martedi` 03 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Adnkronos Rassegna Stampa
21.05.2012 Pietro Mennea: ricordare gli atleti israeliani assassinati a Monaco
l'atleta scrive a Cameron e al comitato olimpico di Londra 2012

Testata: Adnkronos
Data: 21 maggio 2012
Pagina: 1
Autore: Adnkronos
Titolo: «Londra 2012: Mennea scrive a Cameron e CIO, ricordare Monaco '72»

Riportiamo il lancio ADNKRONOS dal titolo " Londra 2012: Mennea scrive a Cameron e CIO, ricordare Monaco '72 ".


Pietro Mennea, due immagini - le vittime israeliane di Monaco '72

Roma, 18 mag. - (Adnkronos) - «La famiglia olimpica riconosca il giusto tributo alle vittime di Monaco 1972». È l'appello di Pietro Mennea in vista delle Olimpiadi di Londra di quest'estate. A 40 anni dalla strage degli undici atleti israeliani Mennea, che partecipò a quelle Olimpiadi conquistando la medaglia di bronzo nella gara dei 200 metri, ha scritto al presidente del Cio Jacques Rogge, al primo ministro inglese David Cameron e al presidente del Comitato organizzatore di Londra 2012 Sebastian Coe «perché credo che ricordare le undici vittime di quella strage non sia un atto politico ma un'iniziativa di grande civiltà umana che dimostrerebbe quanto lo sport olimpico e i suoi valori siano importanti per la società», spiega l'ex olimpionico.

«Gentile Presidente -esordisce Mennea nella missiva-, le scrivo questa lettera, nella mia veste di atleta olimpico ed olimpionico, avendo partecipato a ben 5 edizioni dei Giochi Olimpici (dal 1972 al 1988) e avendo conquistato il titolo olimpico a Mosca nel 1980. Quest'anno ricorrono i 40 anni dalla strage di Monaco (5 Settembre 1972) avvenuta durante i Giochi Olimpici e che ha comportato l'uccisione di 11 atleti israeliani, che come me e tanti altri, inseguivano un sogno e mai avrebbero pensato di poter rimanere coinvolti in un atto politico - terroristico a loro del tutto estraneo». «Bisogna riconoscere e ammettere che allora il Cio e tutti noi atleti siamo stati colti impreparati da questo tragico evento con il suo tristissimo epilogo, e forse non fu fatto abbastanza per onorare le giovani vite spezzate di quegli atleti israeliani», prosegue l'ex campione azzurro. «Ho sempre creduto e ancora oggi credo fermamente nell'importanza dei veri valori olimpici e in cui tutti e soprattutto i giovani dovrebbero credere e riconoscersi. Ritengo pertanto -si legge ancora nella lettera di Mennea- che sarebbe importante che tutta la famiglia olimpica gli riconoscesse il giusto tributo anche solo con un minuto di silenzio, magari ricordando i loro nomi, nel corso dei prossimi Giochi Olimpici di Londra». «Questo -precisa- non sarebbe un atto politico, ma anzi, un'iniziativa di grande civiltà umana e giuridica, e la dimostrazione di come lo sport deve e può superare ogni ostilità e contrapposizione».

Per inviare la propria opinione ad Adnkronos cliccare sull'e-mail sottostante


segreteria.redazione@adnkronos.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT