sabato 10 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
23.11.2022 Hitler all'alba a Parigi: le foto di tre ore storiche
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 23 novembre 2022
Pagina: 14
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Hitler all'alba a Parigi: le foto di tre ore storiche»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 23/11/2022, con il titolo "Hitler all'alba a Parigi: le foto di tre ore storiche" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

Perché Hitler non raggiunse mai la sommità della Torre Eiffel? - Quora

Hitler in Paradiso. La visita del Führer a Parigi appena conquistata entusiasma i tedeschi che arrivano a citare lo scrittore francese Jules Renard: aggiungete due lettere a Paris e vi trovate in Paradis. In tedesco diventano tre lettere, Paradies, ma non importa. La `Francia è sconfitta, presto lo sarà la Gran Bretagna. La guerra non sarà sanguinosa. Venti rare foto, alcune inedite, della visita di Hitler il 23 giugno del 1940, sono state donate dall´editore britannico Charles Chadwyck–Healey alla Biblioteca Nazionale di Francia. Furono scattate dal fotografo personale del Führer Heinrich Hoffmann, che dal 1924, aveva l´esclusiva su tutte le immagini del Führer, guadagnando una fortuna, pretendeva una percentuale anche sui francobolli che riportavano il volto di Hitler. Fu lui a presentargli Eva Braun, che era assistente nel suo studio nella Schelling Straße a Monaco, accanto all´Osteria Italiana, dove Hitler andava a gustare gli spaghetti al pomodoro. Le foto vennero pubblicate nel libro “Hitler in Westen”, donato agli accompagnatori del Führer, in quel breve giro per Parigi. Sono sorprendenti perchè non mostrano il capo del III Reich in pose militaresche da conquistatore: indossa un mantello grigio, è in gruppo, perfino in disparte. Martin Bormann, che fu al fianco del Führer fino agli ultimi giorni, riporta nel diario la data e le ore precise al minuto, domenica 23 giugno, all´alba. Il giorno prima a quindici chilometri da Compiègne, in una radura nel bosco dove è stata firmata la resa. Qui, per due volte, si pose fine alle guerre del XX secolo, e la pace illusoria portò ad altri conflitti e massacri. In un vagone ristorante della Wagon-Lits, il numero 2419 D, uscito dalle officine di Saint Denis, un simbolo della Belle Epoque, che si credeva non avrebbe mai avuto fine, l´undici novembre del 1918 si firma l´armistizio con la Germania, le condizioni imposte furono esose, i tedeschi avrebbero finito di pagare i danni di guerra a rate solo nel 1966, l´anno dell´alluvione a Firenze. Provocarono la tragica inflazione degli Anni Venti, e spianarono la strada a Hitler. Una vendetta per la sconfitta del 1870. Il vagone finì al Musée de l´Armé a Parigi. Ventidue anni dopo, un´altra rivincita. Nel giugno del 1940, Hitler volle che la resa fosse firmata a Compiègne, su quel salon-restaurant recuperato dal museo. Il generale Wilhelm Keitel e il generale Charles Untziger firmarono alle 18 e 50 minuti del 22 giugno. Il Führer amava i simboli, e come un imperatore romano volle che il vagone, preda di guerra, sfilasse sotto la Porta di Brandeburgo a Berlino, trasformata in Arco di Trionfo. Poi il vagone finì in Turingia a Grawinkel, non lontano da Gotha, su un binario morto. Nel 1944, quando gli americani erano ormai a poche miglia, venne dato alle fiamme dalle SS. Il dieci giugno del ´40 , è entrata in guerra l´Italia di Mussolini, undici aerei italiani hanno bombardato Malta. Parigi è stata conquistata venerdì 14 giugno, e quel giorno i primi deportati sono giunti a Auschwitz. Sabato è caduta Verdun, nella Grande Guerra morirono 300mila, la più sanguinosa battaglia della storia. Il presidente americano Franklin Delano Rooselvet annuncia che gli Stati Uniti non entreranno in guerra, Hitler potrà conquistare l´Europa. Il trattato obbliga i francesi a consegnare tutti gli esuli fuggiti dal III Reich, che cercano di fuggire nuovamente, verso la Spagna e il Portogallo. Lo scrittore Walter Benjamin si toglie la vita. . Sembra incredibile, ma si fece confusione sulla data della visita lampo di Hitler a Parigi. Come è possibile? si chiede lo storico Cédric Gruat nel saggio “Hitler in Paris”. Albert Speer, l´architetto del Führer, scrive nelle memorie che la visita avvenne il 28 giugno, con lui è d´accordo Nicolaus von Below, funzionario alla Cancelleria, Alber Giesler, architetto rivale di Speer, riporta il 24. Harald Sandner per la Berlinerstory Verlag ha riportato tuti gli spostamenti di Hitler dalla nascita alla morte, in quattro volumi (berlinerStory Verlag; 499 euro), e spiega che dell´equivoco sono responsabili le foto. Molte hanno date sbagliate poste dai fotografi al momento dello sviluppo. Hitler decollò da Gros Caillou in Belgio alle 5 e 5, su un Condor , e il volo fino all´aeroporto di Le Bourget distante 180 chilometri durò 35 minuti. Hitler salì su una Mercedes Cabriolet e entrò nella capitale dalla Porte de la Villette, all´alba, Parigi deserta era spettrale. Prosguì per Avenue de Flandres, poi lungo Rue La Fayette. Avrebbe potuto sfilare alla testa di una parata per gli Champs Elysees e passare sotto l´Arco di Trionfo, ma preferì presentarsi come un amante d´arte, quasi da turista. Lo riconosce esterefatta una venditrice di pesce al mercato delle Halles che sta aprendo il suo chiosco: “Le diable”, esclama. Ha scelto come prima tappa il Teatro dell´Opera, progettata da Charles Garnier. E allontana la guida Théodor Pierre non ha bisogno di spiegazioni. Al suo fianco vuole Speer e lo scultore che ama Arno Breker. Si cambia, il mantello di cuoio è troppo pesante e caldo, indossa un leggero mantello in gabardine. Va per pochi minuiti alla vicina chiesa de la Madeleine, e continua diretto al Trocadero e all´Esplanade. E´ voluto venire quasi in privato, ma non dimentica la storia: si reca alla tomba in granito di Napoleone. L´imperatore a Berlino nel 1806 volle rendere omaggio alla tomba di Federico II, re di Prussia. Hitler si paragona a Bonaparte. La visita continua fino a Montmartre, e al Sacro Cuore. Per qualche minuto il Führer osserva Parigi ai suoi piedi, poi torna a Le Bourget. La visita è durata tre ore.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT