giovedi` 30 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.04.2018 Caso Tariq Ramadan: ecco che cosa succede a chi lo accusa
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 10 aprile 2018
Pagina: 2
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Boldrini e Argento, sentite che succede alle accusatrici di Tariq Ramadan»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi 10/04/2018, a pag.2, con il titolo "Boldrini e Argento, sentite che succede alle accusatrici di Tariq Ramadan" il commento di Giulio Meotti.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Giulio Meotti

Immagine correlataImmagine correlata
Laura Boldrini  Asia Argento

Roma. Se Asia Argento e Laura Boldrini cercassero le uniche, vere donne perseguitate da quando è stato lanciato #MeToo, dovrebbero andare a Parigi e sfogliare l’ultimo numero della rivista Marianne. E’ dedicata alle tre donne che finora hanno avuto il coraggio di denunciare per stupro Tariq Ramadan, il paladino dei borghesi in cerca di un “islam moderato” potabile nei salotti e nelle cancellerie occidentali. Le tre presunte vittime di Ramadan sono state oggetto di una campagna di molestie e aggressioni senza precedenti. E ora, per la prima volta, tutte e tre hanno raccontato a Marianne il calvario passato dopo che hanno denunciato Tariq Ramadan, incriminato e detenuto dal 2 febbraio a FleuryMérogis. Minacce, insulti, aggressioni fisiche e psicologiche. Due di loro hanno considerato anche di ritirare la denuncia. “Hai solo ciò che meriti” è uno dei tanti messaggi che Marie riceve ogni giorno, da quando ha presentato una denuncia per stupro contro Tariq Ramadan il 7 marzo scorso. E il messaggio proviene da uno dei suoi fratelli. Il 5 aprile, Marie ha dovuto sporgere denuncia contro di lui. Henda Ayari, che ha presentato la prima denuncia il 20 ottobre 2017, non ha più alcun sostegno: “La mia famiglia non mi parla più”. I nomi, i numeri di telefono e gli indirizzi delle tre donne sono stati divulgati sui social media. Henda Ayari si lamenta: “Non posso più andare a fare shopping, non posso camminare per strada, esco con un berretto, occhiali da sole e la testa bassa”.

Immagine correlata
Tariq Ramadan

Jonas Haddad, l’avvocato di Ayari, ha presentato alla polizia di Rouen un rapporto di venti pagine contenente tutti i messaggi ricevuti in queste settimane dalla sua assistita. Si va dall’accusa di essere una “puttana” a quella di essere stata “pagata dagli ebrei”, fino a quelli che le dicono che sta “facendo soldi sull’onda dell’islamofobia”. C’è anche chi si è presentato sotto casa di Ayari, suonando alla porta, promettendole di ammazzarla e augurandole di finire nelle mani dell’Isis. Di qualche giorno fa la notizia che Majda Bernoussi, cittadina belga di origini marocchine, avrebbe concordato una cifra di 27 mila euro per chiudere la bocca. Ramadan come Trump? “Esco sempre meno”, testimonia Marie, una delle due donne che usa uno pseudonimo. Due settimane fa, la donna è stata aggredita per strada: “Sporca troia”, le hanno urlato quattro giovani sputandole in faccia. E le testimonianze sono simili: “Telefonano a casa nel mezzo della notte, ricevo chiamate anonime ogni giorno, persone che respirano o che ridono all’altro capo del telefono”. Mentre Marie descrive un clima di “paura permanente”, Christelle confessa: “Non voglio svegliarmi tremando di notte, con gli estranei che suonano alla mia porta”. Christelle riceve email da estranei contenenti “informazioni molto specifiche sull’uso del mio tempo”. E aggiunge: “Questa sorveglianza ci terrorizza”. Un giorno Marie porta il figlio a scuola. Una macchina si ferma alla sua altezza, e l’autista le urla: “Chiudi la bocca, fai attenzione ai tuoi bambini”. Quel giorno doveva andare a Parigi per vedere i suoi avvocati. Il 24 marzo è stata violentemente aggredita nell’atrio del suo palazzo da due uomini che, dopo averla malmenata, le hanno spruzzata acqua addosso e le hanno detto: “La prossima volta sarà benzina”. Denunciare Ramadan significa anche aver perso delle possibilità economiche. Henda Ayari: “Non posso lavorare come prima, tutti mi riconoscono”, spiega. Christelle, programmatrice di computer, vive “al di sotto della soglia di povertà”. Alla Ayari hanno vandalizzato anche l’auto. Va da sé che ci sia profonda amarezza per come siano state abbandonate da chi brandisce la bandiera di #MeToo: “Non ho ricevuto alcun messaggio dalle organizzazioni femministe o da coloro che beneficiano di sovvenzioni”. Di questa #MeToo del multiculturalismo non ne parla nessuno.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT