venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
07.04.2022 L'Onu è un flop anche per il Papa: 'In Ucraina è del tutto impotente'
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 07 aprile 2022
Pagina: 5
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «L'Onu è un flop anche per il Papa: 'In Ucraina è del tutto impotente'»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 07/04/2022, a pag.5 con il titolo "L'Onu è un flop anche per il Papa: 'In Ucraina è del tutto impotente' " il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

Ucraina: 'attaccata scuola Mariupol, dentro 400 persone' - Ultima Ora - ANSA
Mariupol

La storia dell'Onu? Settantasette anni di fallimenti. L'ultimo in Ucraina. Le Nazioni Unite non hanno saputo prevenire il conflitto. Oggi non tentano neppure di imporre una tregua. Volodymyr Zelensky ha parlato via Zoom ai rappresentanti dei 193 Paesi nel palazzo dell'Onu a New York. Ha mostrato sullo schermo enorme le immagini dei massacri e denunciato: «Basta con le parole vuote. Dove sono le garanzie che dovete garantire? Dovete espellere la Russia dal Consiglio di Sicurezza, e Putin deve essere processato come criminale di guerra in una nuova Norimberga». Ma sono inutili anche le parole del presidente ucraino. Quanto chiede non avverrà mai, se non a costo di porre fine all'Onu, nella forma esistente, e creare una nuova assemblea mondiale. «Assistiamo all'impotenza delle Nazioni Unite»: le parole di Papa Francesco sono durissime, anche se pronunciate senza l'enfasi di Zelensky. «Si parla spesso di geopolitica ma purtroppo la logica dominante è quella degli Stati più potenti per affermare i propri interessi, allargando la loro influenza economica, ideologica, militare». L'attacco del Pontefice non è rivolto solo alla Russia, ma anche agli altri Paesi che dominano l'Onu. Dopo la Grande Guerra, nel luglio del 1919, nacque la Società delle Nazioni per garantire la pace. Vent'anni dopo iniziò l'ultimo conflitto mondiale, Nel '46, nacque l'Onu, per garantire il nuovo ordine mondiale. Winston Churchill fu facile profeta: «Sarà una Torre di Babele». Si parla in tutte le lingue, in base alla Carta i membri sono tutti uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri, i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Cina e Russia, che hanno diritto di veto su ogni risoluzione. Possono agire a piacimento, senza venire bloccati o, tanto meno, condannati. Gli altri dieci membri del Consiglio, ne fanno parte per due anni: non hanno la forza di imporsi, né la voglia. In cambio, durante il mandato, hanno diritto a aiuti internazionali più generosi. L'Onu brucia solo miliardi, un paio all "anno in dollari, in cambio di niente. Le sue decisioni sono velleitarie, spesso pericolose, come l'ultima, tragicamente grottesca: il 3 dicembre dell'anno scorso, 123 Paesi hanno negato che Gerusalemme abbia un'identità ebraica e cristiana. Apparterebbe solo ai musulmani. Un giudizio che di fatto giustifica nuove violenze e che ha una semplice spiegazione: la maggioranza dei membri dell'Onu è musulmana. L'Onu si è dimostrata impotente per il Vietnam, perché non poteva condannare gli Stati Uniti. Tacque innanzi ai milioni di vittime in Cambogia per non irritare la Cina, e rimase in silenzio quando l'Unione Sovietica invase l'Afghanistan, come non intervenne durante i vent'anni di occupazione del Paese, dal 2001 fino alla fuga precipitosa da Kabul degli americani, l'estate scorsa. L'Onu venne scavalcata dalla Nato quando si bombardò Belgrado per imporre l'indipendenza del Kosovo. L'undici luglio del '95, seicento caschi blu olandesi rimasero passivi innanzi al massacro compiuto dai serbi di Ratko Mladic a Srebrenica: furono trucidati ottomila bosniaci, la vittima più giovane una neonata di un mese. Il comandante olandese Thom Karremans si limitò a guardare perché, sostenne, per l'Onu il suo compito era di osservare. Nel giugno del '94, la Francia su mandato dell'Onu non riuscì a evitare il genocidio in Ruanda, gli Hutu uccisero il 75 per cento dei Tutsi, oltre un milione di vittime. Ha fallito anche in Iraq e in Libia e in Siria. E l'Onu non interverrà in Ucraina. Non lo spera neanche Zelensky.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT