giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
28.01.2020 Francia islamizzata, addio al Paese delle libertà
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 28 gennaio 2020
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Nel paese di Voltaire: 'Sei morta, Mila'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 28/01/2020, a pag.1, con il titolo "Nel paese di Voltaire: 'Sei morta, Mila' ", l'analisi di Giulio Meotti.

Risultati immagini per giulio meotti il foglio
Giulio Meotti

Risultati immagini per islam france

Roma. "I terroristi islamici hanno vinto la battaglia ideologica", scriveva ieri su Twitter il giornalista di Libération Jean Quatremer. Mila, una ragazza di sedici anni, ha subito un'ondata di insulti e minacce fisiche da quando ha attaccato l'islam in un breve video postato su Instagram. Ha dovuto rinunciare ad andare al liceo, deve nascondersi e vivere sotto la protezione della gendarmeria. Informazioni personali, come l'indirizzo della sua scuola, sono state divulgate sui social. Tutto questo è avvenuto in un'indifferenza diffusa, mentre la polizia francese ha persino aperto un'inchiesta per valutare se le parole della sedicenne avessero motivazioni "razziste". Il 19 gennaio Mila, che è lesbica e aveva la bandiera lgbt sul profilo, è chiamata "sporca puttana" e "sporca lesbica" sul suo account. E' accusata di insultare "il nostro dio Allah, l'unico e il solo", le si augura di "bruciare all'inferno". Lei risponde con un altro video: "Nel Corano c'è solo odio. Ho detto quello che penso, non me ne farete pentire". Il messaggio di Mila viene registrato e trasmesso su Twitter, Instagram e Snapchat. Ci sono messaggi che incitano a violentare la ragazza. E a farla fuori ("sei morta, sappiamo dove vivi"). L'intimidazione si fa sempre più concreta, sale di gradino: gli utenti divulgano informazioni personali sulla ragazza, il suo nome completo, l'indirizzo, il numero di cellulare. "Qualcuno ha chiamato il liceo fingendo di essere mio padre", ha raccontato Mila al Times. "Il liceo ha chiamato la polizia per proteggermi". Come racconta il settimanale Marianne, molti militanti lgbt hanno partecipato alle sue vessazioni in nome della sacrosanta lotta contro l"`islamofobia". Uno le chiede di "rimuovere la bandiera lgbt" dalla biografia: "Non hai la mentalità aperta per far parte di una comunità che sostiene l'amore e l'accettazione". Una ragazza che frequenta la stessa scuola di Mila ha scritto su Snapchat: "C'è la polizia al liceo. Tutti la vogliono morta". In rete ci si divide fra #JesuisMila e #JenesuispasMila. "Nessuna associazione per i diritti umani protesta o esprime solidarietà", commenta il filosofo Raphael Enthoven. "Chi se ne frega, l'islam non è un orientamento sessuale", recita una vignetta di Charlie Hebdo con due militanti lgbt. "Non difenderemo una donna bianca dominante". Sul Journal du dimanche, l'avvocato di Charlie Richard Malka è durissimo: "Il caso di Mila o il trionfo della paura". "Non c'è reazione da parte dei ministri e delle principali associazioni femministe o lgbt, delle artiste e delle `progressiste'. Girate la testa, fischiettate, guardate le vostre scarpe prima di scegliere indignazioni alla moda che sposerete con tanto più ardore purché non vi espongono ad alcun rischio". L'unica colpa di Mila, scrive Malka, è di "usare un diritto di critica sancito dal sistema giudiziario del suo paese. Questa storia si è svolta questa settimana, non nella terra dei puri, ma in una Francia che ha dimenticato che era di Voltaire". E così Abdallah Zekri, delegato generale del Consiglio francese della Fede musulmana pur condannando le minacce di morte, dichiara perfino che "chi semina vento raccoglie tempesta". Insomma, Mila se l'è cercata. Ma in fondo, non lo disse anche il Papa dopo il massacro a Charlie Hebdo di cinque anni fa, "se offendi la mia mamma ti do un pugno"? I volterriani à la carte intanto sono tutti impegnati a difendere il diritto di Netflix di mandare in onda la serie sul Gesù omosessuale. Gli eroi della satira conformista.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT