giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.01.2020 2019, un anno di successi per il tech israeliano
Le startup si moltiplicano e crescono

Testata: Il Foglio
Data: 07 gennaio 2020
Pagina: 7
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il tech in Israele va forte, piovono unicorni»
Riprendiamo dal FOGLIO - Innovazione di oggi, 07/01/2020, a pag.7, la breve "Il tech in Israele va forte, piovono unicorni".

Risultati immagini per unicorn silicon wadi
Tel Aviv

Risultati immagini per unicorn silicon wadi

Che la scena tecnologica di Israele sia una delle migliori al mondo è noto. Ma il 2019 per lo stato ebraico è stato straordinario, dal punto di vista dell'innovazione e degli investimenti in tecnologia. Per esempio: nel 2019, in Israele il numero di unicorni, cioè di startup che ottengono una valutazione superiore al miliardo di dollari, è praticamente raddoppiato, da 11 a 20. Non è soltanto il tasso di crescita a impressionare, è il fatto che di stati con 20 unicorni ce ne sono pochi in circolazione. Meglio di Israele fanno soltanto gli Stati Uniti, la Cina e il Regno Unito. L'Italia, per dire, ha zero unicorni, Francia e Germania una manciata. Certo, da qualche tempo si parla di come le quotazioni di certe startup siano gonfiate, ma per Israele un numero così alto di aziende tecnologiche che raggiungono un valore stratosferico è probabilmente un segno di maturità. Fino a pochi anni fa tutte le aziende tech israeliane puntavano a una "exit", cioè a farsi acquisire da un gigante americano, come Waze comprato da Google. Se i gioielli tech rimangono in proprio e diventano grandi a loro volta è un buon segno per Israele. Tra le startup israeliane diventate unicorni ci sono Gett, un'azienda di ride hailing stile Uber, Monday.com, che ha creato un software per la gestione dei team aziendali, e Cybereason, una compagnia di cybersecurity.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT