domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Nazione Rassegna Stampa
01.03.2021 In Svizzera il referendum per vietare il burqa
Simbolo della sottomissione della donna nell'islam

Testata: La Nazione
Data: 01 marzo 2021
Pagina: 18
Autore: la redazione di Nazione/Carlino/Giorno
Titolo: «E la Svizzera vota il referendum per vietare il burqa»
Riprendiamo da NAZIONE/RESTO del CARLINO/IL GIORNO di oggi 01/03/2021, a pag.18 l'articolo "E la Svizzera vota il referendum per vietare il burqa".

Survey: Germans want a burqa ban | News | DW | 26.08.2016

Burqa o non burqa: oltre dieci anni dopo il clamoroso voto sul divieto dei minareti, gli svizzeri sono chiamati alle urne domenica prossima, 7 marzo, per pronunciarsi sul divieto di indossare il velo integrale in pubblico. Benché denominata genericamente «Sì al divieto di nascondere il viso», l'iniziativa popolare ha nel mirino l'islam e le donne che indossano il burqa o il niqab. I manifesti nelle strade sono infatti espliciti e ritraggono una donna con il niqab con slogan che esortano a «fermare l'estremismo». L'iniziativa gode del pieno appoggio del partito della destra conservatrice UDC, prima formazione politica del Paese.

Why is a Burqa and Hijab banned in most European Countries?

È invece osteggiata dal governo e dalla maggioranza del parlamento. Il testo affronta tuttavia un tema controverso che divide da anni e tende a scomporre i fronti, con favorevoli e contrari a destra e a sinistra, tra le donne ed anche tra i musulmani. II sostegno all'iniziativa si è eroso durante l'accesa campagna: mentre i Sì erano in vantaggio a gennaio, un mese dopo i sostenitori del testo risultano al 49%. II referendum antiburqa è stato lanciato dal comitato di Egerkingen, già all'origine dell'iniziativa anti-minareti approvata dagli elettori svizzeri nel 2009, che riunisce esponenti della destra conservatrice. Per i promotori del testo, il velo integrale è un simbolo dell'islam politico, della sua volontà di proselitismo nonché l'espressione di un'inaccettabile sottomissione della donna. L'iniziativa chiede una modifica della Costituzione per introdurre il divieto generale di nascondere il viso in pubblico ed è stata depositata nel 2017 con oltre 105.000 firme a sostegno. Paradossalmente la votazione si svolgerà in piena pandemia, con l'obbligo di indossare mascherine facciali in tutti i luoghi pubblici, un'eccezione sanitaria prevista dal testo in votazione.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT