lunedi` 18 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
21.09.2021 Firenze: ecco il giardino di Wanda e Alberto Nirenstein
Cronaca di Iacopo Nathan

Testata: La Nazione
Data: 21 settembre 2021
Pagina: 14
Autore: Iacopo Nathan
Titolo: «'Umanità e cultura. Ecco il giardino per Wanda e Alberto'»
Riprendiamo dalla NAZIONE - Firenze di oggi, 21/09/2021, a pag. 14, la cronaca di Iacopo Nathan dal titolo 'Umanità e cultura. Ecco il giardino per Wanda e Alberto'.

Ecco il video della cerimonia:
https://www.youtube.com/watch?v=ymtcfTLUmm8

Firenze, il giardino di Borgo Allegri nel nome di Wanda Lattes e Alberto  Nirenstein - Moked
Il giardino

«Un luogo di cultura e umanità, che siamo fieri e orgogliosi di presentare». Così Dario Nardella ha iniziato il suo discorso durante la cerimonia di intitolazione del giardino di Borgo Allegri a Wanda Lattes, staffetta partigiana e giornalista e Alberto Nirenstein, storico della Shoah, marito e moglie, che si è svolta ieri. Alberto Nirenstein è stato uno dei primissimi storici della Shoah. Nato nel villaggio polacco di Baranov, è giunto in Italia dalla nascente Israele nelle file della Brigata Ebraica per contribuire alla guerra alleata per la liberazione dal nazifascismo. A Firenze ha incontrato Wanda Lattes, partigiana combattente, uscita dalle leggi razziali divenendo una delle prime giornaliste della storia italiana, sempre in prima fila nella difesa della grande cultura fiorentina. «Da molto tempo - ha spiegato il sindaco - lavoravamo a questo progetto che ci consentisse di riconoscere ad Alberto Nirenstein e Wanda Lattes un luogo di particolare significato, a suggellare un rapporto che è nato, cresciuto e che non si è mai affievolito tra la famiglia e la nostra città. Un rapporto fatto di amore per questa città e comunità che Alberto e Wanda dimostravano con le loro iniziative culturali, con la loro attività sempre rivolta alla promozione della città, un rapporto fecondo che continua a vivere attraverso le figlie e tutta la famiglia, la comunità ebraica, gli intellettuali di questa città, gli organi di informazione».

Wanda e Alberto, un giardino per ricordarli - PressReader
Wanda Lattes, Alberto Nierenstein

«Questa è un'occasione meravigliosa, di cui ringrazierò per sempre la città che ci ha cresciuto - dice una delle figlie di Alberto e Wanda, Fiamma Nirenstein -. Mio babbo, dalla Polonia arrivò a liberare l'Italia dal nazifascismo, e in queste circostanze conobbe mia madre. Entrambi erano innamorati dell'Italia e di Firenze, oltre che di Israele. I miei genitori si sono conosciuti nella lotta, e così hanno continuato a vivere. II riconoscimento in questa strada meravigliosa ci riempie di gioia». «Abbiamo tantissimi ricordi con i nostri nonni, dall'estate in Versilia alle loro storie - hanno raccontato le nipoti di Alberto e Wanda -. Non erano i classici nonnini, tutt'altro, erano pieni di intelligenza. Ricordo bene il nonno cantare l'aramaico, e la nonna che ha voluto fare la giornalista fino alla fine, col suo carisma e la sua intelligenza». Alla cerimonia hanno partecipato anche Ernesto Galli Della Loggia, Daniel Voghelmann a nome della Comunità Ebraica di Firenze, Paolo Ermini, Franco Camarlinghi e Maurizio Degli Innocenti, presidente della fondazione Turati.

Per inviare la propria opinione, telefonare: 055/ 2495111
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT