giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
12.11.2021 I Nobel sbagliati
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 12 novembre 2021
Pagina: 2
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Nobel discutibili. Molto meglio i premi postumi»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 12/11/2021, a pag.2 con il titolo "Nobel discutibili. Molto meglio i premi postumi" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

È morto Frederik de Klerk, ex presidente del Sudafrica e premio Nobel per  la pace - Tusciaweb.eu
Frederik de Klerk

E’ morto Frederik de Klerk, 85 anni, ultimo presidente bianco del Sudafrica. Chi lo ricorda? Nel '93 gli fu assegnato il Nobel per la Pace con Mandela, per premiare un bianco insieme al leader di colore che aveva trascorso 27 anni in prigione. Un augurio per la futura convivenza tra gli oppressori e le loro vittime. In realtà, de Klerk era sempre stato un sostenitore dell'apartheid, si era piegato alla fine contro voglia alla realtà. II primo Nobel per Pace nel 1901 giustamente andò allo svizzero Jean Henry Dunant, fondatore della Croce Rossa. Nel 1907 fu premiato l'unico italiano, il giornalista milanese Ernesto Moneta, pacifista e patriota. Dopo, i giurati spesso non hanno avuto la mano felice, guidati dal calcolo politico, o nell'illusione che il Nobel servisse da incoraggiamento. Basta ricordare Obama, nel 2009 Nobel per la Pace all'inizio del mandato. Poi il presidente americano scatenò la guerra in Siria, provocò la guerra civile in Ucraina, ed è responsabile del caos in Libia. II premio rafforzò Willy Brandt nel 1971, sotto attacco in Germania e all'estero per la politica di pacificazione con i vicini orientali. E Lech Walesa nel 1983, piccolo David polacco in lotta contro il gigante sovietico. Nel '90 fu premiato Gorbaciov, che non reagì con i panzer alla caduta del «muro». Rare eccezioni. Kissinger ricevette il Nobel nel '73, l'anno in cui gli Usa aiutarono a soffocare la democrazia in Cile. E andava premiato Arafat, insieme con gli israeliani Peres e Rabin? Abiy Ahmed Ali, premier dell'Etiopia, ha avuto il Nobel nel 2019, l'anno dopo ha invaso la regione del Tigray, massacrando i ribelli e migliaia di civili. Nel '36, l'anno delle Olimpiadi con la svastica a Berlino, qualcuno fece il nome di Adolf Hitler. Ma il Führer fu rapido nel dissuadere i giurati. Forse per non sbagliare, i Nobel per la Pace andrebbero assegnati solo alla memoria.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT