giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.01.2020 Venezuela: ancora in piedi il regime criminale di Maduro
Per ora condanne solo a parole da parte dell'Occidente

Testata: Il Foglio
Data: 07 gennaio 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Come rimane in piedi un dittatore»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/01/2020, a pag. 3 l'editoriale "Come rimane in piedi un dittatore".

Immagine correlata
Il popolo contro Maduro in Venezuela

Immagine correlata
Guaidò abbandonato dalle democrazie occidentali

Ancora un golpe di Nicolás Maduro, e adesso con Luis Parra contrapposto a Juan Guaidó, il Venezuela ha due presidenti per l’Assemblea nazionale. Oltre a due presidenti, ha due assemblee legislative, due Tribunali supremi di Giustizia, due procuratori generali. Domenica era in agenda il voto per rinnovare le cariche direttive dell’Assemblea nazionale e la con- ferma di Guaidó era essenziale per mante- nere il suo ruolo di presidente della Repubblica ad interim. I membri della polizia e della Guardia nazionale di servizio agli ingressi dell’Assemblea, però, hanno fatto entrare solo i deputati fedeli al regime, oltre a una quindicina di esponenti dell’opposizione che Guaidó aveva emarginato dopo che erano stati coinvolti in un grave scandalo. E i membri del partito di Maduro hanno votato Parra. Dopo ore di attesa e tensione, Guaidó ha anche provato a scavalcare un’inferriata ed è stato respinto con la forza. Alla fine i deputati lasciati fuori si sono riuniti nella sede del quotidiano “El Nacional”, e lì Guaidó è stato rieletto all’unanimità, con 100 voti. Poiché i parlamentari in tutto sono 167, un semplice calcolo mostra che Parra è stato eletto senza il quorum necessario di 84 presenti: probabilmente per questo le cifre dell’elezione di Parra non sono state rese note. Costruire una maggioranza impedendo l’ingresso di deputati è un golpe talmente sfacciato che perfino i governi di sinistra di Alberto Fernández in Argentina e di Andrés Manuel López Obrador in Messico hanno condannato. Con i cambi di governo che ci sono stati anche in Bolivia e in Uruguay vuol dire che Maduro ormai nella regione è rimasto solo con l’appoggio di Cuba e di Daniel Ortega. Per Stati Uniti, Canada, gruppo di Lima e Unione europea il legittimo presidente dell’Assemblea nazionale rimane Guaidó. Mentre Maduro ha l’assenso di Putin, Xi Jinping, Khamenei, Erdogan e anche di alcuni esponenti del governo italiano che poco contano a livello globale ma molto pesano sulla posizione dell’Italia. Così le divisioni internazionali, unite a pressioni inefficaci e disordinate da parte dei paesi contrari a Maduro hanno permesso che un regime fatale per la nazione rimanesse in piedi.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT