lunedi` 22 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.05.2024 Gli ‘utili idioti’ al servizio dei terroristi
Analisi di Pierluigi Battista

Testata: Il Foglio
Data: 20 maggio 2024
Pagina: 1/2/3
Autore: Pierluigi Battista
Titolo: «La rabbia serva di Hamas»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 20/05/2024, a pag. 1/2/3, con il titolo "La rabbia serva di Hamas", l'analisi di Pierluigi Battista.

Pigi Battista dal Corriere a HuffPost. Curerà la rubrica
Pierluigi Battista
Università Torino, blitz studenti pro Palestina al rettorato - Notizie -  Ansa.it
Il manuale del buon jihadista invade le università e i collettivi studenteschi, in questa narrativa tutti gli ebrei sono un bersaglio. Ecco 10 categorie di nuovi antisemiti al servizio (consapevole o meno) del terrorismo palestinese

Un arcipelago con dieci isolotti pro Pal., cripto-filo-Hamas, filo Hamas senza cripto. Dieci figure sulla scena antisionista antisemita. Dieci categorie molto agguerrite, e molto sguarnite di cultura e informazioni. Qualcuno, rozzamente, avrebbe detto dieci categorie di “utili idioti”, consapevoli e non consapevoli, al servizio di Hamas. Dieci variazioni sullo stesso tema. Il decathlon dell’antisionismo urlante. Il catalogo è questo. (Più una perla di speranza e di coraggio)

1) La capra collettiva Sono il 99,9 per cento dei collettivi, a essere generosi: tutte capre senza speranza. Ignoranti assoluti. Non sanno nulla, blaterano, ululano, eruttano, si esprimono con suoni gutturali ritmati su slogan di desolante inconsistenza. Gridano “Palestine will be free from the river to the sea”, ma Daniela Santus, che è puntuale e sin quasi pignola nell’analisi storica, ha scoperto attraverso un sondaggio che se chiedi loro quale sia questo benedetto fiume e quale questo benedetto mare, le risposte sembrano, pressoché la totalità, delle tristi parodie dello studente asino. C’è chi ha detto: “Dal fiume Eufrate al mar Rosso”. Altri: “Dal fiume Nilo al Mar Caspio”. Altri ancora: “Dal fiume Tigri al Mar Rosso”, ma anche: “Dal fiume Nilo al Mar Rosso”. Qualcuno, tra gli italiani, ha voluto esagerare e mostrarsi capra da premio Oscar: “Dal fiume Alcantara al mar Mediterraneo” o addirittura (e non ce ne eravamo neanche accorti) “dal fiume Tevere al mar Mediterraneo”. Gridano fino all’afonia che da decenni la striscia di Gaza è occupata da Israele. Ma se provi a riferire che no, guardate, scusate il disturbo, tuttavia grazie all’odiato Sharon tutti gli ebrei di Israele se ne sono andati da Gaza dal 2005 e dal 2006 Hamas esercita un potere dispotico assoluto dopo aver scaraventato dai tetti i rivali dell’Autorità nazionale palestinese e aver speso tutti i soldi in armi, missili e tunnel blindati anziché in cibo e ospedali per i civili, ti guardano sgomenti per tanta improntitudine dell’arrogante sionista. Non azzeccano una data. Pendono dalle labbra di notori pro Hamas come Francesca Albanese, degna rappresentante delle inutili e dannose Nazioni Unite. Provate a chiedergli chi sia stato il fondatore del sionismo Theodor Herzl e ne avrete in cambio solo un’occhiata offuscata dall’ebetudine, incapaci come sono di sostenere qualunque tesi o argomento. Fossi un leader del ’68 mi offenderei con chi paragona il ‘68 con questa Intifada de noantri: loro almeno erano brillanti e persino informati. Questi sembrano comparse di Cinecittà a cui viene chiesto di recitare la parte della folla ululante e senza un briciolo di cultura. Ci riescono benissimo. E si divertono pure, con il miraggio delle tende nei cortili universitari.

2) Rettori poco retti Un capitolo a parte merita la categoria dei Rettori italiani, di alcuni Rettori italiani per meglio dire. A differenza di alcuni loro omologhi delle università americane, che si sono ribellati di fronte all’affollarsi violento degli accampamenti antisemiti, questa frazione di Rettori italiani ha fatto capire con evidenza plastica (ci sono i video: quindi se ci sono i video è dogmaticamente vero) 

3) Carogne purissime Quelli che fischiano gli ebrei in visita ad Auschwitz sventolando le bandiere pro Pal. e gridando slogan antisionisti all’indirizzo dei parenti dei sopravvissuti della Shoah. Quelli che espongono cartelli con Anna Frank munita di kefiah. Quelli che vogliono cacciare con la forza la cantante israeliana dall’Eurovision, con Greta, che non sa niente di niente, a far da capopopolo dopo essere passata dalla difesa delle balene a quella del capo Hamas Sinwar, la belva che ama seppellire i corpi smembrati dei “traditori”. A Bologna, mentre preparavano le tende per il campeggio Hamas, si è sentita una voce cantare, in arabo: “Gli uomini a Gaza continuano a scavare, torneranno a casa con buste piene di parti del corpo” (i corpi degli ostaggi del 7 ottobre, naturalmente). Quelli che alla Columbia University hanno circondato uno studente ebreo, minacciandolo con slogan feroci. Quelli che in tutta Europa attaccano le sinagoghe, senza che nessuno sollevi nemmeno un abbozzo di protesta, o un briciolo di indignazione, visto che solitamente l’indignazione è una merce così a buon mercato. Quelli che a Manhattan convincono con nodosi, molto nodosi argomenti un teatro a interrompere la rappresentazione di uno spettacolo tratto da uno scritto di Amos Oz, perché bisogna boicottare gli scrittori ebrei e israeliani, ancorché defunti. Quelli che in Australia issano un cartello con su scritto: “Gas the Jews” (ma neanche un comunicato di sia pur temperata dissociazione, nemmeno uno). Poi c’è quella signora che ha avuto a che fare con non si capisce bene quale carriera diplomatica in Italia (ma come fanno a sceglierli così?) e che senza pudore ha insolentito grevemente Liliana Segre, bambina sopravvissuta ad Auschwitz, e non in un giorno qualunque, ma esattamente nel Giorno della memoria, e tuttavia i custodi della memoria resi smemorati dal 7 ottobre hanno fatto passare la cosa come un eccesso di reazione. Quelli che hanno impedito a una ragazza ebrea di entrare nell’edificio di Sciences Po. Quelli che hanno impedito nelle aule universitarie di Roma e di Napoli di parlare a due giornalisti ebrei. Cioè “sionisti”, insomma ebrei.

4) Oscar dell’abiezione L’Oscar dell’abiezione antisemita va, nonostante la fitta concorrenza, a Roger Waters, ottant’anni, ex Pink Floyd: “Hamas era giustificata a resistere all’occupazione del 1967”; “gli israeliani inventano storie, probabilmente i primi 400 israeliani uccisi erano militari e quello non è un crimine di guerra. L’intera cosa è stata poi gonfiata da Israele con l’invenzione di storie su bambini decapitati”.

5) Non una di meno, una ti meno. Anche se non si arriva al negazionismo dell’unico satiro al mondo che non fa ridere, cioè il simpatico Daniele Luttazzi che proclama la teoria secondo cui i “presunti” stupri del 7 ottobre sarebbero soltanto miserabili fake news, le donne del movimento autonominatosi “Non una di meno” hanno già decretato che le donne israeliane (ebree ma anche arabe) violentate dai predoni di Hamas sono donne di serie B. Non meritevoli di solidarietà, da ignorare, cancellare, inghiottire nel nulla mentre si esalta la resistenza degli stupratori in lotta contro l’oppressore sionista. Hanno fatto un corteo contro il femminicidio, ma sul femminicidio di massa del 7 ottobre nemmeno una parola, nemmeno un accenno, nemmeno un fiato e anzi a Firenze hanno cacciato con la forza dal corteo una ragazza che voleva ricordare quella strage di donne. C’è chi si stupisce, ma non c’è da stupirsi: loro stanno dalla parte degli jihadisti, e chi se ne importa delle donne ebree. Da loro neanche una parola, un accenno, un fiato persino sulle donne afghane che i talebani di nuovo al potere hanno nuovamente segregato, picchiandole, impedendo di studiare alle ragazze e alle bambine, imponendo alle donne oppresse con una crudeltà indicibile di indossare il burka dell’umiliazione e con la minaccia della fustigazione pubblica se solo osassero uscire di casa senza un maschio barbuto al comando. Non una parola, un alito, un accenno anche di sfuggita sulle donne iraniane che si fanno ammazzare sulle strade di Teheran per rivendicare il diritto di non seppellirsi nel buio del velo obbligatorio e insomma per il diritto di essere libere. Sì, il taglio di una ciocca di capelli ogni tanto da modelle e attrici non si nega a nessuno. Ma quando si scopre che Nika Shakarami, una ragazzina sedicenne nell’Iran degli ayatollah, è stata violentata dagli energumeni della “polizia morale” prima di essere assassinata nel mattatoio allestito dal regime è come se la notizia non esistesse. E nemmeno un pensiero, non uno di meno, di sapere come vengono trattate le donne dai tagliagole di Gaza, senza il barlume di una libertà, di una dignità pubblicamente riconosciuta, come accade invece nelle fetenti terre dell’“entità sionista”. Ma non c’è verso, non si fanno convincere. Sbadigliano. Eludono. Fanno finta di niente. Proponiamo una manifestazione di “Non una di meno” davanti all’ambasciata iraniana? Ma non esiste proprio, come si dice a Roma con la solita indolenza cinica e un po’ stracciona: quella non è nemmeno la “cultura patriarcale” che opprime le donne dell’occidente. Anzi, la notte in cui l’Iran ha attaccato Israele con missili e droni, da quelle parti non una di più ha evitato di tifare per i bombardieri di Teheran. E continueranno, eccome se continueranno.

6) Lo slogan più trucibaldo. Quello gridato dagli accampati di Harvard, un tempio della cultura e del sapere oggi diventato covo di nefandezze antisemite, e che recita così, testuale: “Goodbye Nazis, go back to Poland”. Gli ebrei che devono tornare in Polonia, cacciati dalla Palestina. Che accadde agli ebrei in Polonia? Chiedere dettagli ai professori universitari del Boycott Israele.

7) Profumo coloniale. Quelli che dicono che il sionismo è stato un progetto infame di infami e ricchi colonialisti venuti in Palestina per opprimere con le loro potenti armi e i loro imbattibili eserciti i palestinesi. Il sionismo come progetto infame di ricchi colonialisti venuti in Palestina per opprimere i palestinesi. E la vera storia raccontata da Amos Oz. L’idea dell’a partheid che non arretra di un millimetro di fronte alla realtà. Il silenzio sui diritti violati a Gaza, sulla persecuzione degli omosessuali. Forse ci salverà la categoria dei coraggiosi A loro si potrebbe dedicare una citazione tratta da “Una storia di amore e di tenebra” di Amos Oz, alle pagine 160-161 dell’edizione italiana Feltrinelli, per la traduzione di Elena Loewenthal: a Gerusalemme, nel 1934, “nei cortili sorsero magazzini, piccoli capanni, tetti di lamiera, baracche montate alla bell’e meglio con assi ricavate dai bauli in cui i residenti avevano trasportato le proprie cose, come in virtù dell’ambizione di ricreare in questo posto copia perfetta dei borghi d’origine, in Polonia e Ucraina, in Ungheria e Lituania. (…) E intanto a Kerem Abraham abitavano piccoli impiegati dell’Agenzia ebraica, insegnanti, infermiere, scrittori, autisti, segretari, rivoluzionari, traduttori, commessi, pensatori, scribacchini, cassieri di banca o di cinema, ideologi, modesti negozianti, anziani soli che tiravano avanti con i loro risparmi in miniatura”. Colonialisti furiosi, davvero. Privilegiati come le infermiere e gli scribacchini che erano scappati dai pogrom: “Tutti cercavano di credere che i tempi brutti sarebbero passati, che lo stato ebraico sarebbe sorto quanto prima e tutto sarebbe cambiato in meglio: già, la misura delle disgrazie era ormai colma”. Disgrazie colonialiste. Pogrom antiebraici colonialisti.

8) Il fantasma dell’illibertà. Dovunque nel mondo c’è una tirannia, una qualunque forma di illibertà, lì senza alcun dubbio troverai Mein Kampus (copyright Giuliano Ferrara). E’ una legge inderogabile, che non conosce eccezioni. Se c’è da protestare per qualche dissidente cinese sparito nelle segrete di Pechino, lì certamente non troverai nessuno dei chiassosi collettivi. Se si è sgomenti per la sorte della popolazione musulmana degli Uiguri in Cina, questo sentimento non sarà condiviso da nessuno dei musulmani jhadisti che tanto attraggono il Movimento. Così attenti a quel che accade a Gaza, eppure non muoveranno mai un dito, men che meno alzeranno le loro possenti voci, per deplorare i bombardamenti dell’amico Putin su un ospedale pediatrico di Mariupol, per la strage di Bucha, per le pizzerie di Kramatorsk distrutte dai missili con tutti i civili bruciati dai potenti denazificatori di Mosca, per i condomini colpiti a Kyiv durante la notte per fare quanti più morti possibili, per il terrore sparso sulla cittadinanza di Odessa. Per la sorte di Navalny, poi, il silenzio è assoluto, senza increspature, ghiacciato come la Siberia in cui Putin aveva spedito il più famoso dei dissidenti. Non fanno rumore i dissidenti avvelenati, il ricordo di Grozny rasa al suolo, le migliaia di bambini ammazzati ad Aleppo e nel resto della Siria dal duo di tagliagole formato da Assad e Putin. Niente, sempre amici. E neanche un brivido solidale con i ragazzi di Tbilisi che portano le bandiere della Georgia e dell’Europa mentre i filo-russi vorrebbero bastonarli bestialmente come “agenti” di “influenze straniere”, cioè con la testa e con il cuore rivolto all’odiato occidente scomunicato dal Patriarca Kirill, la vera guida spirituale dei movimenti oscurantisti che si agitano nelle piazze e nelle università del mondo democratico. Lì il principio di autodeterminazione dei popoli non viene nemmeno menzionato. Quei coetanei della Georgia vogliono la libertà? Ma i seguaci dell’illibertà non hanno nulla da spartire con loro.

9) Cattivi maestrini. E poi ci sono gli insegnanti, i docenti, i professori, frutto dello sfascio della scuola, in tutta evidenza. Anche Jonathan Lethem, oltre a essere uno scrittore, è un professore. Non è figlio dello sfascio della scuola italiana, ma la superficialità del corpo insegnante oramai senza argini non conosce confine, barriera, frontiera, lingua. E Lethem questo insegna ai suoi allievi a proposito di Israele e antisemitismo: “Si tratta di combattere un governo sanguinario e corrotto. E’ una coerente e persistente critica rivolta allo Stato di Israele e alla sua politica di apartheid”. Ecco la parola chiave che unisce tutti i cattivi maestrini: apartheid. Anche gli insegnanti italiani, firmando il manifesto per il boicottaggio di Israele, fanno ricorso a quella parola: apartheid. Hanno scritto che i palestinesi combattono non contro il governo di Israele, ma contro 75 anni di oppressione, cioè contro lo Stato di Israele in quanto tale, secondo una risoluzione dell’Onu in cui si stabiliva il principio del “due popoli, due stati” (“due stati democratici”, specificava con la sua consueta pignoleria sanamente iper-liberale Marco Pannella). Poi in un altro manifesto è venuta fuori la cifra di 70 anni, che è una cifra un po’ casuale, tanto per dire un numero, tanto per sparacchiare una data così per dire, visto che non si ricorda negli annali della storia qualcosa di totalmente decisivo avvenuto nel 1954. Ma i professori italiani anti Israele e filo Intifada non arretrano di un millimetro: apartheid deve essere e apartheid sarà. E i parlamentari arabi alla Knesset? Non contano: apartheid. E la nuova Rettrice araba dell’Università di Haifa Mona Maroun? Non conta: apartheid. E il partito Raàm, arabo-israeliano, che nel 2021 aveva un suo esponente nel governo, addirittura viceministro degli Interni? Non conta: apartheid. E le donne arabe israeliano stuprate il 7 ottobre? Non conta: apartheid. Non contano i dati di fatto, le circostanze, l’inverosimiglianza di un popolo segregato che pure esprime un ministro del governo. Conta solo il mantra, la formuletta narcotizzante da ripetere all’infinito senza interlocuzione, senza confronto, senza amore per la cultura e per la storia. Come nel caso dell’insegnante di Torino, che dopo aver declamato una lezioncina contro l’orrore di Israele che opprime da sempre i palestinesi, ha preteso dai suoi sfortunati studenti un temino sull’argomento: con quale libertà per i poveretti costretti a ripetere le fesserie dell’insegnante per non essere bocciati è facile immaginare.

10) Intifada (anti)gay. Ecco il risultato di una ricerca indipendente pubblicata in Italia da Fanpage: “A Gaza essere omosessuale è un reato punibile con la morte. E’ infatti in vigore l’ordinanza del codice penale inglese del 1936, che criminalizza i rapporti omosessuali tra uomini adulti anche se consenzienti”. E ancora, e soprattutto: “Nel 2016, il braccio armato del gruppo militante palestinese Hamas ha giustiziato Mahmoud Ishtiwi, uno dei principali comandanti del gruppo, con l’accusa di sesso gay e furto. Molti palestinesi Lgbtq+ hanno cercato rifugio in Israele. Secondo l’avvocato Shaul Gannon, dell’organizzazione Lgbtq+ israeliana The Aguda – Israel’s LGBT Task Force- circa 2.000 omosessuali palestinesi vivono a Tel Aviv. Secondo Pew Research, il 93 per cento della popolazione palestinese è completamente contraria all’omosessualità, una percentuale tra le più alte al mondo. La Palestina è stata anche nominata da Forbes come uno dei paesi peggiori al mondo per i viaggiatori Lgbtq+”. Ma niente, la sorte degli omosessuali scaraventati dalle finestre nel regime dispotico di Hamas a Gaza non è in cima alle preoccupazioni delle truppe che nelle metropoli occidentali sventolano le bandiere dell’orgoglio gay insieme a quella dei predoni asserragliati nei tunnel di Gaza. Se avessero voglia di leggere (ma ne dubito) e avessero il coraggio di affrontare una storia che scardina tutte lo loro certezze, i gay occidentali che senza pudore e senza dignità buttano nella spazzatura i gay palestinesi trucidati potrebbero chinarsi sulle pagine del romanzo di Cinzia Leone, “Vieni tu giorno nella notte”, per comprendere il dramma, la tragedia degli omosessuali della Palestina perseguitati dal regime, ripudiati dalle loro famiglie, costretti a fuggire in Israele dove, tra le mille contraddizioni di qualunque società in bilico tra tradizione e modernità, si è tuttavia liberi di amare. O ricordare la storia di Ishtiwi, già dirigente di Hamas, scoperto come omosessuale nel 2016, malmenato e poi torturato, che scrisse in ceppi: “Mi hanno quasi ucciso”. Ma forse, diranno gli acuti protagonisti delle piazze d’Occidente, era una spia sionista che si è inventato tutto. Però… Poi ci sarebbe la categoria dei coraggiosi, e che non avrebbero nessun interesse, per mestiere e vocazione, a mettersi contro l’ondata mainstream post 7 ottobre. Uno per tutti: Vasco Rossi, che in un’intervista al Corriere della Sera ha detto: “’Free Palestine’ è un bello slogan, ma se implica la distruzione dello Stato di Israele, allora sarebbe più onesto dirlo. E alla distruzione di Israele io mi ribello. Leggo cose superficiali, in cui non mi riconosco. Mi hanno dato del sionista, ma io non so neppure cosa voglia dire. So che se mettessi il like a ‘Palestina libera’ mi amerebbero tutti; ma io non sono fatto così”. Menomale, grande Vasco.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT