sabato 13 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
La vittoria di Hamas? Per la stampa italiana é colpa di Israele

Sono giorni ormai che i nostri giornali traboccano di notizie sulle precarie condizioni nelle quali vivono i palestinesi. E’bene precisare sotto amministrazione palestinese, per non confonderli con i palestinesi israeliani che vivono invece nello Stato ebraico, nel quale condividono con i concittadini ebrei status sociale, politico ed economico. Sono quelli governati dall’Autorità palestinese, finora guidata da al Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, che però ha perso le elezioni, perchè la stragrande maggioranza ha passato le chiavi del potere ad Hamas, portandone in parlamento 74 deputati su 132. Quell’Hamas, giova ricordarlo, che non smette nemmeno un minuto di ricordare al mondo intero che non riconosce Israele, che tutta la terra è dell’Islam, in poche parole che Israele deve scomparire dalla faccia della terra. Non che questo programma sia originale, è comune a molti stati canaglia, in prima fila l’Iran di Ahmadinejad che non solo condivide, ma ci aggiunge anche un nutrito numero di testate atomiche in fase di costruzione. Questa premessa per dire che Hamas al governo se lo sono scelto i palestinesi, bocciando sonoramente il partito di Abu Mazen. Hanno detto si ai terroristi, pur immaginando quali sarebbero state le reazioni del mondo democratico, il quale, anche questo è bene ricordarlo, ha da tempo classificato Hamas fra i movimenti terroristi. Come reazione, l’America ha chiesto indietro all’ANP 50 milioni di dollari già stanziati, perchè non vuole che vadano a finanziare i nuovi governanti. Decisione simile è stata presa dal governo presieduto ad interim da Ehud Olmert. Ci mancava che Israele fornisse a chi vuole eliminarlo i soldi per farlo ! Eppure, una posizione così chiara e comprensibile, è stata interpretata da buona parte dei nostri analisti mediorientali come una posizione “dura”. Si, è stato proprio scritto “dura”, mettendo l’accento sull’intransigenza di Israele. Per cui se i palestinesi governati da Hamas sono arrivati a vivere con un budget di due dollari al giorno ( così almeno ci informano le statistiche), perchè non attribuirne la colpa ad Israele ? Oltre a tutto era da un po’ di tempo che le frecce contro lo Stato ebraico si erano spuntate, grazie alla politica lungimirante di Sharon, raccolta in pieno da Ehud Olmert con il nuovo partito Kadima. Bisognava trovare qualcosa di nuovo, anche per nascondere i veri responsabili delle condizioni nelle quali i sudditi di Arafat hanno sempre vissuto. Mentre il defunto rais accumulava miliardi nelle banche di tutto il mondo, i suoi facevano la fame. Colpa di Israele, tuonava, è colpa sua se non abbiamo uno Stato. Adesso, che con Abu Mazen Israele vedeva finalmente riconosciuto il suo diritto all’esistenza e alla sicurezza, è arrivato Hamas, che rimette tutto in discussione, dando nuovamente impulso a tutti i gruppi terroristi dell’area che stanno nuovamente preparando attentati.  Chi semina vento raccoglie tempesta, è quello che hanno fatto i palestinesi votando in massa per Hamas. Se aspettavano un plauso da Israele si sono sbagliati.


Angelo Pezzana, da Libero del 22 febbraio 2006


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT