lunedi` 23 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
30.09.2020 Libia ebraica, memoria e identità
Recensione di Alessandro Litta Modignani

Testata: Il Foglio
Data: 30 settembre 2020
Pagina: 2
Autore: Alessandro Litta Modignani
Titolo: «Libia ebraica»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 30/09/2020, a pag. II, la recensione di Alessandro Litta Modignani al libro "Libia ebraica" (Belforte ed.).

Immagine correlata
Alessandro Litta Modignani


La Libia ebraica tra storia e memoria » Pensalibero.it
La copertina

Libia ebraica è un libro collettaneo, la raccolta di varie testimonianze e immagini fotografiche di un mondo millenario, oggi cancellato per sempre. Sulla base dei riscontri archeologici, le prime presenze ebraiche si registrano in Libia intorno al 300 a. C. Ne consegue che, al momento dell'invasione araba del Mahgreb, gli ebrei vivevano in quelle terre già mille anni prima dei conquistatori musulmani. Avevano vissuto, da minoranza religiosa, sotto il dominio di varie civiltà, con alterne vicende, sempre coniugando le tradizioni ebraiche con quelle specificamente locali. Nel XVI secolo fu la volta dei turchi ottomani, sotto i quali gli ebrei vissero nella condizione di "dhimmi" (protetti, cioè sottomessi, tassati e umiliati): un trattamento che durò fino al 1911, con l'occupazione italiana. "L'impatto del mondo arabo con il colonialismo europeo fu per gli ebrei della regione una possibilità di emancipazione da una condizione secolare di oppressione, insicurezza e umiliazione", scrive David Meghnagi. Le vicende più recenti, quelle del Novecento, sono narrate con sofferenza e passione. Nel 1943, dopo uno dei tanti rovesciamenti di fronte, circa 2.600 ebrei furono deportati nel campo di concentramento di Giado, duecento chilometri a sud di Tripoli. Moriranno in 562 di malnutrizione, maltrattamenti, tifo. Molti altri saranno deportati in un viaggio della morte, dolorosamente narrato da Yossi Sucary nel libro Benghazi-Bergen Belsen. La guerra finisce, ma non per gli ebrei: nel novembre del '45 un pogrom scatenato dagli arabi provoca 130 morti e centinaia di feriti e mutilati. La convivenza fra ebrei e musulmani, che durava da 13 secoli, passa da difficile a impossibile nell'arco di pochi anni. Alcuni arabi tuttavia si distinguono nell'aiutare le famiglie ebraiche amiche a nascondersi e a mettersi in salvo. Le testimonianze sono atroci: "Poi di notte sentimmo delle urla, da ogni casa. Urla, urla, urla, tutti urlavano. C'era una bambina piccola (piange), le strapparono gli occhi di fronte a sua madre. Le avvolsero in un tappeto di paglia, lei e sua madre, versarono della benzina e le bruciarono. Li ho visti tutti. Non posso dimenticare". Tre anni dopo, nel '48, segue un secondo pogrom, alla nascita di Israele. Stavolta però gli ebrei non si fanno trovare impreparati, anche grazie all'addestramento ricevuto dai soldati della Brigata ebraica. Restano uccisi 19 ebrei e 92 arabi: gli ebrei libici hanno imparato a difendersi. La comunità che contava ai tempi del censimento ottomano fino a 38 mila persone, è costretta ad andarsene. Più del 90 per cento degli ebrei libici emigra fra il '45 e il '51. Ormai non ne restano più che 5 mila, ma sono sorvegliati speciali e vivono nella paura. Nel '67, allo scoppio della Guerra dei Sei Giorni, re Idris dichiara di non essere più in grado di garantire la loro incolumità. Se ne vanno alla spicciolata anche gli ultimi, di notte, di nascosto, a mani vuote. Si dividono fra Israele e l'Italia, in particolare a Livorno. Meghnagi racconta questo doloroso epilogo con parole intense e sofferte.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT