sabato 25 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
26.07.2003 La guerra e gli angeli
Continua la storia di Miriam

Testata:Informazione Corretta
Autore: Deborah Fait
Titolo: «La guerra e gli angeli»
Continua la storia di Miriam raccontata da Deborah Fait.
Scoppia la prima guerra di Indipendenza.
Miriam parla in modo chiaro, senza sbavature, senza retorica, racconta
episodi, non la guerra con i combattimenti, ma i sentimenti, i pericoli degli ebrei, dei bambini del suo kibbuz tra i quali c'era suo figlio.
Racconta in modo pacato, freddo, forse stanco. E' molto provata dai ricordi
o forse e' provata anche dalla realta' di oggi: la guerra continua.
"Sono passati 56 anni e abbiamo ancora morti ebrei, ancora bambini ebrei
fatti a pezzi. Gli arabi non hanno fatto un passo lontano dall'odio, anzi
ne hanno fatto la ragione della loro vita".

Non voglio interrompere Miriam, la lascio parlare :

Ricordare pu˛ far sentir spossati? credo proprio di si, sono stanca. Sono seduta qui e mi domando incredula: ma in quale sequenza sono accaduti i
fatti? I ricordi si accavallano come un fiume in piena e dopo tanti anni e' difficile dar loro un ordine cronologico, credo pero' di esserci
riuscita...forse per questo sono sfinita!
Oggi capisco anche perchŔ, all'epoca, il mondo era convinto che in due settimane al massimo tutto sarebbe finito con la nostra totale disfatta: gli
eserciti arabi, molti dei quali comandati da ufficiali inglesi, contro gli ebrei male armati e abbandonati a se stessi, che dico abbandonati, peggio ,
in molti casi ci fu impedito di difenderci.
Come abbiamo fatto a vincere? Eppure ce l'abbiamo fatta, contro ogni previsione, da soli, con poche armi e tanta voglia di vivere.

E continua a parlare come se raccontasse , in simultanea, un
film che scorre davanti ai suoi occhi:

Gl'inglesi se ne vanno, senza fretta, non hanno proprio nient'altro da fare:
andarsene e basta, lasciarci in pace, ...invece continuano a farci del male,
vogliono sabotarci, lasciano che ci ammazzino.
Un giorno un gruppo di poliziotti ebrei, i meravigliosi Notrim, furono
circondati dagli arabi ad Azor, tra Rechovot e Tel Aviv. I ragazzi del
Palmach corrono
in loro aiuto ma gli inglesi non li lasciano passare e i Notrim vengono
uccisi e fatti a pezzi.
Oggi sulla strada di Tel-Aviv c'Ŕ una localitÓ chiamata Mishmar HascivÓ,
vicino a Azor, in ricordo dell'eccidio.
I Notrim erano poliziotti ebrei per la difesa degli insediamenti ebraici,
dipendendevano
della Regia Polizia Britannica e da questa furono vilmente traditi.
Questo Ŕ uno dei tanti gravi episodi che ricordo ma mi sto chiedendo in
quale momento della guerra e' stato evacuato il kibbuz Nizzanim. Ti ricordi
che era stato il mio primo kibbuz nel 1947 ? Ricordo che la notizia
dell'evacuazione mi strinse il cuore come in una morsa e giurai a me stessa
che mai nessuno mi avrebbe mandata via da Givat Brenner. Nessuno avrebbe
evacuato me, la mia famiglia, i miei compagni.

Quando e' accaduto ? Dove lo metto quel ricordo? ma che importanza ha ?
Accadde e basta.
Accade che un giorno .......
......sai i bambini in kibbuz non mangiano generalmente coi genitori.....
percio' quel giorno alcuni tavoli richiamano la mia attenzione.... vi siedono giovani donne e
bambini piccoli. Come mai, mi chiedo? Chi sono?
Prima di partire col mio carrello, mi giro verso il finestrone-passavivande,
che succede di lÓ, chi sta parlando ? Una voce strana, afona, una voce che
faceva impressione mi fece capire tutto, un incubo! "Nizzanim Ŕ stata
evacuata: sono rimasti solo pochi uomini a combattere contro l'esercito
egiziano che avanza..."
le mamme e i bambini vengono sistemati nei kibbuz vicini, anche nel nostro.

Non bastano dunque le bande armate che ammazzano e rubano, ora 5 eserciti
invadono il Paese. Dal sud avanzano gli egiziani, da est la legione della Giordania, agguerrita,
disciplinata, ben addestrata e comandata da ufficiali inglesi.
Praticamente combattiamo contro gli inglesi, sono loro al comando degli eserciti arabi.
Il solito doppio, triplo, quadruplo gioco della "perfida Albione".

Dal nord scendono anche i Libanesi e i Siriani. Fra le forze arabe Ŕ
presente pure l'Irak anche se non confina con noi e il Sudan, anche se non
c'entra niente
col Medio oriente.
Tutte queste forze militari incitano la popolazione araba locale: " andate
via, lasciateci far la guerra e alla fine tornerete nelle case degli ebrei" e questi si
lasciano convincere accecati dall'odio e dalla propaganda. Barconi solcano il mare, la meta Ŕ Gaza: non Ŕ cosý
lontano.
Non sanno che i loro fratelli arabi li rinchiuderanno in campi e li useranno
in seguito come armi umane contro Israele e come scusa per continuare la
guerra.
Se fossero rimasti, se avessero combattuto con noi, se non avessero creduto
a quelle dittature che li stavano usando e che li avrebbero
rovinati e resi profughi.

Da Tel-Aviv gli ebrei entrano a Giaffa, armati di megafono, fra loro c'e' il futuro suocero di uno dei miei figli.
Urlando nel megafono esortano la popolazione a rimanere, sono state scelte
persone che parlano il dialetto arabo locale: "non fuggite: non vi sarÓ
fatto alcun male, non abbandonate le vostre case".

La guerra avanza, gli egiziani sono ormai chi a cinque, chi a sette
chilometri dal nostro Kibbuz. Siamo circondati.

Gli ebrei pero' spiazzano tutti, gli arabi e il mondo intero, perche' non solo resistono,
ma riportano vittorie: "Incredibile!" Che
succede? " Il mondo e' meravigliato, gli arabi non ce la fanno piu',
ricorrono al trucco di Maometto, parlano di hudna, le Nazioni incalzano,
obbligano le due parti a decidere per il " cessate il fuoco".
Si diffonde intanto, tra i soldati arabi, una voce stranissima, i soldati
irakeni affermano che ai lati di ogni soldato ebreo combattono due angeli!
Dicono di vederli, gli angeli! Dicono che proteggono gli ebrei! Gli eserciti
armati fino ai denti si spaventano.
"Non li vinceremo mai" gridano in modo isterico.
E hanno ragione, non ci vinceranno mai!
E sai perche'? Quello che in loro e' fanatismo in noi e' coraggio. Quello
che per loro e' odio, per noi e' amore per Casa nostra. l'Unica che abbiamo!
Potranno ucciderci tutti ma non vincerci.

Mio figlio nasce, dopo 3 giorni torno a casa dall'ospedale di Rechovot, il "
cessate il fuoco " dura un mesetto: non siamo spariti dalla faccia della
terra come tutti pensavano....o forse... speravano.
Dopo due settimane, le poste internazionali ci ricollegano al resto del mondo
( che
care ! )ma avvertono minacciosi che non possiamo adoperare francobolli di
altri paesi. Credono di trovarci impreparati:
" Certo che no ! " Ŕ la nostra orgogliosa risposta " Siamo pronti con i
nostri francobolli ! "
Infatti le lettere partono con francobolli del K.K.L.(Keren Kayemet
LeIsrael) sui
quali spicca il timbro " Medinat Israel", Stato di Israele!
Il K.K.L., il fondo Nazionale Ebraico per l' esistenza d'Israele. Il K.K.L.
che con i suoi bossoli in tutte le case ebraiche del mondo raccoglieva i
fondi
per comprare terre e per piantare poi quasi 300 milioni di alberi in Erez Israel.
Soldi! Ci criticavano in Europa! "la patria non si compra coi soldi ma col
sangue"...e il sangue non manca, prima il terrorismo e ora c'e' una guerra, 5 paesi ci hanno
assalito: chissa' se questo sangue
che scorre, tutto
questo sangue, sara' moneta valida per gli europei? Accetteranno le vite dei nostri fratelli come pagamento per riconoscere i nostri diritti?

Finita la tregua, ricominciano gli allarmi, decidiamo di coricare tutti i
bambini ed i neonati nei bunker. Ci saranno due sorveglianti per bunker: Anna
(Anna Pontecorvo, la sorella del fisico Pontecorvo scomparso in URSS) ed io ci sistemiamo nella trincea vicino all'ingresso in modo da poter sentire
se un bambino piange, ma, nello stesso tempo per non usare l'aria dell'interno e lasciarla tutta ai bambini.
Ecco, c'Ŕ un aereo che vola, sarÓ sull'aranceto,oppure sui campi o su di
noi? Ci bombardera'?
"ChissÓ Anna che cosa pensa" mi chiedo ma facciamo silenzio e restiamo
immobili nella nostra trincea.
Ripenso ai mille aerei in Italia che sganciavano una bomba da 1000 kg
nello
stesso
momento, penso ai bombardamenti a tappeto di Torino ed io c'ero...
Uno schianto e penso: Ŕ una bomba piccola, poi sento la voce di Anna: "che
ci
facciamo qui dentro ? " eravamo finite dentro il bunker dei bambini, eppure
avevamo detto di star
fuori. Come era successo? non ci siamo alzate , non abbiamo camminato e
allora come mai
siamo finite dentro?
SarÓ stato lo spostamento d'aria...ci guardiamo e
aggiungiamo "...o la fifa!" e scoppiamo a ridere. "Shhhhhh ! zitta se no
si svegliano tutti!"

" Sono il fratello di Dino Colombo, ti porto i suoi saluti" mi disse Silvio
Colombo di Torino, che venne a trovarmi alla casa dei bebŔ, dov'ero di
guardia. La moglie, mi spieg˛, era
corrispondente di guerra per un giornale francese ed era stata mandata nel
Negev, lui aveva
preferito far visita agli amici.
E fu la fortuna per me e per i bambini che proteggevo: suona l'allarme e non
si puo' rischiare, bisogna andare di corsa al rifugio ma io sono sola con 8 neonati, " Qua a
me! " dice Silvio " aiutami a sistemarmeli sotto le braccia "
Ne prende sei, tre per parte, io prendo gli altri due e arriviamo al
rifugio, la
sirena urla ancora...ma noi li salviamo tutti.

Fu allora che iincominciammo a sentire strani discorsi su una casa che ci
avrebbe accolti a
Tel-Aviv: volevano evacuare mamme e bambini perche' ormai eravamo
circondati dagli
egiziani.
"Mai!" dissi a me stessa.
Ci opponemmo decisamente, noi mamme, prima una a una e poi tutte insieme. Gliela facciamo
vedere noi agli egiziani: non ci moviamo!! E non ci movemmo.
Poi la guerra finý... o meglio non finý...e non Ŕ finita ancora...
I miei figli sono nati con la guerra, i miei nipoti sono nati con la guerra.

Faccio l'ultima domanda. La piu' difficile.
- Miriam, secondo te avremo la pace un giorno?

Oggi siamo colpiti non solo dalla guerra ma dall'odio, un odio senza fine..
Questo e' un odio che, come una deflagrazione atomica, vuole distruggere il
mondo intero pur di distruggere noi. Il pericolo e' che il mondo occidentale
non vuole capire e per lo piu' si schiera con gli arabi, anche se
terroristi, contro di noi, ebrei quindi diversi. Noi siamo gli unici
"diversi" che il buonismo occidentale si rifiuta di rispettare.
Perche' li disturba cosi' tanto il fatto che vogliamo avere il nostro paese?
Era dei palestinesi, dicono? Mai visto uno quando sono arrivata nel 47 e
comunque era di scambio di popolazioni che era giusto parlare. Lo hanno
fatto in Europa ma non abbiamo potuto farlo noi che abbiamo accolto 800.000
profughi ebrei scacciati dai paesi arabi. Il Paese e' di chi lo ama e noi lo
abbiamo amato per millenni. Per questo Paese siamo morti in Europa e qui ,
per questo Paese eravamo disposti a convivere in pace con gli arabi e a dividerlo con loro. Loro hanno
scelto la guerra. Peccato! Peccato per i nostri ventiduemila morti.
Non so se avremo mai la pace ma so che non vinceranno perche', e dovremmo forse ricordarglielo
- conclude sorridendo- gli iraqeni hanno visto gli angeli combattere accanto a noi.



Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT