sabato 24 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.09.2023 Bibi ha definito Musk 'l’Edison del nostro tempo'
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 20 settembre 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Musk e la parola di troppo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 20/09/2023, a pag.3, l'editoriale "Musk e la parola di troppo".

Perché Elon Musk vuole mettere X (Twitter) a pagamento per tutti
Elon Musk

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha chiesto a Elon Musk, il proprietario di X, precedentemente Twitter, di adottare misure per frenare l’antisemitismo sulla piattaforma. Musk all’inizio di questo mese ha minacciato di citare in giudizio l’Anti Defamation League, accusando l’organizzazione di “tentare di uccidere” X dopo che il gruppo aveva segnalato un picco di incitamento all’odio sulla piattaforma in seguito al ripristino di account bannati. Nell’incontro, Netanyahu ha elogiato Musk per quello che ha definito il suo sostegno alla libertà di parola e ha detto di sapere che il proprietario di X è contrario all’antisemitismo. “Spero che troverete, entro i confini del Primo emendamento, la capacità di fermare l’antisemitismo o di reprimerlo nel miglior modo possibile, ma anche qualsiasi forma di odio collettivo verso un popolo come quello che l’antisemitismo rappresenta, vi esorto e vi incoraggio a trovare un equilibrio”, ha detto Netanyahu. “Sono contro l’antisemitismo e contro tutto ciò che promuove l’odio e il conflitto”, ha risposto il patron di Tesla. Tuttavia, Musk ha sottolineato che “la libertà di parola a volte significa che qualcuno che non ti piace dice qualcosa che non ti piace”. Qui Musk dovrà trovare la quadra: garantire la libertà di parola, ma evitando che X diventi il ricettacolo di liquami antisemiti. Musk ha aggiunto che ci sono tra i 100 e i 200 milioni di post al giorno su X e “alcuni di questi saranno pessimi”. Netanyahu ha risposto che ciò non dovrebbe impedire a Musk di condannare l’antisemitismo. Netanyahu ha suggerito a Musk che un modo per combattere l’antisemitismo è impedire l’uso dei robot. “Bibi” ha poi definito Musk “l’Edison del nostro tempo” e il “presidente non ufficiale degli Stati Uniti”. Per questo Musk ha una responsabilità maggiore nell’evitare che l’agorà digitale sia usata da chi non dovrebbe neanche starci.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT