueranno queste minacce?". Avevamo raccontato del libro di Lale Gül in cima alla lista dei best seller in Olanda, "Ik ga leven" (Io vivrò), che le è costato una fatwa e il ripudio della sua famiglia. Adesso un'altra. Da mesi elogiamo la coppia di ricercatori turchi che ha creato il vaccino della BioNTech-Pfizer. Un grande esempio di integrazione nella cultura europea e occidentale. Ma non si capisce come possano essere emulati se non difendiamo le scrittrici turche che in Europa si battono per essere libere. Ma noi siamo troppo impegnati a togliere Maometto dall'Inferno dantesco.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT