domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
26.10.2021 Le ultime ore nel bunker di Hitler
Commento di Roberto Giardina

Testata: La Nazione
Data: 26 ottobre 2021
Pagina: 31
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «I telegrammi dal Bunker: l'urlo finale di Hitler»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 26/10/2021, a pag.31 con il titolo "I telegrammi dal Bunker: l'urlo finale di Hitler" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

La veritÓ sulle ultime ore di Hitler

Un giovane ufficiale francese nella Berlino in macerie si port˛ via un pezzo di storia come souvenir, e lo conserv˛ in soffitta fino alla morte. Dopo 76 anni, due storici, Xavier Aiolfi e Paul Villatoux, pubblicano quei documenti, lettere e telegrammi di Adolf Hitler, spediti e ricevuti nelle ultime ore del Reich, nel Bunker di Berlino. Finora le decisioni finali del FŘhrer erano state ricostruite grazie a tre testimonianze ritrovate in altri luoghi in Germania. Alla fine dell'aprile 1945, i nazisti avevano cercato di bruciare gli archivi, le poche carte rimaste furono portate via dai soldati sovietici, i primi a conquistare Berlino, e a irrompere nel Bunker, non lontano dalla Cancelleria. Trovarono anche i resti semicarbonizzati di Hitler e di Eva Braun. II FŘhrer si era tolto la vita insieme con la compagna, sposata in extremis, dando ordine che i loro corpi venissero bruciati. Ma quel che accade Ŕ confuso e contraddittorio, tanto che nacquero leggende, a cui molti si ostinano ancora a credere. Hitler era riuscito a fuggire dalla sua capitale in fiamme, per nascondersi in Sud America? II capitano Michel Leroy, non ancora trentenne, giunse a Berlino qualche mese dopo la fine della guerra, in novembre, e volle andare a visitare il Bunker.

L'impossibile fuga di Adolf Hitler dal bunker della cancelleria | L'HuffPost

In una stanzetta in fondo a un corridoio, a dodici metri di profonditÓ, sotto un cumulo di detriti, calcinacci e mobili a pezzi, trov˛ un fascio di carte e se le port˛ via, in tutto una settantina di documenti. Non cercˇ di venderle ai cacciatori di souvenirs, anche se avrebbe ottenuto una piccola fortuna. Leroy Ŕ morto pi¨ che novantenne, e i nipoti hanno trovato quel "bottino di guerra" dimenticato in soffitta nel novembre del 2016. E lo hanno consegnato ai due storici, che lo pubblicano nel libro The Final Archive of the FŘhrerbunker (editore Casemate). ź╚ una testimonianza storica importantissima╗, dichiara Xavier Aiolfi. II documento pi¨ importante Ŕ il telegramma del Fuhrer all'Alto Comando della Wehrmacht, il 16 aprile, in cui dÓ ordini per organizzare l'ultima difesa di Berlino, sposta divisioni ormai accerchiate dagli Alleati, o impartisce istruzioni a divisioni fantasma, annientate da un paio di anni. La prova della follia di Hitler che sperava ancora di bloccare l'Armata Rossa, per costringere americani e inglesi o concedergli un armistizio, per non favorire l'Unione Sovietica. ╚ incredibile che qualcuno gli obbedisse e gli credesse ancora. Quando i reparti sovietici erano giunti a poche decine di metri del Reichstag, le SS costringevano le ultime reclute, ragazzi di quindici anni, a affrontare con i fucili i panzer dell'Armata Rossa, e impiccavano ai lampioni quelli che cercavano di mettersi in salvo. In un messaggio alla moglie Gerda, che si trovava nelle Alpi Bavaresi con i dieci figli, Martin Bormann, il segretario del FŘhrer, scrive: źOrmai Ŕ finita, ma il capo rimarrÓ qui qualunque cosa accada╗. Lui rimane fedele. Nel Bunker alle 15 del 23 aprile giunge il dispaccio di Hermann G÷ring, che chiede di prendere il comando del Reich: źSe lei rimane a Berlino, e non sarÓ pi¨ in condizione di agire╗. Se entro le 22, non riceverÓ risposta, G÷ring si considererÓ l'erede legittimo di Hitler. Bormann blocca tutta la posta in arrivo, e corre da Hitler per denunciare il źtradimento╗. II FŘhrer Ŕ preso da un accesso di ira, e ordina (consigliato dal segretario) di mettere G÷ring agli arresti, in attesa del processo e della condanna a morte. Un altro ordine che non pu˛ essere eseguito. Tra tanti documenti, anche un disegno a pastello mandato a Bormann, 45 anni, da una delle sue figlie: fiori variopinti e farfalle, che il padre appese alla parete della sua stanzetta. II simbolo di un mondo pacifico e felice, il sogno di una bambina. Hitler si uccise iI 30 aprile, Bormann tent˛ di lasciare il Bunker il 2 maggio, e scomparve. A lungo si credette che vivesse nascosto in Argentina, ma i suoi resti furono trovati nel '72. Forse si tolse la vita, o fu ucciso da un soldato. Non Ŕ stato possibile distruggere il Bunker, dalle pareti spesse quattro metri. Oggi Ŕ nascosto sotto un parco giochi per bambini.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT