giovedi` 30 novembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il programma di Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
08.06.2023 Per i giornalisti palestinesi, la “massima priorità” è la “lealtà” verso i terroristi
Da Israele.net

Testata: israele.net
Data: 08 giugno 2023
Pagina: 1
Autore: la redazione di Israele.net
Titolo: «Per i giornalisti palestinesi, la “massima priorità” è la “lealtà” verso i terroristi»
Per i giornalisti palestinesi, la “massima priorità” è la “lealtà” verso i terroristi
Da Israele.net

Il Consiglio del Sindacato dei giornalisti palestinesi ha dichiarato che la “massima priorità” dei giornalisti palestinesi non è l’obiettività professionale bensì “la lealtà verso tutti i martiri”, vale a dire i numerosi terroristi che restano uccisi mentre compiono attacchi e attentati contro civili e militari israeliani:

 

Giornalista palestinese Muhammad Al-Baz: “Oggi noi [del Consiglio del Sindacato dei giornalisti palestinesi] inviamo il messaggio che la massima priorità del giornalista palestinese è la lealtà verso tutti i martiri, la lealtà verso la giusta causa del nostro popolo”.
(Da: Notiziario della TV ufficiale dell’Autorità Palestinese, 23.5.23)

Questa professione di lealtà verso ogni forma di lotta armata, terrorismo compreso, fa eco a una dichiarazione fatta lo scorso gennaio ai giornalisti palestinesi da Ahmad Assaf, supervisore generale dei mass-media ufficiali dell’Autorità Palestinese, a nome del presidente dell’Autorità Palestinese Abu Mazen, e riportata dal quotidiano Al-Hayat Al-Jadida:

Ahmad Assaf: “Agli occhi dell’onorevole Presidente, voi [giornalisti] siete i soldati della patria che difendono la narrativa nazionale palestinese contro la narrativa sionista”.
(Da: Al-Hayat Al-Jadida, quotidiano ufficiale dell’Autorità Palestinese, 30.1.23)

L’appello ai giornalisti palestinesi a farsi pedine della politica e della propaganda anziché attenersi al proprio “dovere professionale” viene perfettamente recepito dalla categoria, come dimostra un dialogo avvenuto sulla TV dell’Autorità Palestinese lo scorso gennaio:

Alaa Sharbati, figlio del detenuto terrorista Ayman Sharbati: “Buongiorno, grazie mille per avermi ospitato”.
Giornalista in studio: “Ci mancherebbe, è il nostro dovere”
Alaa Sharbati: “Voi siete il canale televisivo della patria, di cui siamo orgogliosi”
Giornalista in studio: “Il nostro dovere nazionale viene prima di quello professionale”
(Da: TV ufficiale dell’Autorità Palestinese, 6.1.23)

(Da: palwatch.org, 5.6.23)


http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT