mercoledi` 22 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
20.07.2021 Il vignettista danese Kurt Westergaard e la satira sul'islam
Commento di Giovanni Serafini

Testata: La Nazione
Data: 20 luglio 2021
Pagina: 2
Autore: Giovanni Serafini
Titolo: «I confini della satira sull'Islam»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 20/07/2021, a pag.2 con il titolo "I confini della satira sull'Islam" il commento di Giovanni Serafini.

Kurt Westergaard, morto il vignettista che raffigurò Maometto - La Stampa
Kurt Westergaard

E’ cominciato tutto da lì, da quella vignetta che raffigurava il profeta Maometto con in testa un turbante a forma di bomba. L'aveva disegnata nel 2005 l'artista danese Kurt Westergaard per il giornale satirico Jyllands-Posten, insieme con altre 11. Non poteva immaginare le conseguenze esplosive che quelle caricature - riprese anni dopo da altri settimanali, fra cui Charlie Hébdo - avrebbero innescato: manifestazioni violente in tutto il mondo musulmano, ambasciate occidentali incendiate da folle inferocite, attentati con centinaia e centinaia di vittime (Charlie Hébdo, Nizza, il Bataclan, una serie terrificante le cui ultima immagine è quella del povero professor Samuel Paty, decapitato davanti alla sua scuola). Minacciato, costretto a cambiare continuamente alloggio, Kurt Westergaard è morto l'altra notte nel sonno, a casa sua.

Kurt Westergaard, morto il vignettista che raffigurò Maometto - La Stampa

Aveva 86 anni. Per lui, che comunque non si era mai pentito delle sue vignette, i tormenti e le angosce di una vita sotto scorta sono finiti. Per gli altri invece, per tutti noi, i dubbi e le preoccupazioni restano, anche se l'irruzione del Covid li ha messi momentaneamente da parte. È giusto pubblicare immagini offensive di Maometto sapendo che possono provocare la morte di persone innocenti? Fin dove può spingersi la satira? Dove situare la frontiera della morale laica? II dibattito è rovente fra chi (come Macron) ritiene che difendere la libertà di espressione significa difendere la democrazia, e chi (come quella parte della sinistra che viene definita «islamo-gauchiste») pensa invece che l'eccesso di laicità si traduca di fatto in islamofobia e generi violenza anziché prevenirla. Una cosa è certa: il dialogo con l'Islam non può aver luogo se non cessa la minaccia di terroristi armati di kalashnikov e coltello. I musulmani moderati devono essere i primi a esigerlo, respingendo con forza (il che purtroppo non accade spesso) le pressioni degli estremisti che in nome di Maometto vorrebbero imporre le proprie regole al paese che li ospita.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT